in

Rivestimenti ecologici: il buono, il vero e il bello!

A gennaio, l’articolo dell’Arte dell’eco … ha presentato nuovi materiali da costruzione e isolamento ecologico. Vi abbiamo anche promesso di discutere le poche novità negli scaffali dei rivestimenti per esterni ed interni. Eccoli !
Come promemoria, i materiali ecologici mireranno a soddisfare uno o più dei seguenti criteri:

  • ridurre al minimo l’energia richiesta per la produzione e presentare un bilancio ecologico favorevole;
  • ridurre le emissioni di composti organici volatili da solventi in colle e vernici;
  • utilizzare al massimo ingredienti o componenti di origine naturale;
  • migliorare le proprietà termiche e ridurre il consumo di energia;
  • migliorare le proprietà acustiche e igrometriche delle pareti;
  • ridurre l’uso di prodotti petrolchimici;
  • ridurre l’uso di sostanze nocive;
  • ridurre le emissioni di C02 durante la produzione.

Tutto questo per limitare il nostro impatto sull’ambiente e creare una sana atmosfera indoor. 
I rivestimenti interni sono a diretto contatto con l’aria interna. Nella loro scelta, saremo quindi particolarmente attenti ai potenziali impatti di questi materiali in termini di inquinamento indoor.
Per aiutarci a sceglierli, alcuni di questi materiali e prodotti hanno un’etichetta che indica che sono conformi a specifiche precise, integrando criteri ambientali e / o sanitari.

Per esempio :

Angelo blu
Ecolabel
Natureplus
Ambiente NF
       
 
FSC
PEFC
IBR
 

Non miriamo qui a confrontare la qualità ambientale di questi prodotti, ma piuttosto a mostrare alcuni sviluppi interessanti e lo sviluppo di nuovi settori. Anche questo settore è in pieno sviluppo, non potremo essere esaustivi in ​​questa scheda. Ecco alcune “novità” nei reparti di rivestimenti per pareti esterne, rivestimenti per pareti interne e rivestimenti per pavimenti interni. 

1. Nel reparto “Rivestimenti per pareti esterne”

Ecologici o no, i rivestimenti per pareti esterne devono soddisfare una serie di requisiti essenziali per proteggere la casa dall’acqua e dal vento. Inoltre traggono vantaggio dall’essere facilmente compatibili con il sistema costruttivo. Ad esempio, è più facile rifinire un telaio in legno con un rivestimento in legno che con un mattone di rivestimento. Nella costruzione ecologica, queste coperture dovrebbero anche contribuire all’isolamento termico o addirittura acustico della casa, da un lato, migliorando così il comfort in inverno e in estate. E che si integrano armoniosamente ed esteticamente nel loro ambiente d’altra parte.

Infine, si può attirare l’attenzione sulla permeabilità al vapore acqueo dell’intera parete. Anzi, sarebbe un peccato costruire pareti traspiranti per rivestire il tutto con un rivestimento impermeabile al vapore acqueo, con il rischio di bloccare completamente l’umidità in casa. Non abbiamo visto abbastanza facciate in pietra degradate da cementi impermeabili che impediscono alle pareti di respirare?

Si consiglia di rivolgersi a professionisti dell’edilizia per la realizzazione delle sue facciate esterne (falegnami o falegnami per il rivestimento, soffitto o cappotto per gli intonaci di finitura, ecc.)! Detto questo, sempre più professionisti sono aperti a lavorare con il proprietario del sito. Discuti …

1.a Varianti intorno agli intonaci di calce!

È possibile applicare intonaci di finitura sulle facciate. Gli intonaci color calce sono noti da molto tempo. Tradizionalmente utilizzati per proteggere le friabili costruzioni in pietra, sono disponibili in un’ampia varietà di colori, come dimostrano le facciate colorate di interi villaggi in Italia.

I più coraggiosi possono iniziare a imparare a preparare e applicare gli intonaci di calce. Non trascurare la complessità delle operazioni: gli strati successivi, i collegamenti ai tetti, alle finestre, al pavimento, la planarità e la finitura dell’intonaco, ecc.

Negli ultimi sviluppi, è interessante osservare come il settore degli intonaci a calce si sia ampiamente adattato a nuove tipologie costruttive e nuove esigenze in termini di isolamento. Ad esempio: pannelli isolanti pronti da ricoprire, intonaci isolanti o anche intonaci preformulati adatti a un’ampia varietà di supporti.

Intonaco di calce da applicare su muratura in laterizio

Fonte: www.bcb-tradical.com

Gli intonaci a calce consentono di recuperare le irregolarità del muro. Sono traspiranti e impermeabili all’acqua piovana. Il solo intonaco a calce, invece, non ha proprietà di isolamento termico interessanti.

Pannelli isolanti in fibra di legno pronti per la verniciatura

  
Fonte: www.unger-diffutherm.de/en

Un primo pannello isolante in legno flessibile permette di recuperare le irregolarità della parete.

Fonte: www.pavatex.fr

È anche possibile utilizzare pannelli di canna o sughero da rivestire. È vero che il sistema “pannello flessibile – pannello in gesso – finitura in gesso” è piuttosto costoso. D’altra parte, il risultato è molto convincente in quanto taglia tutti i ponti termici. E si noti inoltre che il costo del centimetro di isolamento aggiunto in questo caso è piccolo rispetto al costo totale del rivestimento.

Intonaco isolante a base di calce, perlite e vetro espanso

Fonte: www.ecoplaster.be / www.biolis.be

Interessante se lo spessore da lavorare non consente il posizionamento di pannelli isolanti. È anche ovvio che un rivestimento da solo è più economico di un rivestimento su pannelli isolanti. In questo caso una diagnosi energetica consentirà di validare che il costo aggiuntivo dell’isolamento sarà ammortizzato nel tempo.

1.b Varianti intorno al legno

Il legno oggi offre una sorprendente varietà di soluzioni, che vanno dalle tradizionali scandole di cedro ai pannelli di legno, comprese tutte le forme di rivestimenti. Il legno permette così di dare all’edificio un aspetto sia tradizionale che moderno. Anche in questo caso, vale la pena rivolgersi a professionisti per intraprendere l’avventura. 

Rivestimento di facciata in pannelli di legno (compensato, tre strati o composito)

Fonte: www.bois.com

Scandole di larice (disponibile anche in rovere, cedro e pino)

Fonte: www.lamaisonecologique.be (PDF)

Nota anche negli sviluppi recenti: legno retificato. La retificazione è un processo di trattamento termico che conferisce al legno stabilità dimensionale e durevolezza (resistenza ad insetti e funghi) senza che le sue proprietà meccaniche siano sensibilmente influenzate. Questo tipo di trattamento rende più facile lavorare con specie locali per applicazioni durevoli all’aperto: pino, frassino, faggio, abete rosso e persino pioppo!

Rivestimento in faggio retificato

Fonte: www.retiwood.com

Si noti che le tegole, il legno retificato o anche il cedro, l’abete Douglas o il rivestimento in larice possono fare a meno del trattamento. Finché accetteremo l’ingrigimento naturale del legno, risparmieremo anche sulla dolorosa manutenzione regolare del legno. Il problema in questo caso è principalmente estetico in quanto non è il trattamento in quanto tale a prolungare la durata del rivestimento.

2. Nel reparto “Rivestimenti per interni”

Non discuteremo qui le novità in termini di pitture, vernici e trattamenti superficiali ma piuttosto le superfici stesse.

2.a Varianti attorno agli intonaci

Accanto ai tradizionali controsoffitti in gesso troviamo anche una vasta gamma di intonaci a base di argilla o calce ma anche a base di fibra vegetale (cellulosa o cotone) o intonaco naturale senza radon. I principi “ecologici” di questi rivestimenti sono spesso gli stessi: riduzione dell’inquinamento interno, regolazione dell’umidità interna, contributo al comfort termico, assorbimento acustico pur essendo decorativo.

Intonaci a base di argilla

Fonte: www.gillaizeau.com

Rivestimenti a base di fibre vegetali


Fonte: www.sajade.be (PDF)

Rivestimento di finitura impermeabile del tipo “Tadelakt”

Fonte: www.alliance4.fr (PDF)

Gli intonaci “terra” sono abbastanza economici e si prestano relativamente bene all’auto-costruttore motivato. L’implementazione di un tadelakt d’altra parte è costosa e difficile. Sarà riservato ad esempio in bagno. In tutti i casi, sarà utile verificare con un professionista per verificare se il supporto è adeguato a ricevere un rivestimento. Se necessario, sarà prima necessario realizzare una mano di legame.

3. Nella sezione “Rivestimenti per pavimenti interni”

Sarebbe possibile immaginare qualcosa di diverso dalle eterne piastrelle “così facili da mantenere” ma “così fredde sui piedi”? … e quei vinili e altri tappeti sintetici? Certamente sì!

3.a Nel raggio del suolo “freddo”

Lastre in terracotta lavorate a mano

Fonte: https://materiaux-namur.com – www.courboissy.fr

Le piastrelle in terracotta possono sostituire le piastrelle tradizionali. Vengono utilizzati nelle stesse condizioni ma richiedono una maggiore manutenzione.

La

lastra di cemento a calce o argilla preparata Fonte: www.areso.asso.fr

Queste piastrelle sono compatibili con un pavimento riscaldato. Oggi, la loro implementazione è essenzialmente autoprodotta. I più motivati ​​realizzano anche una lastra di argilla con il terreno argilloso delle loro fondamenta: il costo in questo caso si riduce alle ore di lavoro che le vengono dedicate!

3.b Al raggio dei pavimenti “caldi”

Parquet o massello resta una soluzione “calda” e durevole che permette di lavorare anche con essenze legnose locali (rovere, castagno, pino, ecc.). Il pavimento in bamboo o il trattamento specifico del pavimento ne permettono anche l’estensione dell’uso alla cucina o al bagno. Nonostante provenga da lontano, il bambù è rinnovabile e offre caratteristiche meccaniche interessanti (durezza, resistenza alle muffe, bassa dilatazione, assenza di nodi).

Per l’implementazione, un sottostrato acustico può essere vantaggioso per ridurre il rumore da impatto. L’installazione inchiodata elimina la necessità di colla! Se un adesivo è inevitabile per la posa su un massetto, ad esempio, possiamo vantaggiosamente orientarci verso adesivi “ecologici”. Si trovano nei negozi di materiali da costruzione verdi. C’è anche un’etichetta tedesca che garantisce le basse emissioni di adesivi.

www.emicode.de

Infine, non dimentichiamo i tappeti e i rivestimenti per pavimenti realizzati con fibre vegetali: cocco, sisal, fanerogame (da 15 a 35 € / m²) ma anche sughero (da 20 a 35 € / m²) e vero linoleum (da 55 a 65 € / m²) .

Tappeto di alghe

Fonte: www.maisonverte.be

Conclusioni

Il prodotto in sé non è l’unica garanzia di un buon risultato finale. Inoltre, è bene ricordare che la qualità dell’implementazione è importante tanto quanto la qualità del prodotto stesso. Per fare ciò si consiglia di consultare le schede tecniche, di chiedere consigli a professionisti o di seguire corsi di formazione.

Se i negozi di materiali ecologici non sono più gli unici a vendere questo tipo di prodotto, sarà comunque interessante varcare la loro porta perché è chiaro che hanno alle spalle anni di esperienza nell’utilizzo di questi prodotti.

Sul prezzo di questi materiali non è facile concludere. Non sono necessariamente più costosi, soprattutto se accetti di sporcarti le mani. In altre parole, scoprilo, rimarrai sorpreso …

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Legni compatibili con lo sviluppo sostenibile

Come evitare i pesticidi in giardino e nell’orto?