in

L’energia incarnata dei materiali da costruzione

Il risparmio energetico è diventato ovvio, sia per ragioni climatiche, esaurimento delle fonti energetiche (petrolio, gas, carbone, uranio) sia semplicemente economico. Siamo attenti a cacciare i rifiuti e migliorare l’isolamento della casa per ridurre la bolletta del riscaldamento o per scegliere un’auto che consuma meno, per praticare l’eco-guida e per scegliere un altro mezzo di trasporto quando possibile.

Tuttavia, questa realtà non dice tutto sul consumo di energia. Da un lato c’è il consumo diretto di energia, che possiamo facilmente quantificare tramite contatori (gas, olio combustibile, elettricità, carburante, ecc.) E per il quale riceviamo fattura. Dall’altro c’è quella che comunemente viene definita energia “grigia”: l’energia necessaria per produrre, trasportare e smaltire i materiali.

Il calcolo di questa energia incorporata tiene conto dell’analisi del ciclo di vita completo del prodotto: progettazione, estrazione e trasporto delle materie prime, trasformazione dei materiali e fabbricazione del prodotto, commercializzazione, utilizzo e implementazione e, infine, il suo possibile riciclaggio. . Viene così calcolata la somma delle energie richieste dalla progettazione al riciclo di un materiale.

Ad oggi, pochi produttori tengono conto di questo fattore. È, tuttavia, decisivo nel consumo energetico complessivo necessario per la costruzione e l’abitazione di una casa. La parte “grigia” dell’energia totale consumata da un edificio può rappresentare il 50% in 40 anni!

Qual è l’energia nascosta dietro i materiali da costruzione?

Di seguito sono riportati alcuni valori comparativi dell’energia media richiesta per la produzione di determinati materiali e componenti da costruzione. Questa quantità di energia richiesta è espressa ad esempio in kWh (10 kWh = 1 litro di olio combustibile) o in MJ (1 kWh = 3,6 MJ). Queste cifre sono tratte da database di riferimento sulle analisi del ciclo di vita del prodotto. Vengono forniti solo a scopo informativo. In effetti, è probabile che possano variare nel tempo, con l’evoluzione delle tecnologie di produzione, dei luoghi di produzione e dei luoghi di utilizzo.

Energia grigia dei metalli:

  • acciaio 60.000 kWh / m³
  • rame 140.000 kWh / m³
  • zinco 180.000 kWh / m³
  • alluminio 190.000 kWh / m³

Energia grigia dei tubi:

  • tubo in arenaria 3.200 kWh / m³
  • tubo in fibrocemento 4000 kWh / m³
  • Tubo in PVC 27.000 kWh / m³
  • tubo in acciaio 60.000 kWh / m³

Energia grigia delle pareti portanti:

  • calcestruzzo poroso (cellulare) 200 kWh / m³
  • mattone forato in arenaria calcarea 350 kWh / m³
  • mattone in cotto (nido d’ape) 450 kWh / m³
  • calcestruzzo 500 kWh / m³
  • mattone faccia a vista in arenaria calcarea 500 kWh / m³
  • mattone forato in cotto 700 kWh / m³
  • mattone in cemento 700 kWh / m³
  • mattone pieno in argilla 1.200 kWh / m³
  • cemento armato 1.850 kWh / m³
  • mattone di fango 120 kWh / m³

Energia grigia degli intonaci:

  • intonaco di argilla o terra cruda 30 kWh / m³
  • intonaco di calce 450 kWh / m³
  • intonaco intonaco 750 kWh / m³
  • intonaco cementizio 1.100 kWh / m³
  • intonaco sintetico 3.300 kWh / m³

Energia grigia del telaio:

  • legname 180 kWh / m³
  • legno lamellare incollato 2.200 kWh / m³

Energia grigia delle partizioni luminose:

  • 850 kWh / m³ cartongesso
  • 900 kWh / m³ di cartongesso fibroso
  • truciolare 2200 kWh / m³
  • pannello in fibra di legno (duro) 3.800 kWh / m³
  • compensato 4.000 kWh / m³

Energia grigia dell’isolamento termico:

  • fibre di lino 30 kWh / m³
  • fibre di canapa 40 kWh / m³
  • cellulosa di legno 50 kWh / m³
  • lana di pecora 55 kWh / m³
  • lana di roccia 150 kWh / m³
  • perlite 230 kWh / m³
  • lana di vetro 250 kWh / m³
  • argilla espansa 300 kWh / m³
  • bacheca di sughero 450 kWh / m³
  • polistirene espanso 450 kWh / m³
  • poliesteri: 600 kWh / m³
  • polistirene estruso 850 kWh / m³;
  • schiuma di poliuretano da 1000 a 1200 kWh / m³
  • pannello in fibra di legno (soft) 1.400 kWh / m³
  • vetro cellulare: da 700 a 1.300 kWh / m³

Energia grigia della coperta:

  • tegola in cemento 500 kWh / m³
  • tegola in argilla 1.400 kWh / m³
  • tegola in fibrocemento 4.000 kWh / m³

Il dato risultante permette quindi di tenere conto di questo fattore nella scelta di un materiale più rispettoso dell’ambiente. L’energia grigia, misurata in kWh, può essere trasposta in emissioni di CO 2 , un gas serra. Più energia grigia contiene un materiale, più contribuisce all’inquinamento atmosferico e all’esaurimento delle risorse energetiche.

Esempi

  1. La scelta dell’isolamento mostra che la lana di lino richiede 8 volte meno energia grigia rispetto alla lana di vetro. Il deprezzamento energetico sarà tanto più rapidamente realizzato!
  2. Un muro portante in arenaria calcarea contiene 5 volte meno energia grigia di un muro in cemento armato!
  3. Un intonaco di argilla per interni richiede 30 volte meno energia grigia per la produzione di un intonaco di gesso!
  4. Una struttura portante in metallo richiede molta energia grigia poiché l’acciaio richiede da 30 a 300 volte più energia per la produzione rispetto al legno.

Un calcolo più completo permette quindi di dimostrare che per costruire una casa tradizionale ci vuole tanta energia quanta per riscaldarla per 40 anni (2.500 litri di gasolio / anno). Impressionante, non è vero? In effetti, una casa media ha un’energia incorporata da 700.000 a 1.000.000 di kWh.

Consigli

La significativa energia incorporata richiesta per determinati materiali può essere spiegata dal trasporto su lunghe distanze, dai processi di produzione a temperature molto elevate o dalle infrastrutture industriali ad alta intensità energetica.

Da questo punto di vista, i materiali locali piccoli o non lavorati hanno un chiaro vantaggio rispetto ad altri: terra, argilla, canapa, paglia, legno, lana di pecora o cellulosa sono materiali da costruzione che possono soddisfare le moderne esigenze edilizie e hanno un’energia incorporata molto bassa.

Conclusione

Tenere conto dell’energia incorporata dei materiali da costruzione significa avere cura di ridurre il nostro impatto sull’ambiente e riconoscere la nostra parte di responsabilità come consumatori, per tutto il consumo energetico necessario per le attività di produzione e trasporto, lavorazione e smaltimento.

Oggi, nulla consente ai consumatori di conoscere l’energia incorporata dei materiali al momento dell’acquisto. Sta gradualmente emergendo l’ etichettatura che menziona l’energia incorporata o le emissioni di CO 2 associate all’analisi del ciclo di vita dei prodotti. Nel frattempo, è sempre possibile per noi acquistare materiali tenendo conto di questo fattore o mettere in discussione i mestieri e gli architetti a questo proposito.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Mangiare meno carne per proteggere il clima?

Come scegliere in quale cooperativa investire?