in

10 idee regalo (quasi) zero sprechi per Natale

A Natale l’idea è condividere, far piacere, offrire… Ma chi l’ha detto che i regali devono generare tanto spreco? Ecco tante idee regalo per un Natale (quasi) zero rifiuti altrettanto festoso.

Per i bambini possiamo utilizzare le idee regalo rifiuti zero di San Nicola 😉

Ma a Natale possiamo viziare anche i grandi …

Sommario:

  1. Un kit regalo per iniziare con zero sprechi
  2. Un regalo fatto in casa
  3. Un buono regalo per un’esperienza
  4. Film, libri e musica senza problemi
  5. Un libro stimolante
  6. Un regalo di seconda mano
  7. Un cesto gourmet
  8. Una buona azione
  9. Una lettera di gratitudine
  10. Un regalo duraturo ben scelto
    E la confezione regalo?

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
 

1. Un kit regalo per iniziare con zero rifiuti

Perfetto per la persona che ti ha detto “è super interessante ridurre gli sprechi lì, dovrei iniziare …” ma ha bisogno di una mano per iniziare.

Lo scegliamo noi:

  • multitematico, con un po ‘di tutto;
  • o tematico
    • cotture e pasti speciali (ad esempio una zucca in vetro o acciaio inossidabile, una “scatola per il pranzo”, sacchetti sfusi, una cannuccia in acciaio inossidabile, imballaggi in tessuto e cera d’api per snack, ecc.)
    • bagno speciale (un sapone solido saponificato surgras freddo, uno shampoo solido, un olio vegetale per idratare, dischi struccanti lavabili (che puoi fare da solo), uno spazzolino da denti con testina intercambiabile, un earpick, un balsamo per le labbra fatto in casa … ) 
    • pulizia speciale (con i 7 prodotti essenziali per la casa, una spugna tawashi …)
    • genitore speciale (una cannuccia di acciaio inossidabile, un biberon, pannolini lavabili, batterie ricaricabili e il loro caricatore …)

> Visualizza l’elenco dei negozi all’ingrosso o dei negozi online che vendono attrezzature e prodotti a rifiuti zero.

> Guarda altre idee nelle nostre schede obiettivo Rifiuti Zero
 

2. Un regalo fatto in casa

Se sai cucire, cucinare, armeggiare, fare scrapbooking, usi i tuoi talenti per dare doppiamente piacere. Una prima volta quando la persona riceve il regalo, una seconda volta quando si rende conto che abbiamo dedicato del tempo a farle un regalo personalizzato.

  • Conserve fatte in casa (marmellata, sciroppo, chutney, liquore alla frutta, ecc.)
  • Una borsa dell’acqua calda asciutta con un tessuto di scarto e riempita con noccioli di ciliegia o semi di lino.
  • Un album fotografico o una cornice per visualizzare i migliori ricordi dell’anno.
  • Un bel quaderno che raccoglie ricette di famiglia.
  • Uno scaffale o un mobile da giardino realizzato con pallet di legno.
  • Un involucro riutilizzabile in tessuto e cera d’api, per avvolgere picnic e merende.
  • Un’esfoliazione naturale a base di zucchero e olio.
  • Biscotti fatti in casa o un barattolo con una miscela pronta da cucinare per fare i tuoi biscotti (con ingredienti biologici e il più possibile locali, e come bonus puoi usare un barattolo per fare la spesa al negozio all’ingrosso!)
  • Una scheda di piantagione realizzata con vecchi giornali e semi di fiori.
  • Una casa delle bambole, una cucina, una capanna, un castello fortificato … in cartone.

Da sinistra a destra:
Casa di cartone (fai-da-te-divertente) – Cabina di cartone creata da un’azienda belga (MyKabaka) – Cucina di cartone (foto: Alexandra Grablewski)

 

  • Un peluche cucito a mano con ritagli di tessuto o jeans strappati

Come ad esempio, da sinistra a destra:
il koala di Lia Griffith, il pinguino di Purl Soho o la balena di Vaalan Villapaita
(tutti i tutorial in inglese ma con foto molto chiare).

 

  • Una custodia da infilare nelle penne o nel trucco.

Come quella delle ricamatrici e delle sarte per esempio.
 

  • Un tappeto per giocare con le macchinine e portarle ovunque

Il tappeto molto carino e pratico quello di ZunZun.

 

> Scopri altre idee per un Natale fatto in casa.
 

3. Un buon regalo per un’esperienza

In seguito, ciò che ricorderemo di più non sarà ciò che abbiamo ma ciò che abbiamo vissuto. Momenti forti, esperienze originali, tempo passato semplicemente insieme, scoperte emozionanti. E come bonus, questi sono regali intangibili, che non ingombrano gli armadi!

Quindi offriamo un “buono per”:

  • Fai bollire un pasto fatto in casa, una serata in un ristorante …
  • Impara a lavorare a maglia, a fare il giardinaggio in modo ecologico, a suonare uno strumento musicale, a destreggiarsi, a fare yoga, a usare un computer, a cucinare indiano… Puoi offrire un corso ma anche offrirti di farlo scoprire da te. lo so. Oltre al know-how insegnato, ci divertiamo insieme.
  • Un luogo per il cinema, uno spettacolo, un concerto, una mostra… Oppure, se il budget lo consente, un pass tutto l’anno per il suo posto preferito.
  • Un trattamento o un massaggio.
  • Un’uscita mensile (o settimanale) alla libreria dei giochi. Trova una libreria su ludobel.be.
  • Una notte in un luogo originale (casa sull’albero, chiatta, lodge a tema, camera per gli ospiti nella natura con l’etichetta Green Key, ecc.)
  • Un intero fine settimana di baby sitter, per permettere ai genitori di riposarsi o prendersi del tempo per loro.

Puoi anche optare per buoni cadeuax pronti all’uso. Ad esempio, il buono regalo Lokado: promuove esperienze di cortocircuito sostenibili a Bruxelles e dintorni. Ad esempio, dà accesso a un laboratorio per imparare a realizzare prodotti per la pulizia o cosmetici, consente di partecipare a una visita e degustazione in una fattoria urbana, di realizzare un robot giocattolo con materiali riciclati, ecc.
 

4. Film, libri e musica senza problemi

Musica e film on demand o in streaming (Netflix, Spotify, ecc.) Sono intangibili… ma consumano molta energia! Ecco alcune idee alternative:

  • Un pacchetto Point Culture (ex libreria multimediale), per noleggiare DVD o CD (da 1,10 € per un DVD o 0,55 € per un CD, a seconda del pacchetto).
  • Un libro digitale, a condizione che la persona sia un e-reader.
     

5. Un libro stimolante

Per lasciarsi ispirare dalle famiglie che sono andate a zero rifiuti:

  •  “Zero sprechi senza complessi! », Dal blogger belga Zéro carabistouille;
  • “Famiglia (quasi) zero rifiuti – Guida Ze”, delle francesi Jérémie Pichon e Bénédicte Moret, che abbiamo ospitato in una conferenza a giugno 2017, oltre alla versione per bambini “Zero waste zenfants – Ze mission”;
  • “Zero waste” di Béa Johnson, colei che ha reso popolare il concetto.

Per motivarti a riordinare e riordinare:

  • “La magia della conservazione” di Marie Kondo;
  • “Interviste con il mio lavandino” di Marla Cilley (alias Flylady).

O tante altre idee per uno stile di vita più sostenibile, ad esempio nella libreria Nature & Progrès.
 

6. Un regalo di seconda mano

Puoi trovare quasi tutto di seconda mano: giocattoli, libri, vestiti, piatti, decorazioni …

È facile trovare cose carine, in perfette condizioni per una frazione del nuovo prezzo.

Per questi buoni affari che prolungano la vita degli oggetti, ci rivolgiamo a:

  • i negozi dell’economia sociale della rete Risorse (vedi indirizzi su larecup.be);
  • negozi privati;
  • siti di rivendita (2ememain.be, ebay.be, jannonce.be…).

7. Un cesto gourmet

Per i buongustai offriamo contenuti gustosi, confezionati in contenitori riutilizzabili (barattoli di vetro, stoffa, cestino, ecc.).

Componiamo il nostro cestino con:

  • buoni prodotti biologici e locali, acquistati sfusi (vedere l’elenco dei negozi sfusi);
  • e preparazioni fatte in casa. Ad esempio biscotti, marmellate, sciroppo, chutney, liquore alla frutta, crema spalmabile fatta in casa senza olio di palma …

Come bonus, i contenitori possono essere riutilizzati per andare a fare la spesa per zero rifiuti in seguito!
 

8. Una buona azione

Offriamo una donazione o una sponsorizzazione per un’iniziativa che sta a cuore alla persona: adottare una tigre o un gorilla tramite il WWF, proteggere una riserva naturale con Natagora, sponsorizzare un alveare, sostenere la lotta al cancro o un’associazione di lotta. contro la povertà …
 

9. Una lettera di gratitudine

Abbiamo tutti intorno a noi qualcuno che, alla domanda “cosa vorresti” per Natale? », Risponde« Niente, grazie, ho tutto quello che mi serve. A volte anche accompagnato da un “E preferisco che tu ti tenga i tuoi penny”.

Eppure, raramente rispettiamo il suo desiderio. Da un lato, perché vogliamo davvero offrirgli qualcosa che lo renda felice. E d’altra parte perché siamo imbarazzati all’idea che questa persona non abbia nulla da disfare.

Allora perché non scrivergli una lettera di gratitudine? Scriviamo ciò che apprezziamo di lei, perché è importante nella nostra vita. Oppure possiamo raccontare una serie di bei ricordi che abbiamo insieme, oppure i momenti salienti dell’anno. E saltiamo, lo facciamo scivolare sotto l’albero.

Con questo dono non solo dimostriamo di averla ascoltata e rispettata nel suo non desiderio di un regalo, ma in più siamo sicuri di farle brillare gli occhi!
 

10. Un regalo duraturo ben scelto

Se optiamo per un regalo materiale, scappiamo dai ninnoli comprati in fretta (e che rischiano di finire nella nostra cronaca di oggetti inutili!). Cerchiamo di scoprire cosa vorrebbe la persona, di cosa ha bisogno. E optiamo per un regalo ecologico: etichettato, locale, realizzato da un artigiano, che soddisfa una carta etica ed ecologica o acquistato in un negozio nel mondo Oxfam per esempio.

Per esempio :

  • un cosmetico etichettato
  • cioccolato biologico equosolidale da agroforestazione
  • un vino naturale
  • giochi e giocattoli ecologici, sani ed etici
  • abbigliamento etico ed ecologico
  • un elettrodomestico che consuma poca energia (vedi etichetta energetica)
  • o se questo è ciò di cui la persona ha veramente bisogno, un computer o un tablet ben scelto

Infine, se vivi molto bene senza un regalo tu stesso, puoi dare ai tuoi cari un certificato di esenzione regalo. Ad esempio quello di Empreintes o quello di Friends of the Earth (con spiegazioni qui).

E la confezione regalo?

Per confezionare tutte queste bellissime idee, evitiamo la carta usa e getta. Prepariamo graziosi tessuti (quadrati) e proviamo il furoshiki, il packaging originale, chic e zero sprechi. Guarda il video tutorial qui.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Alberi da frutta

Articolo inutile del mese: l’uccello che fischia quando la terra è troppo secca