in

Alberi da frutta

Piantare un albero sta contribuendo alla bellezza del paesaggio per il godimento di tutti. In un giardino, gli alberi partecipano allo sviluppo della pianta a cui danno sollievo. Forniscono ombra in estate e proteggono le case da occhi indiscreti. Gli alberi da frutto forniscono anche la loro deliziosa produzione. Lo sviluppo sano e armonioso dell’albero e l’abbondanza del raccolto dipendono in gran parte dalle cure prestate.

Scelta di una varietà

Tiene conto delle caratteristiche del giardino e del suo terreno oltre a quelle ricercate per i frutti (gusto, conservazione). I nostri alberi da frutto appartengono tutti alla famiglia delle Rosacee. Sono ampiamente coltivate in Europa da molto tempo per i loro frutti, consumati freschi o trasformati (marmellate, gelatine, liquori, frutta secca, sciroppo, ecc.).

Ci sono pomacee : mele, pere e mele cotogne, e di pietra frutti o drupe: prugna, pesca, ciliegia, albicocca e mandorla. In quest’ultimo caso, il seme viene consumato. Le varietà regionali rustiche si adattano meglio al clima e all’ambiente e quindi meno suscettibili alle malattie.

Sebbene sia del tutto possibile coltivare un albero da frutto dai semi di un frutto, la maggior parte delle volte viene utilizzata la tecnica dell’innesto. Infatti, passando per il seme, otterremo un albero i cui frutti non sono esattamente della stessa varietà. Passando attraverso un rampollo attaccato a un portainnesto, ti assicuri di avere esattamente la varietà che desideri.

Con questa tecnica, uno stelo di una varietà di alberi da frutto viene “attaccato” a un albero “vettore” (generalmente della stessa famiglia botanica).

È il portainnesto che determina l’altezza dell’albero. Gli alti fusti sono varietà innestate su piante vigorose a crescita rapida; il loro tronco raggiunge più di 1,80 m. I portinnesti a fusto basso hanno una crescita scarsa: il loro tronco non supera 1 m di altezza.

Molte varietà di frutta sono autosterili: possono essere fecondate, e quindi frutti, solo da polline compatibile di un’altra varietà della stessa specie. Pertanto tutte le varietà di ciliegi, molte varietà di meli, peri e susini sono autosterili. In questo caso, se stiamo piantando un solo albero, controlliamo che ci siano alberi da frutto nelle vicinanze.

Se questo non è abbastanza, dovrai piantare una seconda varietà che fiorisce nello stesso periodo. Alcune varietà di prugna e pesca, invece, sono autofertili; un solo albero può quindi portare frutto. Api, bombi, sirfidi favoriscono l’impollinazione: proteggiamo questi impollinatori selvatici (evitiamo i pesticidi!) E perché non installare un alveare?

Molte varietà di frutta sono soggette ad alternanza: un’annata di alta produzione è normalmente seguita da un’annata cattiva. È possibile mitigare questo effetto asportando parte del frutto, allo stadio di grandezza della nocciola, in modo da permettere al frutto rimanente di ingrandirsi e, in generale, di acquisire qualità gustativa.

Infine, il consumatore sceglie una varietà per la qualità del frutto. I frutti degli alberi con steli alti sono meno attraenti di quelli con steli bassi. Tuttavia, sono spesso più gustosi e la loro produzione richiede meno lavorazioni. Le macchie sulla frutta non rovinano il loro gusto. La crosta è un problema solo quando i frutti sono destinati a una lunga conservazione.

Posizione

Tutti gli alberi da frutto preferiscono luoghi soleggiati protetti dal vento, ma tollerano anche un po ‘d’ombra. La distanza tra le piantagioni deve tenere conto dello sviluppo futuro dell’albero: noce e ciliegia (piantagione ogni 12 m), mela (10 m), pera (8 m), susina (da 5 a 6 m), pesca e mela cotogna (5 m). I meli e i peri con portinnesti meno vigorosi possono essere disposti più densamente.

Quando piantare

È preferibile piantare un albero tra metà ottobre e metà marzo, evitando i periodi di gelo. Infatti, prima della metà di ottobre, la pianta porta ancora molte foglie che “pomperanno” le riserve d’acqua e le seccheranno. D’altra parte, “a Sainte-Catherine (25 novembre), tutto il legno attecchisce”: l’albero beneficia quindi delle piogge invernali. La terra è calda e umida, è meglio sistemata attorno alle radici; li riveste e li protegge.

Infine, se la messa a dimora avviene dopo la metà di marzo, la pianta è meno vigorosa il primo anno a causa dell’assenza di radichette, rotte durante il trasferimento. I giovani arbusti dovrebbero essere ripiantati il ​​prima possibile dopo l’acquisizione. Le radici non dovrebbero mai essere lasciate nude poiché si seccheranno rapidamente. Se necessario, le piante vengono messe in attesa, coprendo le radici con il terreno.

Come piantare?

  • Aprire un buco sufficientemente grande (ma non troppo grande!): Le radici devono potersi allargare senza costrizioni;
  • se il terreno è leggero, seppellire il compost maturo e mescolarlo con il terreno sul fondo della buca;
  • tagliare le estremità delle radici per garantire la formazione di un cuoio capelluto denso;
  • fissa l’albero al suo palo piantato con esso, ad angolo, in modo da non danneggiare le radici;
  • riempire e imballare saldamente;
  • ricoprire la base della pianta con terriccio, corteccia o paglia per proteggerla dal gelo e garantire una buona umidità. Limita anche la crescita delle erbe infestanti che possono ostacolare lo sviluppo dell’albero;
  • rimuovere regolarmente erbacce e zolle intorno al piede; competono con l’albero per l’acqua e il cibo.

Potatura degli alberi da frutto

È necessario l’aiuto o il consiglio di un arboricoltore. Esistono infatti diversi tipi di potatura a seconda dell’età e delle specie di albero da frutto.

All’inizio si tratterà di dare una forma corretta all’albero giovane (dimensione della formazione) poi la dimensione dovrà permettere all’albero di essere in condizioni ottimali per dare bei frutti (dimensione della fruttificazione). I libri specializzati forniscono anche informazioni utili.

Durante i primi 8-10 anni, un albero dovrebbe essere potato ogni anno. Successivamente è sufficiente una potatura ogni 2-3 anni a seconda della specie e della varietà.

Proteggi i nostri frutteti tradizionali

Esempi di varietà tradizionali consigliate (fonte: Friends of the Earth). Le varietà cosiddette “RGF” sono varietà antiche, poco suscettibili alle malattie, consigliate dal Centro di Ricerca Agronomica Gembloux:

  • Melo : grigio braibant (rgf), pace (rgf), radoux (rgf), reinette hernaut (gf), reinette de blenheim (rgf), granatiere (rgf), godivert (rgf) …
  • Poirier : clapp’s preferito, contessa di parigi, naghin al burro, Légimont ….
  • Prugna : wignon (rgf), sainte-catherine (rgf), prune de prince (rgf), belle de thuin (rgf) …
  • Cherry : hedelfinger, schneiders späte knörpel, bigarreau blanc, conigli, primi fiumi …
  • Pesca : settembre fertile (rgf), regina dei frutteti …

Suggerimenti aggiuntivi

  • Compriamo frutti di coltivazione di steli alti. Il loro prezzo leggermente più alto compensa l’aumento del carico di lavoro del coltivatore.
  • Acquistiamo i nostri frutti direttamente dal produttore; possiamo partecipare alla vendemmia o acquistarla in piedi.
  • Per il consumo immediato, marmellata, cottura al forno o essiccazione, i frutti caduti sono adatti e sono molto economici.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Articolo inutile del mese: gelato che non si scioglie in mano

10 idee regalo (quasi) zero sprechi per Natale