in

Eco-co-koteur: l’eco-atteggiamento tra gli studenti!

Quando lasci la casa dei genitori per studiare, ci sono una moltitudine di domande pratiche da risolvere: arredare il tuo studio o trasformare la tua camera da letto per sentirti a casa, scegliere la tua attrezzatura per studiare bene (libri, computer, ecc. Ecc.), Gestire il tuo budget, prepara i pasti quotidianamente, organizza con i potenziali coinquilini … È possibile muovere i primi passi in indipendenza (e anche dopo!) coniugando esigenze, desideri, controllo dei costi e rispetto per l’ambiente? Vediamolo insieme …

Arredare il tuo appartamento o monolocale di seconda mano?

In questo momento, alla radio è in onda una pubblicità per un famoso negozio di mobili di kit. Sentiamo un papà che è felicissimo di aver trovato la vecchia sedia bobonne in soffitta per darla a sua figlia che sta arredando il suo alloggio per studenti. Stigmatizzato da questa pubblicità come antiquata e decrepita, la lancetta dei secondi è davvero? Certamente no :

  • prima di tutto è una scelta economica : spendiamo meno;
  • in secondo luogo, è una scelta ecologica : dando ai mobili una seconda vita si riducono gli sprechi, la pressione sulle risorse naturali e l’energia necessaria alla loro fabbricazione.
  • infine, se oltre l’arredamento proviene da un’associazione o da un’impresa di economia sociale (indirizzi su www.res-sources.be ), è una scelta dei cittadini : queste organizzazioni combattono la povertà al Nord come al Sud e forniscono occupazione a persone spesso escluse dal mercato del lavoro;
  • per non rovinare nulla, è anche una scelta di tendenza : la tendenza è per i mobili patinati, personalizzati, ridigitati e mercatini e mercatini vintage sono in voga!

Un’illustrazione che la lancetta dei secondi è in sintonia con i tempi è – ironia della sorte – che la filiale francese dello stesso negozio di mobili in kit ha lanciato un nuovo servizio la cui logica è del tutto opposta al messaggio della sua controparte belga. il recupero dei mobili (a fronte di un buono ovviamente), che rivende nel suo “angolo delle occasioni”. E ha avuto un discreto successo: in soli due mesi sono stati ripresi e venduti più di 9.000 mobili. La pagina dedicata offre anche consigli per rinnovare i tuoi mobili, venderli o regalarli tramite altri canali. Iniziativa di saluto o ripresa commerciale, dipende da te.

Detto questo, è vero che ci sono molte strade per ottenere mobili usati . Ad esempio, recuperare quella lasciata dallo studente che prima occupava la stanza o riceverne un po ‘dalla sua famiglia (sia chiaro che preferiremmo la bellissima scrivania con cassetti segreti su cui strizziamo gli occhi da quando eravamo ragazzini (perfetta per studiare bene !) piuttosto che la sedia bobonne che è rimasta in soffitta per un po ‘…) Anche siti come www.ebay.be o www.2ememain.be sono ricchi di scelta. E ci sono anche buoni affari completamente gratuiti, comprese le donazioni (link alla mappa a destra) e la rete Freecycle . Attraverso quest’ultimo, i privati ​​offrono oggetti, che danno senza altra considerazione che chiedere all’acquirente di venire a ritirarli.

Maggiori informazioni sui mobili e sui criteri di selezione nella nostra scheda “ No ma cosa arredo ? “

Preparati per vivere comodamente e lavorare bene

Sul versante informatico ed elettronico, prima di recarsi in negozio, è utile chiedersi quale dispositivo ti servirà e per quale utilizzo . Un computer che viene utilizzato solo per la ricerca e la scrittura su Internet non ha bisogno di essere un cavallo da corsa. In questo tipo di situazione, la lancetta dei secondi è una scelta intelligente. Gli elettrodomestici recanti l’etichetta ElectroREV e venduti dalle imprese dell’economia sociale sono stati rivisti e controllati. Sono garantiti anche per 6 mesi! Maggiori informazioni su www.electrorev.be

Per un utilizzo meno frequente, a volte è possibile noleggiare o condividere determinati dispositivi . Quindi, su www.lamachineduvoisin.fr , puoi andare a fare il bucato con un vicino dotato di lavatrice.

Se è necessario un nuovo acquisto, l’etichetta energetica e le etichette (EPEAT, Energy Star, European Ecolabel, TCO, ecc.) Possono aiutare a fare la scelta giusta. Maggiori informazioni nella sezione “Dispositivi elettrici ed elettronici” della nostra brochure “Etichette senza complicazioni e nel nostro foglio di consigli ” Etichettatura energetica degli elettrodomestici “.

Per quanto riguarda le forniture , ricordiamo le basi: optare per carta riciclata o etichettata (vedere il nostro confronto dei prodotti “carta” sul nostro sito ) , prediligere penne e penne ricaricabili e, in generale, scegliere materiale solido, che ‘non sarà necessario sostituire ogni anno. Dettagli e spiegazioni nel nostro suggerimento “ Lo zainetto ecologico ”.

Infine, anche i libri scolastici rappresentano un certo costo . Il prezzo di acquisto di un nuovo libro è, in media, 35 · e uno studente acquista circa 6 libri di testo per anno accademico (1) . Alla fine dell’anno, i libri si accumulano su uno scaffale e potrebbero essere rivenduti per raccogliere denaro e prolungare la loro esistenza. Questo è ciò che gli studenti di Louvain-la-Neuve si sono detti quando hanno creato il sito www.livresdesecondemain.be alcuni anni fa . Ciò ti consente di acquistare o rivendere libri scolastici a un prezzo ridotto. Questa iniziativa è stata un successo poiché ora si estende anche a Namur, Liegi, Mons, Gembloux e Bruxelles, in collaborazione con gli Oxfam World Stores che fungono da punti di raccolta. Alcune scuole offrono anche un punto di raccolta interno.

Quando devi cucinare da solo …

A meno che tu non sia appassionato di cucina, ci sono buone probabilità che la tua prima casa faccia rima con la scoperta della cucina quotidiana. E non è così facile imparare a cucinare e avere idee ogni giorno quando si tende a scoprire nuovi orizzonti educativi e fare festa con nuovi amici. Quando in aggiunta devi prestare attenzione al tuo budget, è una seccatura che regolarmente finisce con una pizza surgelata, un piatto preparato, persino pasta al ketchup per il broke, accompagnata da una birra piccola (su questo argomento, vedi il bizzarro inutile di questo mese oggetto). Insomma, una combinazione che, se ripetuta regolarmente, è catastrofica per la salute e l’ambiente, ma stranamente non terribile neanche per il portafoglio.

Infatti, contrariamente a quanto si crede, acquistare frutta e verdura fresca, locale e di stagione non costa necessariamente molto . Ed è ovviamente molto più sano, anche se richiede un po ‘più di preparazione. Ci sono anche scelte che possono ridurre seriamente il budget, come mangiare meno carne, e permettere così di permettersi il biologico, soprattutto se lo si acquista tramite un GAC (gruppo di acquisti congiunti, o GASAP, gruppo di acquisti solidali dell’agricoltura contadina). Infine, niente batte una testimonianza, quindi dai un’occhiata a questo video fatto 2 anni fa con Olivia , da KAP Vert a Louvain-la-Neuve. Non convinto ? In questo piccolo esempio sul nostro sito , abbiamo paragonato una colazione pronta (yogurt con cereali) alla sua alternativa ecologica. Edificante!

Cerchi consigli per mangiare sano, locale, facile ed economico ? Scopri la nostra brochure “ Non mi piace la cicoria ” (con un confronto dei piatti tipici ), così come la nostra scheda “ 1, 2, 3, mangio in modo sostenibile ” per aiutarti ad adottare gradualmente abitudini alimentari in 3 passaggi. Sano ed ecologico . Per avere sempre a portata di mano una lista di frutta e verdura di stagione, puoi stampare il nostro piccolo calendario , piegarlo e infilarlo nel portafoglio. Se sei più un fan degli smartphone, ecco un’applicazione che farà la stessa cosa : https://play.google.com/store/apps/details? Id = com.jayzu.fls

Consumo ecologico su base giornaliera

Ben installato e ben nutrito? È quindi il momento di dare uno sguardo alla vita di tutti i giorni. E nel settore del consumo quotidiano l’energia è ai primi posti . Questo è un settore spesso difficile da affrontare perché è normale che gli studenti paghino una tariffa forfettaria, indipendentemente dalla quantità di petrolio, gas, elettricità o acqua effettivamente consumata. Esce dalla motivazione finanziaria in questo caso, ma di conseguenza è anche difficile poter seguire abbastanza semplicemente il suo consumo. Inoltre, non è raro sentire i residenti dare la colpa a case vecchie e scarsamente isolate. La posta in gioco è davvero alta: il consumo energetico del patrimonio immobiliare belga rappresenta quasi il 35% del consumo energetico del paese (16% delle emissioni di gas serra)!

Detto questo, se le residenze universitarie ei proprietari di alloggi per studenti hanno degli sforzi da fare per migliorare la loro efficienza energetica, non sono i soli responsabili. Pertanto, l’ UCL, che prevede di costruire 600 nuove case in cinque anni per soddisfare la crescente domanda di appartamenti, ha già inaugurato diversi edifici a basso consumo energetico o passivi. Secondo Inter-Environnement Wallonie, l’università ha elaborato una valutazione molto mista dopo i primi mesi di attività. Non sono le qualità delle abitazioni ad essere messe in discussione ma il comportamento dei loro abitanti (abuso del riscaldamento elettrico ausiliario, apertura delle finestre che “bypassa” la ventilazione a doppio flusso, uso improprio delle sacche d’aria. Ingresso…). C’è quindi ancora bisogno di educazione e informazione sulle buone pratiche per il risparmio energetico. Un dato corroborato da diversi studi: se da un lato si può avere l’impressione di essere sommersi dalle informazioni, grida la necessità di poterle riordinare, di beneficiare di informazioni aggiornate e di consigli pratici. Per questo diverse università realizzano campagne di sensibilizzazione e offrono servizi di informazione. Gli studenti che si sentono un po ‘impotenti possono anche rivolgersi al progetto ostelli specializzati in campi ambientali (vedi sotto). Anche l’Altro Pack, questo welcome pack alternativo, pensato per far riflettere gli studenti sul proprio consumo e distribuito al prezzo simbolico di un euro nei campus (così come il suo “Other Directory”), offre utili indizi. Infine, il sito écoconso e il suo servizio di consulenza gratuito (081 730 730 o info@ecoconso.be ) sono a disposizione per fornire informazioni e rispondere a domande.

Un rapido promemoria, con alcune delle cose da fare per risparmiare energia nella tua casa:

  • 19 ° C in soggiorno e 16 ° C in camera da letto sono temperature ideali;
  • inizia mettendo un maglione e calzini spessi prima di accendere il riscaldamento se hai freddo;
  • sfruttare al massimo la luce del giorno posizionando la scrivania vicino a una finestra;
  • scollegare il caricabatterie dal computer e dal telefono cellulare quando non è in uso;
  • prima di partire ricordarsi di abbassare il riscaldamento e di spegnere la ciabatta a cui sono collegati i dispositivi hi-fi e gli elettrodomestici in stand-by.

Ovviamente, lo studente eco-consumatore non limiterà le sue azioni all’energia. Ci sono molte altre aree di azione e ognuno può trovare qualcosa di proprio gradimento : risparmiare acqua , evitare sprechi , produrre prodotti per la pulizia sani, ecologici e poco costosi, ecc. Inoltre, gli attori delle risorse informati sull’energia hanno molte altre idee! Tra le altre cose, il KAP Vert organizza laboratori di cucina vegetariani, locali, stagionali e poco costosi, oltre a un banchetto annuale. La Kapsla sta organizzando il progetto “Pimp your kot” (risparmio energetico e humour!). Il Kot Planète Terre organizza una volta al mese un Barter Café. In Francia c’è la Green TIC Campus Challenge , una sfida per gli studenti a proporre progetti innovativi per rendere i campus più rispettosi dell’ambiente. Insomma, le idee creative sono più che benvenute!

Diventa verde? Questione di abitudine e motivazione!

La vita studentesca a volte sembra così diversa dalla vita adulta “normale”. Ma è lì, quando ci si stabilisce, che si acquisiscono le prime abitudini di una vita quotidiana autonoma. Con queste libertà vengono anche le responsabilità e, come abbiamo visto, gli studenti hanno il loro ruolo da svolgere nel preservare l’ambiente. Senza diventare attivi come i suddetti progetti kots, è facile acquisire alcune abitudini verdi e salutari. Lungi dall’immagine di “roba costosa solo per le piaghe”, questi sono gesti e scelte che servono anche al portafoglio.

Sebbene le abitudini siano abbastanza facili da sole, ciò che può essere più complicato è stabilirle, specialmente quando sei impegnato a creare ogni altro aspetto della tua vita. Quindi non esitate a prendere un momento per organizzare tutto all’inizio dell’anno. In un appartamento o in un coinquilino, possiamo ad esempio offrire una piccola riunione per fissare insieme l’operazione: organizzazione della spesa, pasti (fare un giro è super pratico!), Pulizie, eventuale allestimento di una sessione informativa o posizionamento di poster per ricordare persone di azioni in luoghi ad hoc, creazione di un gruppo di lavoro motivato dall’eco-gestione del kot … Mettere le cose in piano in questo modo ti permette di non preoccuparti più di parte della tua vita quotidiana, fornisce anche un quadro benefico per studia e può evitare successive frustrazioni e tensioni, spesso inerenti alla “convivenza”. In studio o in appartamento l’organizzazione è meno complicata che in gruppo, ma è comunque utile prendersi un momento – anche se solo una sera – per mettere le cose a posto. Ad esempio, crea sistematicamente un menu per la settimana (che può ovviamente cambiare se decidi di uscire!) E la lista della spesa che lo accompagna, installa tutti i dispositivi una volta per tutte su più prese, metti insieme un piccolo kit di eco pulizia, ecc. Alcune attività possono essere molto divertenti quindi non esitare a farti aiutare dagli amici per mettere nel verde il tuo alloggio e le tue abitudini!

1 Secondo lo studio effettuato sulle vendite realizzato dai promotori del progetto www.livresdesecondemain.be

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Come scegliere un capospalla eco-responsabile?

5 consigli per usare Internet senza consumare troppa energia