in

Come preparare picnic e snack a rifiuti zero?

I pranzi e le merende scolastiche sono spesso fonte di rifiuti: lattine, fogli di alluminio, sacchetti di plastica e bottiglie. Per evitarli, è sufficiente dotarsi di un kit base.

Sommario:

  • Una zucca
  • Una scatola per il pranzo o un involucro di cera d’api
  • Cestini del pranzo
  • Posate
  • Usa bene il tuo kit zero rifiuti

– – – – – – – – – – –
 

Una zucca

Una zucca evita lo spreco di lattine e bottiglie di plastica. Risparmia 2,7 kg di rifiuti per bambino e per anno scolastico (al ritmo di una bottiglietta al giorno). Senza contare che può essere utilizzato anche durante le vacanze, le escursioni del fine settimana …

Un altro vantaggio della zucca: ci metti quello che vuoi. Evitiamo comunque le bibite (troppo dolci, zuccherate, colorate). L’acqua è ancora la bevanda migliore, soprattutto l’acqua del rubinetto.

Quale zucca scegliere?

Le boccette in acciaio inossidabile o in vetro sono la scelta migliore. A differenza della plastica, non presentano un rischio per la salute legato alle migrazioni dalla zucca alla bevanda.

Due dettagli, però. :

  • l’acciaio inossidabile può far migrare il nichel o il cromo (di cui è composto), ma in dosi irrisorie rispetto a ciò che il nostro cibo contiene naturalmente. [1] Le persone allergiche al nichel dovrebbero preferire il vetro all’acciaio inossidabile.
  • Il vetro è completamente neutro… ma si rompe! Le bottiglie d’acqua in vetro sono spesso vendute con protezione (guscio di plastica, rivestimento in neoprene, tessuto imbottito, ecc.).

Per una borraccia ideale, ci occupiamo anche di:

  • sceglilo solido;
  • di capienza adatta all’uso (né troppo grande per la borsa, né troppo piccola per lo sport, altrimenti non verrà mai utilizzata);
  • con tappo ermetico (per evitare di allagarne i corsi), senza BPA o ftalati se è di plastica;
  • con un collo sufficientemente largo per facilitare la pulizia.

Evita le bottiglie d’acqua in plastica e quelle in alluminio (anche se non puoi vederle, hanno un rivestimento di plastica all’interno). Evitiamo soprattutto piccole bottiglie di plastica “riciclate”, non fatte per essere riutilizzate molte volte.

Perché evitare queste opzioni in plastica o con un rivestimento interno in plastica? Perché la plastica consente alle molecole di migrare verso la bevanda. Queste migrazioni sono note e regolate da standard. Per le bevande fredde, a basso contenuto di grassi e a bassa acidità, gli standard non vengono superati. Ma assorbiamo ancora elementi che non ci portano nulla. Se usi questo tipo di zucca evita di riempirla con succo d’arancia o bibite acide, che aumentano il rischio di migrazioni. Maggiori informazioni nella brochure “La plastica non è automatica”. 
 

Una scatola per il pranzo o un involucro di cera d’api

Un cestino per il pranzo

Una buona scatola per il pranzo è solida e preferibilmente in acciaio inossidabile . Se la scatola è di plastica, si sceglie senza BPA o ftalati . La plastica permette alle molecole di migrare verso il cibo, ma nel caso del pane tostato (secco, non grasso), le migrazioni sono a priori molto basse. È soprattutto nel caso di cibi liquidi o succosi, grassi, caldi o acidi che si osservano le maggiori migrazioni.

Maggiori informazioni nella brochure “La plastica non è automatica”. 

Involucro di cera d’api

È l’ alternativa riutilizzabile alla pellicola di plastica (cellophane) o agli imballaggi in alluminio. Quando non c’è bisogno o non c’è spazio per un cestino per il pranzo, optiamo per il confezionamento in cera d’api. Sembra un pezzo di tela cerata, è leggero e può essere riutilizzato decine di volte. È adatto per contenuti secchi, che non colano (toast, barrette di cereali, ecc.)

Lo compri in un negozio ecologico o lo fai da solo con un tessuto riciclato (preferibilmente biologico) e cera d’api. Guarda il fai da te per realizzare il suo incarto con la cera, chiamata anche “involucro d’ape”.

È chiuso con una piccola stringa che viene fatta roteare attorno a un pulsante. All’improvviso, si adatta alle dimensioni del contenuto. Infine, viene mantenuto con una spugna umida (e detersivo per piatti ecologico se necessario). D’altra parte non la lavoriamo a macchina, scioglierebbe la cera d’api.
 

I contenitori per il pranzo

L’ideale è avere contenitori per il pranzo di diverse dimensioni . Ci infiliamo in una delicata frutta, biscotti, un’insalata, il resto del pasto del giorno prima, ecc.

Qualunque cosa scegliate, prediligiamo scatole che abbiano un’ampia apertura (per infilare le posate, per lavarle facilmente) e una forma senza piccoli angoli (per facilitare la pulizia).

Scatole in acciaio inox o vetro

Come per le zucche, preferiamo le scatole per sandwich in acciaio inossidabile o vetro. L’acciaio inossidabile è resistente e leggero da trasportare. Il vetro è completamente innocuo per la salute ma più pesante. I contenitori previsti a tale scopo sono realizzati in vetro spesso e resistente. Ma può sempre rompersi in caso di caduta o grande shock …

Il coperchio può essere di plastica: il contatto con il cibo è molto basso (soprattutto rispetto a una scatola di plastica al 100%). La migliore, tuttavia, è una copertura in acciaio inossidabile per scatole in acciaio inossidabile. Attenzione, le persone allergiche al nichel dovrebbero evitare l’acciaio inossidabile.

Una buona scatola fresca dovrebbe essere solida e impermeabile quando è chiusa se si trasportano preparati che perdono . Idealmente, le scatole si annidano o si impilano per un facile stoccaggio.

Un bento in acciaio inossidabile

Puoi anche optare per un Bento, anch’esso in acciaio inox.

Questa scatola da pranzo di origine giapponese è generalmente compartimentata o composta da più piani che si impilano e si appendono insieme. Comodo per tenere separata l’insalata dalle fette biscottate e dal dessert!

Barattoli per il riciclaggio

Possiamo evitare l’acquisto di nuovi contenitori e optare per barattoli di vetro. Un’opzione salutare, zero rifiuti e super economica .

Il vetro è neutro e molto resistente. Non c’è problema a riutilizzare i barattoli, purché abbiano contenuto cibo e nient’altro!

Lo svantaggio è che si rompe più facilmente. A differenza della maggior parte dei contenitori in vetro dedicati alla conservazione (che possono essere passati dal forno al frigorifero e trasportati per il pranzo), il vetro nei barattoli di recupero è generalmente più sottile. Questa soluzione è quindi adatta a bambini più grandi o adulti. Tuttavia, possono essere protette durante il trasporto realizzando coperture simili a quelle per le borracce. Esistono anche le “borse da picnic” in neoprene.
 

Posate

Le solite posate difficilmente entreranno nei contenitori del pranzo e, infilate nella borsa da picnic, temiamo che vadano perse.

Investiamo quindi in posate adatte alle dimensioni dei recipienti . Facile da maneggiare per i più piccoli, facile da infilare nella scatola o nel barattolo a fine pasto.

Esci dalle posate usa e getta, che siano di plastica, plastica compostabile o persino bambù. Niente è meglio riutilizzabile!
 

Usa bene il tuo kit zero rifiuti

Acquistalo alla rinfusa e porzionalo a casa

Per arrivare alla fine dell’approccio a rifiuti zero:

  • Il cibo viene acquistato sfuso (frutta, verdura, noci, cereali, cioccolato, farina, ecc.) O in grandi confezioni (yogurt, biscotti, ecc.). Consulta il nostro elenco di negozi all’ingrosso in Vallonia e Bruxelles.
     
  • Prepariamo al massimo le cose a casa . Alcuni pasti possono essere facilmente porzionati, come pasta, lenticchie, gratin, preparati per tritare, ecc. I biscotti fatti in casa possono essere facilmente conservati per 2 o 3 settimane in una scatola ben sigillata.

Gli avanzi del giorno prima, funziona anche!

GoodPlanet offre molte ricette. Idee per ricette su fristouille.org e nel libro di buone ricette per il pianeta (inventato dagli studenti).

Pulisci il tuo kit in modo ecologico

Chi dice riutilizzabile, dice pulizia. I contenitori riutilizzabili sono preferibili agli usa e getta (bicchieri, bottiglie a rendere)… anche se devono essere lavati.

A casa, puoi limitare l’impatto della pulizia in diversi modi:

  • Lavare delicatamente capi leggermente sporchi . Non c’è bisogno di acqua calda o detersivo se non c’è nulla di grasso nella pentola. I contenitori in acciaio inossidabile o in vetro sono molto più facili da lavare rispetto a quelli in plastica.
  • Evita di lavare una pentola alla volta sotto l’acqua corrente. Prendiamo i piatti a mano o li mettiamo in lavastoviglie con il resto.
  • Usa un detersivo ecologico . Optiamo per un prodotto etichettato o produciamo il nostro detersivo per piatti.

 

– – – – – – – – – – – – –

[1] “Metalli e leghe che costituiscono materiali e oggetti per il contatto con gli alimenti” – EDQM [pdf]

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Oggetto inutile del mese: il salvadanaio con Zio Paperone integrato

Come accendere un fuoco efficiente nella tua stufa a legna?