in

Buoni motivi per mangiare meno carne

Il 91% della popolazione mangia più carne di quanto raccomandato. [1] Un adulto belga mangerebbe da 115 a 140 g di carne al giorno, mentre si consiglia un massimo di 100 g.

Tuttavia, la tendenza è al ribasso in Belgio. Siamo quindi passati da 65 chili di carne (tutte le carni combinate) all’anno per persona nel 2010 a 59 chili nel 2019. [2] Ma si prevede che aumenterà ampiamente in tutto il mondo.

Perché dovremmo mangiare meno carne?
 

1. Per mangiare più sano

Si consiglia di non mangiare più di 100 g di carne al giorno per un adulto. In questi 100 g, non si dovrebbero superare i 43-71 g di carne rossa [3] (tutte le carni tranne il pollame). Un consumo eccessivo di carne rossa e salumi aumenta il rischio di alcuni tumori e malattie cardiovascolari. [4]

Oggi però consumiamo più carne di quanto consigliato: tra i 115 ei 140 gr al giorno, di cui un centinaio di carne rossa. [5]

Ma le abitudini sono dure a morire. Biowallonie ha potuto osservare che le quantità di carne servite agli adulti nella ristorazione collettiva erano comprese tra 150 e 200 ge questo solo per un pasto di mezzogiorno. [6]

Il segreto per mangiare meno carne è variare! Possiamo benissimo mangiare 150 g di carne rossa per due giorni di seguito ma poi alterniamo il resto della settimana tra pesce, pollo, legumi, pasta, uova… o anche solo verdure [7] .

> Guarda le nostre idee per mangiare meno carne.
 

2. Per ridurre l’impatto sull’ambiente

La questione dell’impatto ambientale del consumo di carne è un argomento complesso e particolarmente delicato. [8] Iniziative come il “giovedì vegetariano” o “40 giorni senza carne” sono talvolta viste come attacchi ingiustificati a un settore – il bestiame – già in difficoltà.

Il consumo di carne sta diminuendo in Belgio, ma è raddoppiato dal 1980 nei paesi in via di sviluppo. Anche la produzione di carne dovrebbe raddoppiare entro il 2050 in tutto il mondo. [9]

Secondo la FAO, il settore dell’allevamento contribuisce per il 14,5% alle emissioni di gas serra dovute all’attività umana. [10] Si tratta di più del settore dei trasporti (circa il 13% secondo l’IPCC [11] ).

Utilizza anche quasi l’80% della terra agricola mondiale (per il pascolo e per la produzione di mangimi per il bestiame). In Vallonia, la maggior parte del bestiame viene nutrita “alla vecchia maniera”, pascolando sull’erba. [12] Ma questo è ben lungi dall’essere il caso ovunque. I bovini sono spesso nutriti con cereali. Quindi, all’aumentare del consumo di carne, aumenta anche la domanda di cereali. E per questo, abbiamo bisogno di terra… che quindi non è più disponibile per produrre cibo che può essere consumato direttamente dall’uomo.

È difficile, al di là di queste cifre globali, avere un’idea più precisa dell’impatto dell’allevamento.

C’è soprattutto una grande differenza tra:

  • l’allevamento intensivo, che in particolare richiede grandi quantità di cibo, spesso cereali OGM importati [13]  ;
  • allevamento tradizionale, legato alla terra, possibilmente biologico, dove l’animale fa parte di una filiera: mucche che mantengono i prati, producono concime che viene poi utilizzato in coltivazione, producono latte (e quindi panna, formaggio …), ecc.

In tutti i casi, appare difficile, se non impossibile, nutrire tutta l’umanità con un consumo significativo di carne [14] , verso il quale ci stiamo dirigendo.

3. Per salvare

Il belga spende in media un quarto del suo budget alimentare in carne, ovvero 480 € all’anno. Questa cifra sale addirittura a quasi il 30% in Vallonia. [15] La riduzione del consumo riduce quindi questo bilancio.
 

4. Mangiare carne di qualità migliore

A parità di budget, mangiare meno carne permette di scegliere carne di migliore qualità.

Preferiamo carne locale, biologica, acquistata dal produttore o da un macellaio che si taglia. Ad esempio un pollo biologico o un filetto di manzo di un allevatore locale.

Puoi optare per carne che reca un marchio di qualità differenziato. Alcuni indirizzi: comproprietario, contadini artigiani, GAC (gruppi di acquisto congiunto) o la guida biologica a Bruxelles o l’elenco degli indirizzi biologici in Vallonia. Il sito dei mercati belgi consente anche di cercare la parola chiave “biologico”.
 

Dovresti diventare vegetariano?

Rimane una scelta molto personale. Oltre agli aspetti ambientali, sanitari e di bilancio, c’è ovviamente la questione etica relativa al benessere e ai diritti degli animali.

La carne fornisce molti nutrienti facilmente assimilabili dall’organismo. [16] Ma è del tutto possibile seguire una dieta vegetariana equilibrata. E non si tratta solo di mangiare verdure.

Quello che è certo è che il consumo eccessivo di carne grava sull’ambiente e sulla salute e che è del tutto possibile ridurne il consumo. Diverse idee nel nostro articolo Mangiare meno carne: da dove cominciare?
 


– – – – – – – – – – – – –

[1] Indagine alimentare 2014-2015 dell’ISP: https://fcs.wiv-isp.be/nl/Gedeelde%20%20documenten/FRANS/Resume_FR_finaal_web.pdf. Tutte le carni combinate.

[2] Secondo Statbel. Si noti che ci sono almeno 3 modi per calcolare il consumo di carne: la quantità di carne disponibile sul mercato (produzione interna + importazioni – esportazioni) in peso carcassa (carne con le ossa, che è già un peso inferiore a quello dell’animale vivo ); questa stessa quantità ma in peso “umanamente commestibile” e, infine, sondaggi sugli alimenti in cui gli intervistati dicono ciò che mangiano. La cifra di 59 chili nel 2019 è il peso commestibile stimato sulla base del peso della carcassa in Belgio da Statbel, tutte le carni combinate (maggiori dettagli su come calcolare su Statbel). A titolo di paragone, un secolo fa in Francia si mangiavano solo 20 chili all’anno e per persona, secondo i dati citati da Bruno Parmentier.

[3] Idealmente dovremmo mangiare solo 300 g / settimana, o 43 g al giorno.

[4] I salumi non sono nutrizionalmente attraenti come la carne. Si consiglia quindi di consumare meno di 71 g di carne al giorno e non salumi. Ciò consente sia di fornire i nutrienti della carne riducendo i rischi associati allo sviluppo di alcuni tumori e malattie cardiovascolari.

[5] Le cifre variano a seconda della fonte. Secondo Statbel, nel 2016 abbiamo consumato 140 g di carne pro capite al giorno. L’indagine alimentare dell’Istituto Scientifico di Sanità Pubblica 2014-2015 parla piuttosto di un consumo di 115 g di carne al giorno per un adulto. Indagine e raccomandazioni sugli alimenti: https://fcs.wiv-isp.be/nl/Gedeelde%20%20documenten/FRANS/Resume_FR_finaal_web.pdf. Statistiche statbel: http://statbel.fgov.be/fr/modules/publications/statistiques/economie/agriculture_-_bilans_d_apprimentation.jsp. L’organizzazione no-profit Questions Santé ha fatto un giro (complesso) tra le figure della carne e le sue interpretazioni: http://www.questionsante.org/assets/files/EP/Viande.pdf

[6] Percorsi biologici n ° 29 (2016).

[7] Frutta e verdura sono ricche di sostanze nutritive. Anche se la nostra frutta e verdura ha ovviamente perso le loro qualità nutrizionali nel tempo: http: //tempsreel.nouvelobs.com/rue89/rue89-planete/20150126.RUE7557/une -…

[8] Su questo argomento, vedere gli itinerari organici n ° 27 e 29 per esempio.

[9] http://www.fao.org/ag/againfo/themes/fr/meat/home.html

[10] http://www.fao.org/livestock-environment/fr/

[11] Citato da Biowallonie in Organic Routes n ° 27

[12] Il 60-80% del bestiame è nutrito con erba in Vallonia.

[13] L’Europa importa il 75% delle proteine ​​vegetali (per il consumo animale e umano).

[14] Bruno Parmentier recensisce la questione della carne sul suo blog.

[15] http://statbel.fgov.be/fr/statistiques/organizzazioni / statbel / diffusion / statbel / a_la_une_archives / A_la_une_2016 / la_consommation_de_viande_baisse.jsp

[16] Assunzione nutrizionale completa (proteine, ferro, zinco, selenio, vitamine B3 e B12). Molti di questi nutrienti sono più facilmente assimilabili dal nostro corpo quando provengono dalla carne che se provengono dalle piante. Ciò non significa che le piante non siano interessanti, ma semplicemente che avranno bisogno di quantità maggiori. Fonte: [16] Conferenza al 19 ° Carrefour des productions animales nel 2014 .

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Etichette senza complicazioni – Dipinti

Riconosci le etichette per un’alimentazione sostenibile