in

La plastica nell’oceano: come possiamo ridurre la plastica monouso

Questo post è un umile appello per aiutare a essere parte della soluzione a un problema che è molto più grande di tutti noi … la crescente quantità di plastica nell’oceano. Conosciamo da tempo alcuni dei problemi di salute legati all’uso della plastica e ora le preoccupazioni ambientali stanno diventando sempre più allarmanti.

Il problema crescente della plastica nell’oceano

Tutti noi incontriamo la plastica ogni giorno. In effetti, immagino che sarebbe quasi impossibile non incontrare la plastica in qualche forma anche per un solo giorno poiché viene utilizzata in tutto, dall’abbigliamento agli interni delle automobili ai computer e ai telefoni. Il nostro pianeta sta iniziando a sentire gli effetti di questo massiccio utilizzo di plastica.

Alcune statistiche che fanno riflettere sul problema della plastica:

  • L’anno scorso, solo una delle principali società di bibite gassate ha creato oltre 110 miliardi di bottiglie di plastica in tutto il mondo.
  • Ci sono circa 5 trilioni di pezzi di plastica che galleggiano nei nostri oceani, del peso di oltre 300.000 tonnellate.
  • Surfers Against Sewage riferisce che il mondo ha prodotto 1,5 milioni di tonnellate di plastica all’anno nel 1950 e ora ne produciamo oltre 320 milioni di tonnellate all’anno. E questo numero è destinato a raddoppiare entro il 2034.

Secondo Vox.com, solo alcune delle conseguenze che dobbiamo affrontare a causa del crescente utilizzo della plastica sono:

  • Ogni anno muoiono oltre 100.000 mammiferi marini e 1 milione di uccelli marini.
  • Due terzi delle specie ittiche soffrono per l’ingestione di plastica e entro il 2050 ci sarà più plastica che pesce nell’oceano.
  • 5 enormi isole di plastica nell’immondizia si sono formate negli oceani, inclusa una tra le Hawaii e la California che è grande come il Texas!
  • Questa plastica aumenta anche l’acidificazione dell’oceano e aumenta drasticamente le possibilità che i coralli si ammalino.

Il riciclaggio non è la risposta

La plastica è progettata per durare a lungo. Ciò significa che possono essere necessari fino a 1.000 anni per abbattere completamente e quando si decompone rilascia composti nocivi. Il riciclaggio è spesso presentato come la soluzione, ma non è una risposta completa o addirittura praticabile per diversi motivi:

  1. Solo una piccola percentuale della plastica mondiale viene addirittura riciclata.
  2. Quando lo è, il riciclaggio costa migliaia di dollari e la plastica appena riciclata non può nemmeno essere venduta per quanto costa riciclarla.
  3. Produciamo più plastica di quella che possiamo riciclare e più tipi che possono essere facilmente smistati, il che rende il processo lento e inefficiente.
  4. La maggior parte della plastica viene riciclata in forme inutilizzabili che possono essere trasformate solo in panchine e tappeti ma non in bottiglie, quindi viene ancora creata più plastica.

Leggi questo articolo per ragioni più convincenti sul perché il riciclaggio non è l’unica cosa che si pensa sia …

Conclusione: riciclare è meglio che non riciclare, ma non riduce il nostro uso eccessivo di plastica. Tutti noi (dalle persone alle aziende e ai paesi) dobbiamo iniziare a concentrarci sulla riduzione del nostro uso di plastica in primo luogo.

I peggiori delinquenti

Purtroppo, il problema della plastica è quello in cui le persone si assumono la colpa mentre le aziende raccolgono i profitti. Un articolo del gennaio 2018 su Scientific American spiega come l’aumento dei margini di profitto abbia incoraggiato le principali aziende a fare pressioni per un uso continuato di questi prodotti.

In breve, queste aziende hanno resistito a misure come il deposito di cinque centesimi su bottiglie di plastica o vetro che hanno portato a un forte aumento del riciclaggio. Allo stesso tempo, spendono milioni in campagne pubblicitarie come “Keep America Beautiful” e “I Want to be Recycled” che ci fanno sentire come se stessimo realizzando qualcosa di benefico per l’ambiente quando i nostri sforzi individuali possono fare ben poco di fronte a uso eccessivo di plastica aziendale.

Statisticamente, gli stati e le città che applicano un costo aggiuntivo su bottiglie e borse di plastica vedono ridurre dell’80% l’uso di questi prodotti. Potremmo persino vietare o creare una politica solo opt-in su prodotti monouso come polistirolo e cannucce di plastica. Il problema è così diffuso che potrebbe essere necessaria una legislazione, ma mi piace anche considerare cosa possiamo fare tutti individualmente senza bisogno di leggi e regolamenti.

Cosa possiamo fare tutti per ridurre la plastica monouso

Questo mi porta ai piccoli cambiamenti che ognuno di noi può apportare, che insieme possono fare una grande differenza nell’uso della plastica. Le grandi aziende potrebbero non voler smettere di usare la plastica a causa dei margini di profitto, ma se riduciamo tutti il ​​nostro uso dei loro prodotti che utilizzano la plastica, possiamo influenzare queste società con il nostro potere d’acquisto.

Per favore…

Questo problema crescente ci riguarda tutti e sta solo peggiorando! Si prega di prendere in considerazione la possibilità di apportare il maggior numero di modifiche possibile per passare a una mentalità a basso consumo oa zero rifiuti, quando possibile.

Le alternative alla plastica sono un modo semplice per fare la differenza

Di seguito è riportato un elenco di alternative alla plastica monouso, a partire dai peggiori trasgressori. Questi prodotti si trovano più spesso nell’oceano e sono facili da sostituire:

1. Bottiglie di plastica

Solo negli Stati Uniti, ogni secondo vengono scartate 1.500 bottiglie d’acqua in plastica. Lascia che affondi. Ogni singolo secondo! Ogni anno inviamo oltre 38 miliardi in discarica e nell’oceano. E questi sono completamente inutili! Nel mondo sviluppato abbiamo accesso ad acqua pulita, filtri e bottiglie riutilizzabili. Cominciamo a usarli.

Usa invece:

  • Una bottiglia d’acqua riutilizzabile al posto di quelle usa e getta
  • La tua acqua, frullati, succhi freschi o tè da casa portati da casa
  • Un filtro per l’acqua in casa invece di dover acquistare acqua (questo investimento farà risparmiare anche denaro nel tempo).

2. Prodotti per l’igiene personale

Pannolini, assorbenti igienici e altri prodotti per l’igiene contribuiscono notevolmente all’inquinamento. Può costare migliaia di dollari pannolini a un bambino fino al vasino e contribuire con centinaia di migliaia di pannolini di plastica usa e getta alle discariche e all’oceano. Inoltre, in una vita una donna può utilizzare fino a 16.000 tamponi o assorbenti usa e getta, aggiungendo fino a $ 300 libbre di rifiuti di plastica al pianeta.

Usa invece: 

  • I pannolini di stoffa che costano molto meno a lungo termine , sono più naturali per il bambino e riducono l’uso di plastica.
  • Una coppetta mestruale al posto di assorbenti o assorbenti interni usa e getta per un periodo di rifiuti zero. Anche le mutandine del nuovo periodo sono una buona alternativa.

3. Cannucce di plastica

Le cannucce sono state di recente nelle notizie e molte persone stanno già scegliendo di rinunciare. Dì semplicemente “no grazie” alle cannucce in generale, o usa invece alternative eco-compatibili.

Usa invece:

  • Cannucce di acciaio inossidabile o persino cannucce di vetro (fai attenzione a loro)
  • Cannucce di silicone

4. Bicchieri usa e getta

Anche le tazze di polistirolo (polistirolo) e le tazze da caffè usa e getta (anch’esse rivestite di plastica) sono molto diffuse. Proprio come con le bottiglie, questi sono un passaggio facile da fare e spesso portano anche ad alternative più sane alle bevande.

Usa invece:

  • Una tazza per bevande calde o fredde in vetro e silicone ( questa è completamente priva di plastica ed è la mia preferita )
  • Una tazza per bevande isolata che può mantenere le bevande calde o fredde per un massimo di 24 ore
  • Qualsiasi tazza o mug che hai già se prepari queste bevande a casa (e risparmierai anche soldi!)

5. Sacchetti di plastica per la spesa

Usiamo il sacchetto medio per pochi minuti prima di scartarlo. In diversi luoghi, i funzionari hanno affermato che i sacchetti di plastica hanno contribuito alle inondazioni ostruendo gli scarichi e impedendo all’acqua di diminuire. E questi tipi di plastica rilasciano BPA e altri composti nel nostro cibo e nella nostra pelle.

Prova invece:

  • Un set di sacchetti della spesa riutilizzabili super resistenti  (possono sostituire letteralmente migliaia di sacchetti della spesa usa e getta)
  • Per gli acquirenti Aldi / Costco, queste borse Lotus Trolley si adattano perfettamente ai carrelli e rendono lo shopping davvero facile
  • Oppure crea le tue borse usando vecchie magliette

6. Produrre borse

Anche i sacchetti dei prodotti sono facilmente sostituibili. Mentre quelli di plastica nel negozio sono così facili, alcuni sacchetti riutilizzabili economici sono in realtà molto più convenienti e risparmiano molta esposizione alla plastica a lungo termine. Come bonus, non strappano e lasciano cadere tutti i tuoi prodotti se li raccogli nel modo sbagliato!

Prova invece:

  • Coulisse produce borse
  • Contenitori per prodotti lavabili (li adoro, specialmente per articoli pesanti come le patate dolci che acquistiamo all’ingrosso)

7. Contenitori di plastica e involucro alimentare

Se smettessimo tutti di acquistare qualsiasi cosa che arriva in un contenitore di plastica, penso che vedremmo tutti la nostra salute e il nostro pianeta cambiare quasi immediatamente! Ma dal momento che questo è un compito davvero arduo, possiamo iniziare con alcuni piccoli passi come la riduzione degli imballaggi da alimenti eccessivamente trasformati, la conservazione dei nostri avanzi in contenitori di vetro o acciaio inossidabile riutilizzabili e l’utilizzo di involucro non di plastica.

Questo post ha un elenco completo di come l’ho fatto nella mia cucina , ma ci sono un paio dei miei preferiti elencati qui …

Prova invece:

  • Involucro di cera d’api (sì, sono lavabili e funzionano benissimo!)
  • Contenitori per alimenti in vetro e bambù
  • Contenitori per alimenti a tenuta d’aria in acciaio inossidabile

8. Contenitori in plastica per sapone

Molti tipi di saponi antibatterici danneggiano effettivamente il microbioma cutaneo e vengono forniti in contenitori di plastica monouso.

Prova invece:

  • Scegliere saponi da bar da un produttore di sapone locale
  • Prepara il tuo sapone per le mani schiumoso riutilizzabile invece di gettare il contenitore

9. Bottiglie di prodotti per la pulizia

Allo stesso modo, i prodotti per la pulizia sono spesso solo una piccola quantità dell’ingrediente efficace diluito in molta acqua e venduto in una grande bottiglia di plastica! Molti di questi detergenti comportano gli stessi rischi dei saponi antibatterici e ci sono opzioni naturali che funzionano molto meglio.

Io opto per concentrati detergenti naturali non tossici e sicuri e li uso per fare di tutto, dal sapone schiumoso per le mani al detergente per tutti gli usi e al sapone da bucato. Il concentrato viene fornito in una singola bottiglia di plastica riciclabile e io la uso per riempire una pompa in vetro o acciaio inossidabile riutilizzabile o bottiglie spray da utilizzare in casa. Ciò riduce la necessità di dozzine di altri contenitori di plastica!

Usa invece:

  • Concentrato detergente Branch Basics a base  vegetale, biodegradabile, non tossico e non OGM
  • Flaconi spray in vetro riutilizzabili
  • Prodotti per il bucato MyGreenFills

10. Imballaggio alimentare

La maggior parte degli alimenti trasformati viene fornita in imballaggi di plastica e la maggior parte di essi non è comunque un’ottima scelta alimentare. Salta il cibo confezionato e prepara pasti e spuntini a casa per ridurre gli imballaggi (e anche il tuo corpo ti ringrazierà).

Prova invece:

  • Acquisto di alimenti sfusi quando possibile
  • Unirsi a una cooperativa di alimenti naturali
  • Sostenere i mercati degli agricoltori locali
  • Utilizzo di contenitori in acciaio inossidabile  per i pranzi scolastici

11. Gum

Potrebbe non essere la prima cosa a cui pensi quando pensi alla plastica, ma la maggior parte delle gomme contiene plastica e molta di essa finisce nell’ambiente ogni anno.

Prova invece:

  • Sorseggiando invece una tisana alla menta o un succo fresco
  • Mastica un’alternativa naturale come Glee

Accetta la sfida senza plastica per un mese

Se sei preoccupato quanto me di come la plastica sta influenzando la nostra salute e il nostro pianeta e vuoi fare la differenza, per favore unisciti a me nell’evitare la plastica monouso per un mese. Le regole sono semplici e siamo sul sistema dell’onore, ma ecco come farlo:

  1. Prepara un piano per evitare o sostituire questi oggetti di plastica monouso. Porta con te una bottiglia d’acqua e una tazza da caffè riutilizzabile. Rifornisci la tua auto con alcuni sacchetti della spesa riutilizzabili e prepara un piano alimentare per cucinare i cibi a casa invece di ordinare cibo da asporto. E giuro completamente le bevande in bottiglie di plastica!
  2. Procurati invece tutte le scorte necessarie da avere a portata di mano.
  3. Facci sapere nei commenti quando inizi e come va!

Ti unirai a me nella sfida No-Plastic? Hai altre idee per ridurre l’uso della plastica? Cominciamo a cambiare il pianeta in meglio!

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Ricette naturali casalinghe della bevanda rinfrescante di aria

L’Ecolabel europeo per gli emendamenti del suolo e i substrati di coltivazione