in

Solventi organici: come evitarli per tutelare la tua salute?

Acquaragia, acetone, ma anche vernici, mobili in truciolare… Molti prodotti sono o contengono solventi organici.

I solventi organici sono dannosi per la salute . Fanno parte della grande famiglia dei composti organici volatili (COV). Evaporano facilmente e si trovano nell’aria che respiriamo. Alcuni sono facilmente assorbiti attraverso la pelle. Gli effetti sulla salute variano a seconda del solvente [1] : possono attaccare fegato, reni, occhi, naso, vie respiratorie, provocare violente reazioni allergiche, indurre disturbi nervosi e causare malformazioni fetali. Alcuni sono cancerogeni. Tra i solventi più tossici ci sono l’acquaragia, il percloroetilene, il tricloroetilene (tricloro) e il monoclorobenzene.

I solventi organici sono anche pericolosi per l’ambiente . Possono degradare la qualità dell’aria (contribuendo alla formazione di ozono e smog [2] ), danneggiare lo strato di ozono [3] o persino contaminare le acque sotterranee, superficiali (elevata tossicità per gli organismi acquatici) e il suolo.

Fortunatamente, spesso è possibile fare a meno dei solventi organici. E quando non lo fanno, vengono usati con grande cautela.
 

Cosa sostituire i solventi organici?

Si evita il più possibile l’uso di solventi organici e prodotti che li contengono. In particolare sono vietati i solventi organici clorurati (cloroformio, tricloroetano, tricloroetilene, percloroetilene, ecc.). Sono molto velenosi.

In molti casi ci sono alternative.

Per rimuovere la vernice

Gli sverniciatori vengono sostituiti con lame graffianti o acqua saponosa e carta abrasiva resistente all’acqua.

Dipingere

Utilizziamo vernici a base d’acqua ed ecologiche.

Per riparare un pavimento

È inchiodato o avvitato piuttosto che incollato.

Per proteggere il legno

Scegliamo un legno adatto all’uso per limitare i trattamenti necessari. Se devi usare un prodotto di trattamento o una vernice, opti per un prodotto etichettato (Natureplus, NF Environnement, European Ecolabel, ecc.). Per i mobili, puoi usare l’olio di lino. 

Per lavarti le mani

Dopo aver usato grasso o vernice, evitare di lavarsi le mani con solventi o acquaragia. Invece, vengono utilizzati acqua, sapone e una pietra pomice. Puoi anche strofinarli con un semplice olio da cucina prima di insaponarli. È molto efficace per rimuovere tracce di grasso o vernice!

Per pulire e sgrassare

I prodotti a base di solventi vengono scambiati con:

  • cristalli di soda (ma i guanti si indossano perché irritano);
  • sapone nero;
  • o prodotti ecologici etichettati.

Per rimuovere le macchie dai tessuti

Prima di correre su uno smacchiatore, proviamo prima a pulire con acqua saponosa. Il sapone nero è molto efficace. Diverse sono anche le ricette della nonna da staccare in modo più naturale.

Arredare

Il legno massiccio è preferito al truciolato (che spesso contiene colle ricche di solventi).
 

Suggerimenti per la sicurezza

Se devi ancora utilizzare solventi, leggi l’etichetta e segui scrupolosamente le precauzioni d’uso.

Durante l’uso

  • Fornire una buona ventilazione nell’area in cui vengono utilizzati solventi organici.
  • Indossare guanti resistenti ai solventi e indumenti protettivi per evitare il contatto con la pelle.
  • Le maschere comunemente indossate per proteggere dalla polvere non sono sufficienti. Uno deve essere dotato di una cartuccia approvata contro i vapori di solventi organici.
  • Non accendere mai fuochi o sigarette perché gli elementi organici volatili miscelati nell’aria sono cocktail esplosivi.

Per magazzino

  • Lasciare il solvente nella confezione originale e assicurarsi che l’etichetta rimanga leggibile. Per evitare confusione, non trasferire in un altro contenitore.
  • Conservare i solventi nuovi e usati in una stanza ben ventilata e tenerli fuori dalla portata dei bambini .
  • Sigillare ermeticamente i vasetti di solvente e conservare gli stracci imbevuti in contenitori chiusi.

Per smaltire correttamente imballaggi e fondi di pentole

  • Riutilizzare i solventi usati per pulire l’attrezzatura.
  • Portare i rifiuti (barattoli vuoti, vernice rimanente, solventi usati, stracci e imballaggi sporchi) al parco container (in Vallonia) o in un angolo verde mobile (a Bruxelles). Si tratta di piccoli rifiuti chimici che non dovrebbero mai essere scaricati nelle fogne o gettati nella spazzatura. Alcuni solventi inceneriti con i rifiuti domestici formano molecole estremamente tossiche e cancerogene.

– – – – – – – – – – – –

[1] DEOUX Suzanne, Building for children health, Medieco Editions, 2010.

[2] Negli strati inferiori dell’atmosfera.

[3] Negli strati superiori dell’atmosfera (o stratosfera).

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Slow life: come rallentare per vivere meglio e preservare il pianeta?

Idee per cesti pasquali sani che piaceranno a tutta la famiglia