in

Focus sul consumo di cibo 3/3: commercio equo e solidale

Ultima sezione “cibo”, il mese di dicembre si concentra sul cibo giusto dopo aver rivisto i principi del cibo sostenibile e biologico.

  • Attività commerciale
  • Definizione
  • Commercio equo e commercio equo e solidale
    • Dalla fiducia alle garanzie
    • Consumatore responsabile e … critico
  • Azione
    • per il pensiero
    • etichette e contrassegni

Attività commerciale

Nella nostra società dei consumi globalizzata, che sostiene la crescita come unica modalità di sopravvivenza, il commercio si è evoluto in modo significativo: esplosione dei volumi scambiati, spostamento delle aree di produzione, cambiamento nella natura dei prodotti scambiati, ecc. Nel settore alimentare, le multinazionali dell’agroalimentare sono principalmente al timone. La grande distribuzione completa il quadro per offrire a tutti, sempre, prodotti a prezzi contenuti. Se la qualità intrinseca di un prodotto non è sempre svenduta, non possiamo spiegare la differenza di prezzo tra un piccolo produttore e una multinazionale per il solo effetto delle economie di scala attraverso la produzione e la distribuzione di massa. Le multinazionali non esitano quindi a schiacciare i prezzi pagati ai produttori, né a delocalizzare le aree di produzione in base ai vantaggi che vi trovano … Obiettivo: sempre per un maggiore profitto, a prescindere dal benessere a volte più basilare del lavoratore : diritti sociali, equa remunerazione, salute, sicurezza, ecc. Una nuova schiavitù sta emergendo lontano dagli occhi del consumatore.

Cosa si intende per commercio equo e solidale?

FINE [1] lo definisce come segue:

Il commercio equo è una partnership commerciale basata sul dialogo, la trasparenza e il rispetto, il cui obiettivo è raggiungere una maggiore equità nel commercio mondiale. Contribuisce allo sviluppo sostenibile offrendo migliori condizioni commerciali e garantendo i diritti dei produttori e dei lavoratori emarginati, soprattutto nel Sud del pianeta.
Le organizzazioni del commercio equo, sostenute dai consumatori, sono attivamente impegnate nel sostenere i produttori, sensibilizzare e fare campagne per i cambiamenti nelle regole e nelle pratiche del commercio internazionale convenzionale. 

 

[1] FINE è una rete informale delle quattro principali federazioni internazionali del commercio equo e solidale, creata nel 1998. FINE è un acronimo formato dai nomi dei suoi membri:

F: Fairtrade Labelling Organizations (FLO)
I: International Federation of Alternative Trade (IFAT), ora World Fair Trade Organization (OMCE)
N: Network of European Worldshops (NEWS)
E: European Fair Trade Association (EFTA)

Commercio equo e commercio equo e solidale

Molte domande vengono poste in merito al commercio equo e solidale, spesso criticate e messe in discussione dai media. È anche difficile notare, un po ‘come per il settore biologico, che i critici sono più veementi nei confronti delle pratiche che mirano più alla virtù che rispetto alle pratiche classiche. Tuttavia, qualsiasi sistema subisce derive e rimane perfettibile. Se esiste una sola definizione di CE, ci sono diversi modi per metterla in pratica, a seconda del punto di vista preso in considerazione e della strategia di sviluppo scelta. Pertanto, i pionieri del commercio equo e solidale non sempre si identificano con le strategie di sviluppo scelte da FLO-MaxHavelaar ed Ecocert. Questi ultimi hanno scelto l’espansione quantitativa, con lo sviluppo di settori e sbocchi commerciali: più prodotti certificati, più disponibili a più persone. Altri hanno scelto una strada più militante dove il commercio equo e solidale non è fine a se stesso ma strumento di sostegno ai produttori, mezzo di emancipazione per i cittadini e leva per il cambiamento nel commercio mondiale.

Dalla fiducia alle garanzie

Esiste una certificazione dei prodotti del commercio equo e solidale. Tuttavia, la questione delle garanzie solleva inevitabilmente quella della fiducia che il consumatore è pronto a concedere agli attori del comitato aziendale che offrono i prodotti.

Finché il comitato aziendale equo era guidato da attori associativi, enti di beneficenza, attivisti il ​​cui obiettivo non era il profitto, la questione della fiducia non si poneva veramente finché la trasparenza era assicurata. Da quando sono entrate nella danza le multinazionali della produzione, trasformazione e distribuzione, è un’altra cosa, in quanto i loro obiettivi non sono disinteressati. Si tratta molto più di fare “commercio equo”, e quindi di assicurarsi quote di mercato e profitti, che di fare veramente commercio equo. C’è un progresso innegabile, ma questa resta la differenza tra tenere in considerazione l’unico prodotto che risponde ai criteri del commercio equo e tenere conto dell’intero settore che deve rispettare, per ciascuno dei suoi attori, i criteri del commercio equo. Al di là del prodotto, l’intera filiera opera secondo i principi CE. Da un lato avremo prodotti che quindi corrispondono a criteri. Dall’altro avremo prodotti che corrispondono non solo ai criteri ma anche a una filosofia di equità, giustizia economica e sociale, lungo tutta la filiera, senza cercare il profitto a tutti i costi.

Consumatore responsabile … e critico

Il commercio equo offre quindi grandi opportunità di riequilibrio nord-sud, ma i consumatori devono restare vigili. Anzi, la corsa ai volumi ha un po ‘pervertito i valori di certe etichette e diluito l’equità a favore del… profitto! Agli albori del commercio equo e solidale, solo i piccoli produttori, con aree di produzione limitate a pochi ettari, potevano accedere all’etichetta Max Havelaar. Questo non è più del tutto vero oggi. Fair Trade International (ex Max Havelaar) si rivolge ora a grandi produttori per garantire volumi e flussi. Ciò presenta rischi come un minor rispetto dei diritti dei lavoratori e una forte concorrenza nei confronti dei piccoli produttori, che a volte sono costretti ad abbandonare la loro terra per andare a lavorare in grandi tenute. Troppo pochi controllori sul campo, troppo pochi controlli e la porta è aperta alle derive mercantili. 

Azione

Per il pensiero

  • un po ‘perso? e se ti aiutassimo a scegliere tra mangiare biologico, locale o equo e solidale?
  • si crede spesso che il commercio equo e solidale esista solo nel sud. Non proprio ! Commercio equo nel nord e nel sud (dossier)

Etichette e contrassegni

Fairtrade: indica che il prodotto proviene dal commercio equo e solidale.
 

 

Oxfam Fair Trade: indica i prodotti del commercio equo e solidale venduti da Oxfam-Magasins du monde. non strettamente parlando un’etichetta, ma un marchio di proprietà di un’organizzazione non governativa. In Belgio, è l’organizzazione senza scopo di lucro Oxfam Magasins du monde che gestisce questo marchio.

 

 

Ecocert: il prodotto soddisfa i criteri dell’agricoltura biologica e del commercio equo e solidale (secondo lo standard “ESR”).

 

Fairtrade biologico: Il prodotto soddisfa i criteri dell’agricoltura biologica e del commercio equo e solidale (secondo lo standard “ESR”). Questa etichetta si rivolge ad aziende in partnership con produttori di paesi emergenti o in via di sviluppo.

 

Solidarietà biologica: il prodotto risponde sia ai criteri dell’agricoltura biologica che a quelli della Carta “solidarietà biologica”. Questa etichetta mira a sviluppare partnership locali tra trasformatori e produttori (francesi). 

 

Focus sul consumo di cibo 1/3: mangiare per tutti!

Focus sul consumo di cibo 2/3: mangiare biologico

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

7 consigli per mangiare biologico ed economico

Dove e come guidare uno scooter, un gyroroue, un hoverboard …?