in

Perché uso sempre un filtro per doccia

La maggior parte di noi conosce l’importanza di bere abbastanza acqua e di filtrarla per evitare sostanze chimiche nocive o contaminanti , ma lo sapevi che l’acqua della doccia può essere altrettanto dannosa (se non di più) dell’acqua potabile?

Ecco perché:

Cosa c’è nell’acqua della doccia?

L’acqua della doccia non filtrata può contenere una serie di sostanze chimiche come il cloro (che cerchiamo di evitare quando possibile ), nonché batteri e funghi provenienti dal soffione della doccia.

La pelle è molto più di un semplice rivestimento per il corpo. È l’organo più grande ed è responsabile di importanti funzioni come la creazione e la sintesi della vitamina D. Ha anche la capacità di assorbire gran parte di ciò con cui entra in contatto e stiamo imparando che ha il suo microbioma unico e importante!

Questo è il motivo per cui l’olio di magnesio topico funziona così bene e perché la luce solare è così importante .

È anche per questo che un filtro doccia è così vitale:

Il cloro è efficace nell’uccidere i patogeni presenti nell’acqua, ma le proprietà che lo rendono in grado di farlo possono influenzare il microbioma cutaneo e il delicato equilibrio dei batteri sulla pelle.

Questi sono alcuni dei maggiori rischi associati ai prodotti chimici nell’acqua della doccia (e le ragioni per cui uso un filtro per doccia):

1. Possiamo assorbire più cloro attraverso la doccia che attraverso l’acqua potabile

Può sembrare controintuitivo, ma fare la doccia in acqua clorata può portare a un assorbimento di cloro maggiore rispetto a bere acqua clorata. Questo perché tipicamente facciamo la doccia a temperature calde, il che facilita l’assorbimento e perché quest’acqua entra in contatto con un’area così ampia del corpo. Infatti, la ricerca mostra che il cloro nell’acqua della doccia (o del bagno) può facilmente entrare nel flusso sanguigno in quanto ha un basso peso molecolare e può facilmente passare nell’organismo.

Il cloro può anche interagire con altra materia nell’acqua per formare sottoprodotti dannosi come i trialometani (THM). Uno di questi trialometani è il cloroformio, che conosco dai tempi della mia infanzia leggendo i misteri di Nancy Drew , poiché veniva spesso usato dai criminali per far svenire le vittime. Per fortuna, non si trova in quantità sufficientemente elevate nell’acqua della doccia da causare un problema così grave, ma certamente non è bene entrare in contatto con regolarmente.

L’aria calda e l’acqua aprono anche i polmoni, facilitando anche l’inalazione di queste sostanze chimiche. In effetti, uno studio ha rilevato  una concentrazione di cloroformio superiore al normale nei polmoni dei partecipanti allo studio dopo una doccia calda.

Le sostanze chimiche assorbite attraverso la pelle possono entrare rapidamente nel flusso sanguigno e avere un enorme impatto sul corpo. Questo è ottimo quando si tratta di cose come il magnesio topico  che vogliamo che entrino nel corpo rapidamente e in quantità sufficienti, ma non così buono quando si tratta di sottoprodotti disinfettanti dannosi. Questo studio ha anche mostrato un rischio maggiore per tutta la vita di cancro e altri problemi derivanti dal fare il bagno o la doccia in acqua clorata rispetto al consumo.

2. L’acqua della doccia rilascia sostanze chimiche nell’aria della casa

Ci sono alcuni evidenti trasgressori dell’inquinamento atmosferico indoor:

Le candele profumate rilasciano nell’aria fragranze nocive e paraffina e sono una delle principali fonti di inquinamento dell’aria interna. Anche i deodoranti per ambienti e i prodotti chimici per la pulizia sono i principali colpevoli, ma molti di noi non si rendono conto che anche l’acqua della doccia è in cima a questa lista!

Il calore dell’acqua della doccia può far evaporare i prodotti chimici che vengono rilasciati nell’aria in quantità maggiori di quanto non siano presenti nell’acqua stessa. L’ EPA ha rilevato livelli significativi e rilevabili di THM e altri sottoprodotti nell’aria interna come risultato dell’acqua del bagno e della doccia.

3. I prodotti chimici nell’acqua della doccia possono causare danni al microbioma cutaneo e irritare la pelle

Come ho già detto, il microbioma non è limitato all’intestino. Mentre l’importanza dei batteri benefici nell’intestino sta diventando molto più nota, ci sono “biomi” meno conosciuti sul corpo, inclusa la bocca e la pelle.

Logicamente, fare la doccia in un agente disinfettante come il cloro che è testato chimicamente per ridurre i batteri nell’acqua può avere un enorme impatto sul bioma della pelle. Molti degli effetti sui batteri benefici non sono visibili e molte persone non sembrano avere effetti evidenti, anche se alcuni sperimentano secchezza della pelle, eczema o irritazione.

4. I prodotti chimici presenti nell’acqua della doccia sono collegati al cancro e ad altri problemi di salute

In seguito al primo punto, alcune delle sostanze chimiche presenti nell’approvvigionamento idrico sono state collegate a vari tipi di cancro. Queste sostanze chimiche possono essere abbastanza problematiche se consumate in acqua, ma sono ancora più dannose se inalate o assorbite attraverso la pelle. Chris Kresser spiega :

Le ricerche condotte sugli effetti sulla salute dell’acqua potabile clorata hanno dimostrato una serie di problemi di tossicità. Diversi studi hanno scoperto che le comunità che utilizzano acqua potabile clorurata o cloraminata hanno un aumentato rischio di cancro alla vescica, ai reni e al retto. ( 4 ,  5 ,  6 ) I THM di acqua trattata chimicamente sono stati associati a una varietà di esiti negativi alla nascita, come aborto spontaneo, difetti alla nascita e basso peso alla nascita. ( 7 ) Il cloro e i vapori di cloramina sono associati a un maggior rischio di asma e possono danneggiare il rivestimento della mucosa delle vie respiratorie. ( 8) I radicali liberi nell’acqua clorata sono stati collegati al malfunzionamento del fegato, all’indebolimento del sistema immunitario e ai cambiamenti pre-arteriosclerotici nelle arterie. ( 9 )

e Food Renegade sottolinea un legame più specifico tra cloro e cancro al seno:

Il cancro al seno, che ora colpisce una donna su otto in Nord America, è stato recentemente collegato all’accumulo di composti del cloro nel tessuto mammario. Uno studio condotto a Hartford nel Connecticut, il primo del genere in Nord America, ha rilevato che “le donne con cancro al seno hanno livelli dal 50% al 60% più alti di organoclorurati (sottoprodotti della clorazione) nel tessuto mammario rispetto alle donne senza cancro al seno”.

Naturalmente, la correlazione non è uguale alla causalità, ma in questo caso l’evidenza è abbastanza forte da giustificare almeno cautela e ulteriori studi. Per lo meno, trovo che valga la pena prendere precauzioni contro le fonti di esposizione al cloro facili da eliminare usando cose come filtri per l’acqua potabile e filtri per la doccia.

5. Le clorammine possono essere ancora più dannose del cloro

Un’altra sostanza chimica spesso utilizzata nell’approvvigionamento idrico è la cloramina, una miscela di cloro e ammoniaca. Come puoi immaginare, ha anche i suoi rischi e può essere ancora più irritante per la pelle e i polmoni del solo cloro.

Sfortunatamente, molti filtri che rimuovono il cloro non rimuovono facilmente le clorammine, quindi è importante ricercare le opzioni e affrontare entrambi i prodotti chimici quando si considerano i filtri per la doccia.

Come ho spiegato in questo post , alcuni tipi di vitamina C possono rimuovere le clorammine e possono essere aggiunti a un bagno per rimuovere il cloro e le clorammine nell’acqua, anche se questo è sicuramente più difficile da aggiungere alla doccia.

Tipi di filtri doccia

Esistono vari tipi di filtri doccia efficaci contro cloro e clorammine e io personalmente ne ho provati diversi nel corso degli anni. I filtri possono utilizzare carbone / carbone, vitamina C o KDF (flusso di degradazione cinetica). Ci sono pro e contro per ogni tipo di filtro, inclusi (dal meno efficace al più efficace):

  • Filtri a carbone : semplici filtri a carbone come i popolari filtri Sprite  sono efficaci nel rimuovere il cloro (sebbene non altrettanto efficaci contro le clorammine) e con un avvertimento: non funzionano molto bene a temperature calde. Infatti diventano meno efficaci quanto più calda diventa l’acqua, rendendoli più efficaci per la filtrazione dell’acqua potabile (solitamente filtrata fredda) e meno efficaci per i filtri doccia. Sono un’opzione economica che può essere utile, specialmente per coloro che non fanno docce molto calde.
  • Filtri KDF : un’altra opzione relativamente economica, un filtro KDF è molto efficace nella rimozione del cloro, ma non altrettanto efficace nel rimuovere le clorammine. Questi possono essere una buona opzione in luoghi in cui le clorammine non vengono utilizzate nella fornitura d’acqua.
  • Filtri alla vitamina C : la mia opzione preferita per rimuovere sia il cloro che le clorammine. La vitamina C crea una reazione chimica che cambia completamente il cloro e le clorammine, rendendole innocue. Questi tipi di filtri rimuovono quasi completamente sia il cloro che le clorammine e possono anche giovare alla pelle. In effetti, molte persone segnalano miglioramenti della pelle e dei capelli dopo aver usato questi filtri. Ho provato questo filtro alla vitamina C con ottimi risultati.

Sfortunatamente, non ho mai trovato un filtro per doccia che rimuova completamente il cloro e le clorammine (anche se alcuni, come i filtri della vitamina C, rimuovono il 90 +%). L’unico filtro che ho trovato che sembra rimuovere completamente le clorammine, il cloro (così come la maggior parte del fluoro e altri contaminanti nell’acqua della doccia è un filtro completamente intero ( come questo ).

Come filtrare l’acqua del bagno

Per molto tempo ho riempito la vasca dei miei figli dal soffione in modo che l’acqua scorresse attraverso il filtro per rimuovere il cloro prima di trovare un modo migliore . C’è un decloratore da bagno che rimuove il cloro (e parte della cloramina) nell’acqua del bagno in un paio di minuti. Questo è quello che ho usato .

Filtri doccia: linea di fondo

Filtrare l’acqua della doccia è un passaggio semplice e relativamente economico che può fare una grande differenza nel ridurre l’esposizione al cloro e ad altre sostanze chimiche in casa. Alcune persone (come me) sembrano essere molto più sensibili al cloro e notano gli effetti più prontamente, ma queste sostanze chimiche influenzano tutti noi a livello cellulare.

L’uso di un semplice filtro per doccia o di un decloratore da bagno è un modo semplice per rimuovere il cloro e altre sostanze chimiche nocive nell’acqua del bagno e della doccia.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Come iniziare con il giardinaggio a piedi quadrati (e perché)

Ricetta Playdough fatta in casa senza glutine