in

La mia scelta è il legno!

Il legno è un materiale onnipresente nella nostra vita quotidiana. Si trova in infissi, porte di casa, infissi, mobili da soggiorno, giocattoli per bambini … Ma il legno non è l’unico materiale “in commercio”. Per le suddette applicazioni, compete con plastica, acciaio, alluminio, cemento, mattoni ecc. Tuttavia, preferiamo il legno. Perché ? Come scegliere un legno “buono”? Questo è quello che vedremo …

Il legno … un materiale rinnovabile!

La prima differenza tra questi materiali è la loro natura rinnovabile (o meno). Anche se plastica, acciaio, alluminio o cemento vengono riciclati, provengono quasi esclusivamente da risorse non rinnovabili come petrolio, minerali … Alcune materie plastiche sono tuttavia sintetizzate da risorse rinnovabili come l’amido, ma la loro distribuzione è ancora limitata.

Al contrario, il materiale-legno proviene da capitale rinnovabile e ha il vantaggio di contribuire all’assorbimento e quindi allo stoccaggio del carbonio, la famosa CO2, un gas serra all’origine del tanto temuto cambiamento climatico. Una tonnellata di legno corrisponde infatti a 1,4 tonnellate di anidride carbonica assorbita. La produzione di metallo, plastica, cemento non ha questo vantaggio e consuma solo CO2.

Inoltre, il legno consuma meno energia durante il suo ciclo di vita: già nella fase di produzione richiede quattro volte meno energia del calcestruzzo, 60 volte meno energia dell’acciaio, 130 volte meno energia dell’alluminio.

Il legno ha quindi a priori un equilibrio ecologico favorevole. Ma ciò non significa che ogni oggetto in legno soddisfi i criteri di eco-consumo! C’è stato persino un tempo in cui l’uso del legno era scoraggiato in ambienti attenti all’ambiente, in nome della protezione delle foreste, per prevenire la deforestazione tropicale e con noi le critiche riguardavano principalmente il consumo di carta e l’assenza di riciclo, all’epoca, in questo settore.

Si può parlare di risorsa rinnovabile per il legno solo se le foreste da cui proviene sono gestite in modo sostenibile. E se non viene da troppo lontano. E se l’oggetto in legno che vuoi acquistare non contiene prodotti tossici.

Ahi, iniziamo a parlare di criteri di selezione! Tutto il legno non è buono da prendere, quali aspetti dobbiamo tenere in considerazione?

Che legno per me?

Dal punto di vista dell’eco-consumatore possiamo, complessivamente, distinguere tre principali criteri di selezione:

  • la sostenibilità della gestione forestale garantita dall’etichettatura;
  • il luogo di produzione e lavorazione;
  • la composizione dell’oggetto basata sul “legno”.

Certo, a seconda del prodotto che stai cercando, cercherai anche di far sì che la specie scelta abbia le qualità richieste per la funzione dell’oggetto ricercato, … e ovviamente la dimensione estetica determinerà anche la tua scelta.

Legno da (vicino) casa mia!

Quando sconsigliamo l’acquisto di frutta e verdura da lontano, vogliamo evitare un consumo significativo di energia dedicata al trasporto. È esattamente lo stesso per il legno: il legno che ha percorso migliaia di chilometri può avere un impatto energetico maggiore rispetto all’alternativa “plastica”. Va anche oltre, dal momento che a volte il legname locale viene inviato all’estero per essere trasformato in tavole e pannelli, quindi rivenduto sul mercato europeo! Un po ‘come i gamberi sgusciati del Mare del Nord … La provenienza non è tutto, ma resta un criterio da seguire da vicino.

Legno proveniente da foreste gestite in modo sostenibile

Certamente tutti voi avete in mente immagini di deforestazione che mostrano paesaggi devastati i cui suoli si stanno erodendo e perdendo ogni valore “nutritivo”. L’esportazione illegale di legname tropicale verso i paesi europei rappresenta ancora flussi significativi; le misure normative sono lente da adottare. È l’insostenibilità portata all’estremo. Fortunatamente, non tutte le foreste sono gestite in questo modo! Tuttavia, i criteri di sostenibilità vanno oltre il “semplice” divieto di deforestazione.

L’Unione Europea ha definito il concetto di gestione forestale “sostenibile” in una conferenza tenutasi a Helsinki nel 1993: è “la gestione e l’uso dei boschi, in un modo e con un’intensità tali da mantenere la loro diversità biologica, la loro produttività, la loro capacità per la rigenerazione, la loro vitalità e la loro capacità di soddisfare, ora e in futuro, le funzioni ecologiche, economiche, sociali rilevanti, a livello locale, nazionale e internazionale, e che non danneggino altri ecosistemi. Tuttavia, non si può parlare di una politica forestale comune come la politica agricola; non esistono quindi regolamenti vincolanti applicabili a livello europeo.

Allo stesso tempo, l’ultimo rapporto sullo stato dell’ambiente dell’Unione (2003), ci dice che:

  • la superficie forestale totale aumenta di circa lo 0,5% all’anno;
  • la macellazione annuale è notevolmente inferiore alla crescita in quasi tutti i paesi;
  • più preoccupante, invece, lo stato di salute delle foreste, il 20% degli alberi risente della defogliazione;
  • Il 7% della superficie forestale in Europa beneficia di una qualche forma di protezione.

Possiamo quindi considerare che le minacce per la foresta non derivano dal sovrasfruttamento, ma da molti altri fattori e che quindi l’acquisto di legname europeo rimane una buona scelta. A proposito, sapevi che la foresta belga occupa attualmente il 22% del territorio nazionale e che la sua superficie è aumentata del 25% in 130 anni? Eh si! Nonostante ciò, la nostra produzione di legname, in quantità, non è riuscita a coprire il fabbisogno del Paese.

In termini di qualità, anche la foresta belga si sta sviluppando favorevolmente. Sono finiti i giorni in cui si piantavano abeti rossi ovunque. Per ragioni economiche (riduzione del costo del lavoro) oltre che ecologiche e sociali, la gestione forestale si è diversificata in un’ottica di sviluppo sostenibile.

Per evidenziare questo sviluppo, i produttori forestali sono invitati a impegnarsi in un processo di certificazione.

Etichette per i nostri legni

Oggi, due processi di certificazione che assegnano le “etichette” stanno guadagnando slancio sul mercato mondiale e sono in concorrenza sul mercato belga: l’etichetta FSC e l’etichetta PEFC. In generale, queste etichette integrano concetti come il rispetto per le risorse, la flora e la fauna, l’apertura al pubblico, la gestione a lungo termine e il controllo esterno del processo, ecc.

Si differenziano per il fatto che l’attribuzione del marchio FSC si basa su un impegno e una pratica già concretizzata dalle scelte di gestione forestale e da un piano di gestione, mentre il marchio PEFC è concesso sulla base di un semplice impegno. Allo stesso modo, i requisiti dell’etichetta FSC vanno più in dettaglio e richiedono un monitoraggio più dettagliato da parte del proprietario della foresta. Questa etichetta è contrassegnata dal suo obiettivo primario, che è quello di prevenire la distruzione delle foreste tropicali, ma per ogni paese sono state redatte specifiche specifiche.

Attualmente, circa 123 milioni di ettari sono certificati PEFC (di cui 22 milioni per la Finlandia) e 54 milioni di ettari sono certificati FSC in più di 60 paesi.

Ricorda, tuttavia, che queste etichette si riferiscono solo alle condizioni di gestione forestale! Non certificano quindi la qualità del materiale, né i processi di trasformazione e lavorazione dei prodotti finiti.

 

Legno atossico!

Le colle, i prodotti utilizzati per il trattamento, le vernici, ecc. Possono purtroppo essere fonti di inquinamento indoor. Gli oggetti in truciolare, ad esempio, sono una fonte di formaldeide, che inquina l’aria. Eppure la stragrande maggioranza degli oggetti in legno come i mobili sono realizzati in pannelli di particelle, anche se a volte sembrano in vero legno. Per sfuggire a questo, è meglio acquistare mobili in legno massello. Questi sono tuttavia più costosi e / o più difficili da trovare. Guardando un po ‘, invece, è possibile trovare mobili in faggio, tiglio, betulla, pino … a prezzi molto contenuti.

Ma non è sufficiente acquistare mobili in legno massello, non dovrebbero nemmeno essere trattati con prodotti tossici. A questo proposito, prediligi il legno non trattato che puoi concederti con prodotti naturali e meno nocivi.

 

Soccombiamo al richiamo della foresta!

Il legno è un materiale resistente, caldo e (molto) di buona qualità, non lo neghiamo! La ricerca di un’etichetta è particolarmente rilevante per gli oggetti in legno tropicale. Ma a volte è assurdo scegliere un prodotto in legno tropicale con etichetta FSC se esiste un’alternativa nel legno di qualità della foresta vallona! Cerchiamo quindi di essere attenti a mettere in gioco l’insieme di criteri sopra menzionato … nella misura delle nostre possibilità.

Maggiori informazioni ?

– I nostri consigli sul legno: n ° 114 – elenco legni compatibili con lo sviluppo sostenibile, n ° 108 – etichette legno, n ° 117 – scegli il legno come materiale;
– Il database FSC (legno, fornitori, commerci, ecc.);

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Ricetta: crema spalmabile fatta in casa, senza olio di palma (fai da te)

8 idee molto semplici per promuovere la biodiversità in giardino