in

Come accendere un fuoco efficiente nella tua stufa a legna?

Uno scoppio in una stufa a legna, che piacere! Poiché è naturale e rinnovabile, il legno sembra essere una buona opzione di riscaldamento ecologica e salutare.

Eppure, le risorse di legno (locali) sembrano insufficienti per soddisfare il fabbisogno di riscaldamento. E l’emissione di polveri sottili durante la combustione comporta alcuni rischi per la salute.

Per riscaldare con la legna nel rispetto della tua salute e dell’ambiente, devi:

  • scegliere una stufa con un’efficienza superiore all’80%;
  • usare legno buono e asciutto;
  • seguire alcune istruzioni per accendere e mantenere il fuoco.
     

Quale legno scegliere?

Optiamo per:

  • legno duro , come quercia, faggio, acero, frassino, betulla, betulla, carpino, ecc. Sebbene anche calorifere, le conifere contengono resine che intasano i camini. 
  • ceppi con umidità inferiore al 20% . Questo tasso può essere controllato alla consegna o dopo l’asciugatura utilizzando un misuratore di umidità (o un tester di umidità) nel cuore di un tronco diviso. 
  • legno locale per evitare trasporti a lunga distanza (artigiani, taglialegna, vendita di legname locale, ecc.). Esistono anche possibilità di acquisto collettivo di legna da ardere per ottenere prezzi migliori ma senza garanzia sulla provenienza locale del legno.

Evitare di bruciare legno trattato, verniciato o composito (es. Compensato, truciolato, ecc.). Contengono componenti che non dovrebbero essere bruciati in casa, sia per motivi sanitari che ambientali. Questi materiali devono essere gettati nel parco container.
 

Asciuga bene la legna

O compriamo legna secca pronta per l’uso. O abbiamo legno “fresco” (che abbiamo comprato appena tagliato o che abbiamo tagliato noi stessi). Deve poi essere lasciato asciugare. Come farlo ?

  • Preferiamo il legno abbattuto in inverno , esclusa la linfa.
  • Viene fornito un riparo abbastanza grande per immagazzinare l’equivalente di 2 o 3 anni di consumo. Dovrebbe essere coperto, se possibile con uno sbalzo e ben ventilato, anche a livello del suolo. Viene posto su pallet, ad esempio, per consentire una buona ventilazione ed evitare il contatto con il suolo.
  • Idealmente, i registri vengono suddivisi prima dello stoccaggio. Questo accelera l’asciugatura (circa 1 cm all’anno partendo dal bordo in tutte le direzioni) e impedisce alla corteccia di intrappolare l’umidità nel legno. Questo è in genere il caso della betulla, ad esempio, se non è pelata.
  • Dopo 2 o 3 anni di essiccazione in queste condizioni, i ceppi dovrebbero aver raggiunto un livello di umidità prossimo al 20%.
  • Se possibile, tieni una piccola scorta di legna vicino alla stufa per terminare l’asciugatura prima dell’uso.
     

Come accendere il fuoco?

  • Per prima cosa, apriamo completamente l’alimentazione dell’aria .
  • Per accendere il fuoco, usa una palla di carta, un ramoscello o delle pigne. Esistono anche dispositivi di accensione del fuoco cosiddetti “ecologici” realizzati con fibre compresse, lana o trucioli di legno essiccati.
  • O sistemiamo gradualmente i log o optiamo per il metodo “Topdown” . Per questo, abbiamo i registri qui sotto, poi l’accensione in cima. Quindi accendiamo il fuoco dall’alto. Ciò consente ai tronchi sottostanti di riscaldarsi gradualmente. Man mano che rilasciano i gas di combustione, attraversano la zona superiore, già più calda. Questa temperatura più elevata favorisce la completa combustione dei fumi e riduce le emissioni inquinanti.
  • Infine, manteniamo il fuoco in base alle sue esigenze . Un buon focolaio favorisce una buona resa. A differenza della stufa che funziona al rallentatore. Il fuoco continuo non è necessario di per sé.
     

Abbastanza legno per tutti?

Certo, se tutti riscaldassero esclusivamente con la legna in case scarsamente isolate, le risorse forestali non sarebbero sufficienti. Fortunatamente, oggi non è così e c’è ancora un ampio margine di manovra nelle risorse forestali locali per la legna da ardere. Non ci sono solo legna, ci sono anche stufe che funzionano con pellet, bricchetti o cippato. Consentono di valorizzare alcuni “sottoprodotti” del bosco (rami e diradamento del legno).  

Il riscaldamento a legna fa quindi parte della soluzione del mix energetico necessario per l’indipendenza energetica della Vallonia. Man mano che l’ isolamento delle abitazioni diventa più forte, la necessità di riscaldamento diminuisce. Anche l’efficienza dei riscaldatori sta migliorando. Tutto ciò riduce la necessità di legno.
 

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Come preparare picnic e snack a rifiuti zero?

In bicicletta in inverno, tutto sta rotolando!