in

Come condire le padelle in ghisa

Niente evoca ricordi delle colazioni del fine settimana con la mia famiglia e dei viaggi in campeggio come la nostra grande padella in ghisa stagionata. Come un tramandato che proveniva da generazioni passate ed era “stagionato” in più di un modo.

Come molte delle cose belle della vita, condire una padella in ghisa e ottenere il rivestimento perfetto richiede pazienza, un po ‘di lavoro e molto amore.

Perché la ghisa?

Ora uso un assortimento di pentole salutari , ma avrò sempre un posto speciale nel mio cuore per la ghisa. Nel corso degli anni abbiamo trovato alcuni pezzi in più nelle vendite dei cantieri e nei negozi dell’usato e li abbiamo aggiunti alla collezione.

Le padelle in ghisa sono meravigliose perché possono essere utilizzate sui fornelli, nel forno, sulla griglia o anche sul fuoco da campo. Sono semplici da pulire (una volta ben condite) e meno costose di altre opzioni di pentole non tossiche. È così duro che può letteralmente durare per sempre e se lo lasci cadere, è più probabile che danneggi il tuo pavimento piuttosto che danneggiare la padella.

La ghisa adeguatamente stagionata è facile da pulire e relativamente antiaderente. Non cuocerà come il teflon, ma non crea fumi con il potenziale per uccidere i piccoli animali domestici.

La ghisa è anche l’unica pentola che oltre ad essere atossica può effettivamente avere benefici per la salute! Piccole quantità di ferro dalle pentole possono essere trasferite nel cibo, il che è particolarmente utile per le donne incinte o per coloro che sono anemici.

Come condire la ghisa

Molti dei problemi con la ghisa derivano da una stagionatura impropria. Il condimento è il processo di utilizzo di un olio o di un grasso per creare una patina o un rivestimento sulla superficie della ghisa. Questo protegge la padella e facilita la cottura.

Una volta che una padella è stagionata, il rivestimento può essere facilmente mantenuto mediante un adeguato lavaggio e asciugatura occasionale con olio.

Il miglior olio da usare per condire la ghisa

Si discute molto sul miglior tipo di olio da utilizzare per il condimento. Molte fonti raccomandano olio vegetale o olio di mais ( cosa che sconsiglierei vivamente ).

Altre fonti raccomandano l’olio di cocco , anche se alcune persone sembrano avere problemi con questo, specialmente se usano olio di cocco non raffinato. Ho anche visto alcune fonti che raccomandano oli che si ossidano facilmente, come i semi di lino, poiché questo processo dovrebbe aiutare a creare un rivestimento più duro, anche se non ho mai avuto problemi con oli più stabili e non ho mai trovato la necessità di farlo prova il lino.

Preferisco usare grassi tradizionali come strutto e sego, ma anche l’olio di cocco raffinato o il burro chiarificato funzionano bene.

Istruzioni per condimento in ghisa

  1. Lavare accuratamente la padella in ghisa con acqua e sapone. Normalmente, non è consigliabile usare il sapone sulla ghisa, ma poiché sta per essere stagionato, va bene. Se ci sono macchie di ruggine, usa un po ‘di sale e un po’ d’acqua per fare una pasta e strofina via la ruggine.
  2. Preriscalda il forno a 325. Alcune fonti consigliano di utilizzare una temperatura molto più alta, ma ho sempre trovato che è più difficile ottenere una buona finitura ad alte temperature. L’unica eccezione a questa regola è la vecchia ghisa stagionata che non è stata ben curata. Se trovo la ghisa in un negozio dell’usato o in una vendita in giardino, di solito strofino con la miscela di sale e la metto in un falò per alcune ore prima della stagionatura. Il riscaldamento a questa temperatura elevata aiuta a rimuovere eventuali vecchi condimenti e preparare il metallo per una nuova mano.
  3. Mettere la teglia nel forno preriscaldante per 5-10 minuti per riscaldarla. Questo passaggio aggiuntivo aiuta a rendere l’olio più efficace quando viene strofinato sulla ghisa.
  4. Usando un vecchio asciugamano o un pezzo di maglietta, strofina olio o grasso a tua scelta su tutta la padella, assicurandoti che sia completamente ricoperta, dentro e fuori.
  5. Usando un altro asciugamano o uno straccio, elimina tutto l’olio finché non rimane solo una sottile lucentezza.
  6. Mettere sottosopra in forno per 1-2 ore.
  7. Spegnere il forno e lasciare la teglia fino a completo raffreddamento.
  8. A seconda dell’età e della consistenza del ferro, la padella potrebbe aver bisogno di 3-5 di questi trattamenti di condimento prima che sia ottimale per la cottura. Quando ricevo una nuova padella in ghisa, la uso per la cottura ad alto contenuto di grassi per le prime settimane dopo la stagionatura in modo che sviluppi una finitura più forte (la frittura profonda e le fritture sono ottimali per questo).
  9. Dopo ogni utilizzo, la padella deve essere lavata immediatamente e l’asciugamano deve essere provato per prevenire la ruggine. Pulisco anche le mie padelle con un altro strato di sego o strutto dopo ogni utilizzo per mantenerle pronte per l’uso.

Cura della ghisa

La parte più importante del mantenimento della stagionatura sulle pentole in ghisa è l’utilizzo di tecniche di cura adeguate per proteggere la patina. Alcune cose importanti da ricordare quando ti prendi cura delle tue pentole:

  • In generale, non si dovrebbero usare acqua e sapone. La migliore pratica è lavare immediatamente con acqua calda e una spazzola o uno scrubber con cotta di maglia .
  • Un raschietto delicato è anche molto utile per rimuovere il cibo bloccato senza danneggiare la finitura.
  • I guanti da forno sono anche un salvavita con la ghisa, poiché il manico diventa molto caldo.
  • Ordino sego e strutto ( a un prezzo scontato da qui ) pascolati e di provenienza etica per l’uso su ghisa.
  • La maggior parte delle fonti consiglia di evitare cose altamente acide come il pomodoro in ghisa, poiché può lisciviare più ferro e creare un sapore sgradevole.
  • Gran parte della ghisa viene pre-condita in questi giorni. Ci sono alcuni fantastici set di ghisa disponibili a buoni prezzi , ma i miei preferiti di gran lunga sono le vecchie pentole che sono state tramandate da parenti o trovate alle vendite in cantiere.
  • Porta il tuo campeggio in ghisa e usalo sul fuoco. Ripeti la stagione quando torni a casa. Ho scoperto che farlo una volta all’anno o giù di lì aiuta a mantenere un finale forte.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Tutorial per fioriere fai-da-te

Come coltivare i microgreens