in

Come fare il sapone (con o senza liscivia)

Crescendo, non mi è mai venuto in mente che fosse possibile fare il sapone a casa. Sono nato in una grande città, sono cresciuto in un’altra e il sapone era sempre una tavoletta di colore bianco di Ivory che veniva fornita in un pacchetto.

Perché fare il sapone a casa?

Sono sempre stato furbo e quando ho trovato ricette per fare il sapone in un vecchio libro di casalinghi, sono rimasto incuriosito. Allo stesso tempo, tanti anni fa, non ero sicuro di alcuni degli ingredienti richiesti dalle ricette, in particolare il sego e la liscivia.

In effetti, nonostante il mio intrigo con il sapone fatto in casa, mi ci sono voluti alcuni anni per trovare il coraggio di farlo, quindi nel frattempo ho comprato sapone fatto a mano da un venditore locale. Quando finalmente ho provato a fare il sapone fatto in casa per la nostra famiglia, sono rimasto stupito di quanto fosse semplice e di quanti soldi ha risparmiato!

Anche se a prima vista il processo sembra travolgente, è molto semplice, soprattutto dopo averlo fatto una volta. Inoltre, in meno di un’ora, è possibile fare abbastanza sapone per la nostra famiglia per mesi e mesi, e io sono riuscito a fare il sapone per meno della metà del costo di acquisto, anche con ingredienti biologici.

Tipi di sapone che puoi fare a casa

In generale, ci sono diversi modi per fare il sapone in casa (con infinite variazioni di ciascuno). Questi sono:

  • Processo regolare o freddo
  • Processo a caldo
  • Sciogliere e versare

In questo tutorial, tratterò la tradizionale produzione di sapone a freddo. Inizierò con le basi e condividerò la mia ricetta semplice preferita in fondo. Controlla i collegamenti sopra per tutorial su altri metodi.

Puoi fare il sapone senza liscivia?

Spesso, la più grande preoccupazione con la produzione di sapone è la liscivia, e questa era anche una delle mie più grandi preoccupazioni prima di studiarla.

La liscivia viene fornita con la sua giusta quota di avvertimenti e con una buona ragione, ma ciò non significa che il prodotto finito a base di sapone sia in alcun modo pericoloso. La domanda più frequente sulle mie ricette di sapone (come il mio sapone slowcooker di base o le mie barrette di carbone ) è “posso fare il sapone senza liscivia?” La risposta breve è no, ma la risposta lunga richiede un po ‘di scienza …

Cos’è la liscivia?

Chimicamente, la liscivia è idrossido di sodio, un alcali caustico. Può mangiare buchi nel tessuto e nella pelle e causare gravi reazioni con altri prodotti chimici. Per il sapone, viene utilizzata la forma cristallina di idrossido di sodio puro (questo è importante!) E la liscivia deve essere aggiunta all’acqua, non il contrario.

Sembra pericoloso … giusto?

Non così in fretta.

Dopotutto, il sale da cucina è composto da sodio e cloruro, entrambi pericolosi da soli ma commestibili una volta combinati.

Non puoi fare il sapone senza la liscivia

Il sapone per definizione è un alcali misto a grassi. Quando combinato, avviene un processo chiamato saponificazione, creando sapone. Questo non solo consente al liquido e agli oli di mescolarsi (non lo fanno naturalmente, come potresti ricordare dalla lezione di scienze della scuola elementare), ma crea anche l’azione con cui il sapone ha le sue proprietà detergenti.

In altre parole, senza liscivia, hai solo un secchio di oli grassi e grossi che galleggiano nell’acqua.

La parte importante è assicurarsi che venga utilizzata la quantità corretta di liscivia per il particolare sapone che si prepara (più su quello di seguito) poiché oli e grassi diversi richiedono rapporti di liscivia diversi.

Non vuoi maneggiare la liscivia?

Se non vuoi toccare fisicamente la liscivia ma vuoi comunque provare l’esperienza di fare il sapone, non tutto è perduto. Ci sono modi in cui puoi creare e personalizzare il tuo sapone senza maneggiare la liscivia utilizzando un sapone prefabbricato che è stato pre-saponificato (in altre parole, la liscivia è già stata manipolata).

Non è privo di liscivia, ma non dovrai maneggiarla da solo.

Questa è la marca di sapone da sciogliere e versare che ho usato prima e ha funzionato molto bene. Puoi aggiungere profumi con oli essenziali o aggiungere altri ingredienti come argille, sali o altri componenti aggiuntivi se desideri creare un sapone personalizzato. Ancora una volta, non è privo di liscivia e non hai tecnicamente “fatto” il sapone, ma è un modo per fare esperienza senza dover maneggiare la liscivia (ma è anche molto meno economico).

Come creare il tuo sapone (con liscivia)

Come ho spiegato, sebbene la liscivia possa essere pericolosa da sola, non c’è nessuna liscivia rimasta nel sapone che è stato fatto correttamente e nessun motivo di preoccupazione quando si usa la liscivia in modo appropriato e nel rapporto corretto per la produzione di sapone.

Se sei pronto per affrontare il semplice processo di produzione del sapone usando la liscivia, ecco alcune buone risorse per iniziare:

Forniture necessarie per la produzione di sapone

Prima di iniziare, è importante avere sia una ricetta che gli ingredienti necessari. Puoi creare un sapone personalizzato con quasi tutte le varietà di oli e grassi e un buon calcolatore di sapone ( come questo ) ti aiuterà a sapere quanto di ogni ingrediente avrai bisogno. Gli oli sfusi che tengo a portata di mano per fare il sapone (e per cucinare e utilizzare in generale) sono:

  • Olio di cocco
  • Olio d’oliva
  • Burro Di Karitè
  • Burro di cacao
  • Olio di ricino
  • Olio di avocado
  • Burro Di Mango

Una volta che hai una ricetta e gli oli / grassi necessari, dovrai anche procurarti un po ‘di Liscivia pura da utilizzare nel processo di saponificazione. Ho avuto problemi a trovarlo localmente, ma sono stato in grado di ordinare la liscivia pura appositamente per la produzione di sapone qui .

Utensili da cucina per la produzione di sapone

Ho anche trovato utili questi utensili da cucina e ne tengo uno specifico per ciascuno solo per fare il sapone e non per l’uso in cucina:

  • Una bilancia digitale (questo è importante per fare un sapone che non sia troppo duro o troppo oleoso)
  • Barattoli e ciotole di vetro
  • Un frullatore a immersione 
  • bicchieri di plastica (opzionale)
  • Un cucchiaio di metallo
  • Un cucchiaio di legno
  • Una spatola
  • Stampi per sapone (o una vecchia scatola di cartone rivestita di carta forno). Ho stampi per fiori verdi , stampi per rose in silicone rosso e stampi per saponette di base .
  • Guanti e occhiali da sole o occhiali
  • Una grande bottiglia di aceto bianco per neutralizzare la miscela di liscivia se si rovescia su qualcosa.

È meglio avere utensili da cucina separati per fare il sapone e non usare normali utensili da cucina.

Come personalizzare il tuo sapone

A questo punto, puoi anche decidere su eventuali componenti aggiuntivi per il tuo sapone per personalizzare il colore, il profumo o la consistenza. In passato ho usato:

  • Oli essenziali
  • Erbe essiccate (per consistenza o colore): i miei preferiti sono i fiori di lavanda essiccati , i fiori di camomilla o la calendula , anche se è possibile aggiungerne di essiccati.
  • Colori : le opzioni di colore naturale che ho provato sono spezie e materiali vegetali come spirulina, curcuma, cacao, caffè macinato (il mio preferito), ibisco, radice di barbabietola e altri.
  • Aggiunte di consistenza – come caffè secco appena macinato, argille curative per sapone di argilla setosa , sapone al sale marino , farina d’avena o qualsiasi altro ingrediente.

Ricetta di base del sapone

Non vuoi creare la tua ricetta e sei pronto per iniziare? Prova questa semplice ricetta per iniziare. Prima di iniziare, assicurati di avere l’attrezzatura e gli ingredienti a portata di mano, inclusa una bilancia digitale. Questo non è facoltativo per fare il sapone fatto in casa!

Questo produce un lotto da 1 libbra (454 grammi) con il 5% di supergrasso e il 33% di riduzione dell’acqua.

Ingredienti:

  • 62 grammi di idrossido di sodio (liscivia)
  • 124 grammi di acqua distillata
  • 150 grammi di olio di cocco raffinato
  • 25 grammi di burro di karitè
  • 225 grammi di olio d’oliva
  • 100 grammi di olio di semi di girasole

Cosa fare:

  1. Prendi tutti i tuoi ingredienti e pesali per ottenere le quantità corrette. È importante farlo prima di iniziare poiché la produzione del sapone è un processo sensibile al tempo e non c’è tempo per fermarsi e misurare nel mezzo.
  2. Unisci oli liquidi: olio d’oliva e olio di jojoba e metti da parte in un barattolo o una ciotola.
  3. Sciogliere l’olio di cocco e il burro di karité in una piccola padella sul fuoco fino a quando non si saranno sciolti e metterli da parte.
  4. Ora dovrai preparare con cura la soluzione di liscivia. Assicurati che animali domestici e bambini piccoli non siano nella stanza e indossa sempre occhiali e guanti impermeabili. Misurare e pesare prima ciascuno separatamente. Non usare mai acqua calda durante la miscelazione e non aggiungere mai acqua alla liscivia. Mescolare aggiungendo liscivia a temperatura ambiente o acqua fredda in un robusto contenitore di vetro. Ancora una volta, non aggiungere mai acqua alla liscivia! Questa miscela diventerà molto calda e rilascerà vapore all’inizio. Mescolare con un cucchiaio di acciaio inossidabile fino a quando la liscivia è completamente sciolta.
  5. Ora è quando il tuo termometro digitale torna utile. ti consigliamo di mescolare gli oli e la miscela di liscivia quando entrambi raggiungono i 105 gradi. Può esserci una leggera differenza, ma la soluzione di liscivia dovrebbe essere inferiore a 110 gradi ed entro 10 gradi dalla temperatura dell’olio.
  6. Una volta che la liscivia è mescolata, unire gli oli liquidi ai burri e ai solidi fusi e mescolare per unire. Controlla la temperatura. Stai mirando a 105 e potrebbe essere necessario riscaldarli leggermente di nuovo se si sono raffreddati. Per lo più aspetterai che la liscivia si raffreddi a 105 in modo da poter iniziare a mescolare (chiamato portare il sapone da tracciare).
  7. Lentamente e con attenzione, versa la miscela di liscivia negli oli.
  8. Usa un frullatore ad immersione per mescolare il sapone fino a quando non raggiunge tracce. Ciò significa che gli oli si sono saponificati. Continua a frullare finché non diventa cremoso e simile al budino. Se vuoi aggiungere oli essenziali o altri ingredienti, questo è il momento in cui li aggiungerai. Di solito aggiungo circa un cucchiaino di un olio essenziale delicato come la lavanda. Lavora molto velocemente in modo che il sapone non si indurisca troppo in questa fase.
  9. Trasferisci rapidamente negli stampini e picchietta alcune volte per rilasciare le bolle d’aria. Mi piace usare stampi per barre in silicone individuali perché sono più facili. Questo stampo ha le dimensioni esatte per questa ricetta .
  10. Isolare (o no). Il sapone isolante porterà a un sapone finito più scuro e trasparente. Non isolante si tradurrà in un sapone più leggero e opaco. Ho isolato due modi: coprendo e avvolgendo con cura in un asciugamano, e il mio posizionamento su una teglia e metterlo in un forno caldo ma raffreddato (110 gradi) e lasciare per una notte.
  11. Attendi due giorni e rimuovi il sapone dallo stampo.
  12. Ora per la pazienza … il tuo sapone deve curare! Non è ancora pronto. Posizionare su una zona piana e ben ventilata per 30 giorni. Giralo alcune volte durante questo periodo di tempo.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Come coltivare i germogli nella tua cucina

Come fare un rullo di schiuma per circa $ 10