in

Articolo inutile del mese: il rinforzo rapido del foro supremo

Carissimi.

Voi che siete adoratori del buco, ex ministri del debito pubblico, groupie di Serge Gainsbourg, produttori di ciambelle o filosofi intersiderali, ho un sentimento da condividere con voi.
In effetti, una rivelazione mi ha colpito in questa mattina presto ancora notturna di settembre.
Appena uscito dal mio comodo letto, mi sono chiesto: ma in fondo, qualcuno in questo mondo sotterraneo pensa alla vita di un buco?

Chi pensa al destino di questa povera piccola cosa troppo spesso ignorata? Perché alla fine non ti chiedi mai cosa pensa il buco!
Mi dirai, pieno di buon senso che sei, che un buco non è mai che un vuoto e che il vuoto non può pensare, e quindi, non può soffrire (detto questo, conosco cervelli vuoti che pensano, ma questo è un altro argomento, andiamo non disperdere).

Ripensaci, il buco ha un’anima. E un’anima sofferente: immagina per un momento di esistere solo attraverso la presenza di ciò che ti circonda, che astrazione dal sé, che negazione dell’essenza stessa dell’esistenza. Trascorre tutta la sua vita chiedendosi “essere o non essere?” », Lasciata nell’ignoranza più profonda delle nostre vite troppo piene dove il buco non può più fare il proprio.

Che errore.

A questo punto posso percepire in alcuni di voi un accenno di dubbio sulla provenienza più o meno legale dei miei cereali mattutini.

Eppure, sì, ancora, niente di allucinogeno è stato coinvolto nella stesura di questo post. Ma l’argomento di questo mese è semplicemente … strabiliante e probabilmente il mio cervello sta nuotando in uno stato di smarrimento avanzato all’intensificatore del foro, altrimenti noto come applicatore ad occhiello.

Gli stakhanovisti dell’insediamento dei garofani e gli scolari bisognosi di occupazione si rallegreranno senza dubbio. Infine, ecco un oggetto pensato per semplificare la loro vita. In effetti, con un gesto flessibile e abile, ti trovi nella posizione del creatore di buchi supersonici, volteggiando di foglia in foglia con una destrezza che alcuni già ti invidiano.

E nemmeno. Immagina che l’applicatore ad occhiello richieda il bloccaggio del foglio dal basso tramite una parte mobile che si posiziona nel foro, rivolta verso l’occhiello, per non incastrarsi di traverso.

Risultato? È anche veloce a mettere il garofano in mano, anche se una certa decenza e paura di vedere il mio capo chiedersi su cosa sto passando il mio tempo mi hanno impedito di controllarlo, orologio alla mano, su un pacco di 200 fogli.

Ma questo è solo un rinvio!

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Scegliere lo scaldabagno giusto per risparmiare energia

Ricetta: prepara il tuo tè freddo fatto in casa (fai da te)