in

Carta riciclata

Consumiamo grandi quantità di carta (giornali, riviste, quaderni, imballaggi, ecc.). L’industria cartaria belga stima il consumo apparente (produzione + importazioni – esportazioni) di carta / cartone in Belgio a 2.946.000 tonnellate nel 2016. Ciò rappresenta quasi 260 kg / anno / persona! Questo frenetico consumo di carta grava pesantemente sull’ambiente. Per fortuna la carta si presta bene al riciclaggio.

Carta e cartone rappresentano, in peso, il 58% degli imballaggi selettivamente raccolti da Fost Plus. Nel 2014 in Belgio sono stati raccolti 60 kg / abitante. Quasi 1.208.000 tonnellate di carta da macero vengono utilizzate come materia prima dai produttori di carta belgi per produrre nuova carta.

Queste sono le carte e il cartone di cui vogliamo sbarazzarci perché hanno perso la loro utilità: vecchi giornali e riviste, vecchi opuscoli, imballaggi di carta o cartone usati, carte varie … Ce ne sbarazziamo ma non lo sono non lo sono alla fine della loro vita, però.

Per aiutare a prolungare la vita della carta, i consumatori possono non solo affidare la loro carta da macero alla raccolta differenziata, ma anche favorire la carta riciclata per uso domestico. E per questo, deve imparare a riconoscerlo nelle sue diverse versioni.

Carta riciclata

Il termine “riciclato” si riferisce alla carta contenente almeno il 50% di fibre provenienti da scarti di carta stampata (post-consumo).
La carta straccia a volte viene classificata in base a

  • della loro origine :
    • scarti di cancelleria di alta qualità (pre-consumo);
    • altri rifiuti non stampati, di alta qualità (pre-consumo);
    • scarti stampati di alta qualità (post-consumo);
    • rifiuti stampati o non stampati di bassa qualità (post-consumo).
  • il tasso di fibre riciclate :
    • la carta può provenire da una miscela di fibre riciclate e fibre vergini, ad esempio: 90/10, 75/25, 60/40 o 50/50, oppure
      interamente da fibre riciclate;
  • di trattamento ricevuto durante il riciclaggio :
    • la carta può essere disinchiostrata o meno, sbiancata o no, con o senza cloro

La carta più “ecologica” è al 100% carta riciclata post-consumo, non inchiostrata, non sbiancata. È di colore grigio-beige chiaro. Tuttavia, esiste un’ampia varietà di carta riciclata per tutti gli usi (buste, divisori, schede, carta patinata, carta per elenchi, carta per fotocopie, ecc.). Il loro colore può variare dal grigio scuro al bianco neve passando per il crema e il grigio chiaro. C’è anche carta riciclata colorata.

Tipi di carta, esempi:

  • Carta riciclata (post-consumo) color crema, disinchiostrata ma non sbiancata.
  • Carte costituite da una miscela di fibre riciclate e fibre vergini. Esempi: 90/10, 75/25, 60/40 o 50/50. Queste carte deinchiostrate di alta qualità, da bianche a biancastre, sono spesso sbiancate (con perossido di idrogeno).

Vantaggi

  • Incorporare i rifiuti nella produzione di pasta di legno consente di risparmiare legno, energia e acqua. La produzione di carta riciclata al 100% consente di risparmiare circa il 90% di acqua. Ogni tonnellata di carta fresca a base di cellulosa richiede fino a 5.000 kWh di energia; ne basta la metà per produrre una tonnellata di carta riciclata.

  • Con 1,2 T di carta usata, possiamo produrre 1 T di carta riciclata.

  • Occorrono 2 T di polpa per produrre 1 T di carta in fibra vergine. Comparativamente, 1 tonnellata di carta straccia darà 900 kg di carta riciclata.

  • Il riciclaggio della carta riduce il volume dei rifiuti inviati alle discariche o agli inceneritori. Infine, la carta riciclata non sbiancata è meno stancante per gli occhi della carta bianca.

Idee sbagliate vs progresso

  • La carta riciclata soffre della sua “reputazione” ereditata dai suoi predecessori morbidi e assorbenti. Da allora sono stati compiuti seri progressi: la carta è liscia, non lascia pelucchi e l’uso in fotocopiatrici o stampanti non è più un ostacolo.

  • Con nuove lavorazioni e processi di sbiancamento senza cloro è possibile ottenere carta riciclata e bianca. Abbastanza presentabile, quindi, per mail importanti.

Infine, il riciclo dà nuova vita alla vecchia carta, ma ha i suoi limiti. Infatti, nel corso delle operazioni di riciclaggio, la qualità delle fibre diminuisce: le fibre si danneggiano e tendono ad accorciarsi.

A seconda del tipo di carta da realizzare, si stima che la stessa fibra possa essere riutilizzata in media da 2 a 5 volte. È impossibile riciclare indefinitamente le stesse fibre di legno; le fibre vergini devono essere reintrodotte regolarmente nella catena di produzione. L’utilizzo di fibre vergini è quindi complementare all’uso di fibre riciclate.

 

Loghi in carta riciclata

Per riconoscere la carta riciclata, utilizzare i loghi e le etichette:

 
 
 
 

L’etichetta Blue Angel (Blauer Engel) offre due versioni per la carta da copia:

Il primo, senza alcuna menzione particolare in etichetta, garantisce che la carta sia realizzata con fibre riciclate (vengono utilizzati almeno 800 kg di carta da macero per la produzione di 1000 kg di carta nuova con una proporzione di fibre vergini che non deve superare 250 kg).

Il secondo, 100% Altpapier, garantisce che la carta sia composta al 100% da fibre riciclate post-consumo. 

 

FSC Recycled significa che la carta è composta al 100% da materiale riciclato (di cui almeno l’85% è post-consumo).
 

PEFC riciclato significa che la carta è composta per almeno il 70% da materiale riciclato.

L’etichetta Nordic Swan, l’Ecolabel europeo e l’etichetta NF Environment non garantiscono sempre che la carta sia realizzata con materiali riciclati.

Questo può essere ottenuto da fibre vergini, fibre riciclate da carta riciclata o altre fibre cellulosiche.

 

 

Cosa preferire?

Per essere sicuro di acquistare carta realizzata con fibre riciclate, opta per carta con le etichette Blue Angel, FSC RECYCLE o PEFC riciclate. Tra queste, le etichette Blue Angel 100% riciclate e FSC RECYCLE forniscono le maggiori garanzie in termini di quantità (maggiore%) e tipologia di fibre riciclate (post consumo).

L’Ecolabel europeo, l’etichetta NF Environment e l’etichetta Nordic Swan possono essere considerate complementari alle etichette Blue Angel, FSC RECYCLE e PEFC riciclate. Tengono conto dell’intero ciclo di vita dei prodotti e impongono requisiti sulle prestazioni ambientali degli stabilimenti (limitazione o divieto di determinate sostanze chimiche, limitazione delle emissioni in acqua e aria, ecc.) Che le etichette FSC e PEFC non prevedono. 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Fai da te: il tuo biglietto di auguri si trasforma in un fiore

11 idee sbagliate sul clima … e su come rispondere!