in

Come favorire la mobilità sostenibile dei propri dipendenti?

Possiamo fare scelte più ecologiche per mettersi al lavoro: usare i mezzi pubblici, andare in bicicletta, fare carpool …

Ma anche il datore di lavoro ha un ruolo da svolgere. Può intraprendere varie azioni per incoraggiare la mobilità sostenibile dei suoi lavoratori. E questo riguarda tutte le organizzazioni, sia le aziende che le autorità pubbliche.

Panoramica delle buone idee:

  • Consenti il ​​telelavoro
  • Organizza navette aziendali
  • Facilitare il car pooling
  • Incoraggiare l’uso della bicicletta
  • Sostituisci le auto aziendali con il budget per la mobilità

– – – – – – – – – – – – – – –

Consenti il ​​telelavoro

Quasi il 17% dei lavoratori belgi ha praticato il telelavoro regolare nel 2018. [1] In questo modo hanno evitato di percorrere 9,3 milioni di km al giorno!

Il confinamento generalizzato che abbiamo vissuto a causa del coronavirus ha accelerato l’espansione del telelavoro, le cui potenzialità erano già state evidenziate all’epoca. Quasi un terzo del personale ora farebbe il telelavoro su base strutturale, per lo più da 1 a 2 giorni alla settimana. E per una buona ragione: se il 50% dei datori di lavoro ha proposto il telelavoro durante la crisi, ora è il 90% a consentirlo . [2]

Ovviamente tutte le funzioni non sono compatibili con il telelavoro. Ma potremmo raggiungere il 42% dei telelavoratori se prendiamo in considerazione coloro che affermano che i loro compiti (o parte) potrebbero essere svolti a distanza. Ciò consentirebbe di evitare il 16,5% dei km percorsi per viaggi casa-lavoro . [3] E a proposito anche ridurre gli incidenti stradali.

Per evitare effetti di rimbalzo e un inquinamento ne sostituisce un altro, non esitiamo a rendere i nostri dipendenti consapevoli delle giuste azioni per risparmiare energia a casa.

> Vedi su questo argomento:

  • 8 consigli per risparmiare energia quest’inverno
  • Come ridurre la bolletta dell’elettricità?

Organizza navette aziendali

Quando il luogo di lavoro è lontano da una stazione ferroviaria o da una fermata dell’autobus, è difficile fare a meno dell’auto. Questo è spesso il caso delle aziende situate in zone a cui mancano soluzioni di mobilità.

Per ovviare a questo problema, il datore di lavoro può organizzare il trasporto per consentire ai lavoratori di raggiungere la stazione più vicina . Ovviamente, questo ha un costo che rende la soluzione più accessibile alle grandi aziende. Tuttavia, è possibile che diverse organizzazioni più piccole situate nello stesso quartiere lo organizzino insieme per ripartire i costi.
 

Facilitare il car pooling

Il datore di lavoro può fornire ai lavoratori un sistema di car pooling . Servizi come Carpool (Taxistop) e Commuty supportano le società nell’attuazione di una politica di car pooling.

Questi strumenti consentono:

  • registrare i viaggi in car pooling per generare un certificato fiscale alla fine dell’anno;
  • contare i risparmi di CO2 ottenuti attraverso il carpooling;
  • gestire la fatturazione per ogni utente, il che facilita i pagamenti.

In qualità di datore di lavoro, puoi anche fornire un parcheggio per i carpooler (vedi http://parking.carpool.be).

L’hanno fatto !
> L’azienda di lavoro adattato Netkto, che ha quasi 300 dipendenti, lavora con la piattaforma Carpool. Non appena arrivano in azienda, i dipendenti vengono informati della politica di mobilità e delle possibilità messe in atto. E i risultati sono impressionanti dal momento che il 31% dei lavoratori ora effettua il carpool!
> L’azienda Maniet di Nivelles ha allestito il proprio parcheggio per riservare i posti migliori, quelli all’ingresso del parcheggio, ai carpooler. Un po ‘più originale e apprezzato!

Incoraggiare l’uso della bicicletta

La bicicletta non è riservata alle escursioni del fine settimana, si sta affermando come vero e proprio mezzo di trasporto quotidiano. E il datore di lavoro può facilitare e incoraggiare la bicicletta in diversi modi, sia per arrivare in ufficio che durante l’orario di lavoro:

  • Paga un’indennità per la bicicletta . Si tratta di un contributo alle spese di trasporto dei dipendenti che arrivano in bicicletta. Fino a 0,24 € / km il risarcimento non è soggetto a tassazione. Dal 1 luglio 2020 l’indennità di bicicletta è obbligatoria per i lavoratori soggetti al Comitato paritetico ausiliario per i dipendenti (CP 200), in ragione di 0,10 euro per chilometro percorso con un tetto fissato a 4 euro per giornata lavorativa.
  • Fornire biciclette per il pendolarismo . Questo vantaggio è esente da tasse. Diverse società offrono questo tipo di leasing: Cyclobility, o2o, B2bike.
  • Offrire biciclette self-service (possibilmente elettriche) per gli spostamenti da effettuare durante l’orario di ufficio o durante il mezzogiorno. Ad esempio per andare a una riunione, a un pranzo di lavoro, per una commissione …
  • Installare pedane per biciclette comode e sicure [4] e fornire docce e spogliatoi.

Hai bisogno di una mano per iniziare tutto? “All bicycle-actives” è un’operazione che sostiene e accompagna i datori di lavoro valloni che si impegnano a mettere a punto un piano d’azione intensivo per promuovere la bicicletta all’interno della loro organizzazione. L’assistenza offerta inizia con lo svolgimento di un audit della bicicletta e lo sviluppo di un piano d’azione.
 

Sostituisci le auto aziendali con il budget per la mobilità

Le auto aziendali vengono spesso individuate. Costituiscono un vero ostacolo allo sviluppo di una mobilità più sostenibile.

Per fortuna adesso c’è un’alternativa: il budget per la mobilità . Consente al lavoratore di combinare diverse opzioni , tra 3 “pilastri”:

  1. Optare per un’auto meno inquinante o rinunciare del tutto a un’auto aziendale.
  2. Utilizzare tutto o parte del budget per finanziare un modo di trasporto più sostenibile  : acquisto di una bicicletta, abbonamento ai trasporti pubblici, servizio di auto condivisa. O anche noleggiare un’auto in vacanza o affittare un alloggio vicino al lavoro!
  3. Ricevi il saldo in contanti (con tassazione più vantaggiosa rispetto allo stipendio principale).

Il punto è che combiniamo elementi di ciascun pilastro. Qualche esempio :

Infine, il datore di lavoro che offre auto aziendali può decidere di proporre modelli di auto meno inquinanti.

> Vedi: Qual è l’auto più ecologica?

Ma questa non può essere l’unica azione di mobilità. È fondamentale cercare di ridurre i chilometri percorsi in auto, sia per l’ambiente, sia per il risparmio di tempo che per il comfort dei dipendenti che dovranno trascorrere meno tempo negli ingorghi.
 

 


[1] Secondo uno studio dell’SPF Mobilité.

[2] Secondo SD Worx e UWE, giugno 2020.

[3] Sempre secondo lo studio dell’SPF Mobilité.

[4] Su questo argomento, vedere la Guida agli edifici sostenibili

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

E gli imballaggi in alluminio?

Prodotti per l’igiene: un profumo di pericolo