in

Elenco degli interferenti endocrini: dove trovarli e quali effetti?

Viviamo circondati da centinaia di composti chimici [1] che interrompono il nostro sistema ormonale e la nostra salute, o che si sospetta possano influenzarli. Sono chiamati interferenti endocrini.

Queste sostanze si trovano in molti beni di consumo, negli alimenti, nell’aria, nell’acqua …

> Scopri: come evitare gli interferenti endocrini?

C’è ancora molta strada da fare prima di identificare e comprendere gli interferenti endocrini, ma molti di loro sono già ben noti al grande pubblico, o addirittura disciplinati dalla legislazione: bisfenolo A, ftalati, parabeni, ecc.

Ecco un elenco dei principali interferenti endocrini . Per ogni categoria, esaminiamo i prodotti in cui si trovano spesso, i loro effetti sulla salute o sull’ambiente e il loro quadro giuridico.

Sommario:

  • Alchilfenoli
  • BHA e BHT
  • Bisfenolo A
  • Composti naturali
    • Fitoestrogeni
    • Oli essenziali
  • Composti perfluorurati
  • Diossine e PCB
  • Ormoni
  • Idrocarburi policiclici aromatici
  • Parabeni
  • Pesticidi
  • Ftalati
  • Ritardanti di fiamma bromurati
  • Triclosan
  • Inquinanti organici persistenti

 – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Gli interferenti endocrini sono piccoli messaggeri chimici che interrompono l’azione dei nostri ormoni, così essenziali per l’equilibrio del nostro corpo.

> Vedi in dettaglio: in che modo gli interferenti endocrini influenzano la salute?

Ecco un elenco più preciso dei principali interferenti endocrini.
 

Alchilfenoli

Gli alchilfenoli etossilati sono composti organici sintetici ampiamente utilizzati dall’industria. Consentono di mescolare diversi composti o di impedire la deposizione di particelle in una miscela.

→ In quali prodotti si trovano gli alchilfenoli?

I produttori utilizzano questi composti in detergenti, disinfettanti, indumenti, produzione di materie plastiche, ecc.

→ Quali sono i loro effetti sulla salute e sull’ambiente?

Alcuni sono interferenti endocrini, oltre ad essere tossici e persistenti nell’ambiente. Sono criticati, ad esempio, per aver femminilizzato i pesci maschi.

Due alchilfenoli ben noti sono i nonilfenoli (NP) e gli etossilati di nonilfenolo (NPE). Presenti in particolare negli indumenti, questi composti sfuggono in acqua ogni volta che vengono lavati e rappresentano un rischio per le specie acquatiche. Sono stati fortemente criticati da Greenpeace nella sua campagna DETOX. [2]

→ Cosa dice la legge su di loro?

La legislazione li limita in larga misura, ma gli alchilfenoli si trovano ancora nell’ambiente. E l’Unione europea ridurrà ulteriormente le concentrazioni di NPE consentite nei tessili entro febbraio 2021. [3]
 

BHA e BHT

BHA e BHT sono antiossidanti che prevengono l’irrancidimento dei grassi. Consentono quindi di prolungare la durata dei prodotti.

→ In quali prodotti si trovano BHA o BHT?

Si trovano in particolare nei cosmetici, come additivi in ​​cibi preparati (E320 ed E321), farmaci, pesticidi, profumi, prodotti per la pulizia, vernici, ecc. Il BHA è comunque sempre meno utilizzato.

→ Quali sono i loro effetti sulla salute e sull’ambiente?

Sebbene questi due composti siano simili per natura e utilizzo, differiscono nel loro potenziale di interruzione endocrina:

  • Il BHA è in corso di valutazione come un interferente endocrino ed è classificato come possibile cancerogeno dall’IARC. [4]
  • Per BHT, ci sono troppe incertezze per valutare i suoi effetti, sia sulla salute che sull’ambiente. Sono necessari nuovi studi per governare.

→ Cosa dice la legge su di loro?

Come additivi alimentari, sono applicabili dosi limite. Ma la legislazione non prevede cosmetici.
 

Bisfenolo A

Abbiamo sentito parlare del bisfenolo A per diversi anni. I produttori lo hanno utilizzato su vasta scala sin dagli anni ’50, quando l’industria della plastica decollò.

→ In quali prodotti si trova il bisfenolo A?

Si trova quindi in molti beni di consumo [5]  : nelle resine epossidiche che rivestono lattine e lattine, negli scontrini e nella carta termica, nei composti dentali, in vari oggetti come ritardante di fiamma, nel policarbonato che compone piatti, CD, DVD, bicchieri , apparecchiature elettriche, elettrodomestici, automobili, giocattoli, apparecchiature mediche, vestiti [6]

→ Quali sono i suoi effetti sulla salute e sull’ambiente?

Respiriamo il BPA attraverso l’aria o attraverso la polvere, lo ingeriamo attraverso cibi in scatola, carne e salumi, lo assorbiamo attraverso i beni di consumo …

Se nel 2015, come alcuni produttori amano ricordarvi, l’EFSA [7] ha indicato “che non vi era alcun rischio per la salute derivante dall’esposizione alimentare”, questo parere è in fase di riesame. Nel 2017 l’ECHA [8] ha classificato il bisfenolo A come “una sostanza con proprietà di interferenza endocrina e che può avere gravi effetti sulla salute umana”.

In quanto interferente endocrino, il bisfenolo A imita gli estrogeni ed è in grado di legarsi a determinati recettori nelle nostre cellule. Studi su roditori esposti durante il periodo fetale o di allattamento mostrano disturbi delle ovaie, dell’endometrio e della pubertà precoce. È anche criticato per il fatto che si stacca facilmente dai contenitori di cibo e riesce a superare la barriera placentare. Essendo esposto ad esso molto regolarmente, questo composto permea il nostro corpo, nonostante le sue piccole dimensioni che lo rendono facilmente eliminabile dall’organismo.

Si trova anche ampiamente nell’ambiente terrestre e acquatico. [9] Ad esempio, è presente in quasi tutte le acque superficiali delle regioni Vallonia e Bruxelles. [10]

→ Cosa dice la legislazione al riguardo?

I regolamenti sono ancora timidi per il bisfenolo A ma dovrebbero progredire:

  • l’Unione europea lo vieta nei biberon [11] , stabilisce una soglia di migrazione per i rivestimenti alimentari (lattine, cibo in scatola, ecc.) [12] e ne limita l’uso in alcuni giocattoli [13] e carte termiche [14]  ;
  • Il Belgio lo vieta nei contenitori per alimenti per i bambini di età compresa tra 0 e 3 anni [15]  ;
  • La Francia va oltre vietandola in tutti gli imballaggi, contenitori e utensili per alimenti.

Ma non usare più il bisfenolo A è solo metà della soluzione se anche le sue sostituzioni sono problematiche. Pertanto, i probabili sostituti del bisfenolo A sono i bisfenoli S, F, B … che avrebbero effetti sulla salute simili.
 

Composti naturali

Fitoestrogeni

Alcuni composti vegetali hanno naturalmente una struttura molto simile agli estrogeni nei mammiferi.

→ In quali prodotti si trovano i fitoestrogeni?

La famiglia degli isoflavoni si trova in piccole dosi nella frutta a guscio, nelle arachidi e nei legumi (compresi i semi di soia, i fagiolini, i ceci e l’erba medica).

→ Quali sono i loro effetti sulla salute e sull’ambiente?

Se gli isoflavoni vengono utilizzati, ad esempio, nelle donne in postmenopausa, il loro consumo significativo, soprattutto attraverso la soia, solleva interrogativi. Soprattutto quando si tratta di un pubblico sensibile. In discussione: il fatto che gli isoflavoni possono legare, attivare e, in ultima analisi, distruggere i recettori degli estrogeni. Ma i dati sull’uomo mancano su questo argomento e il parallelismo con gli animali non è sempre ovvio.

→ Cosa dice la legge su di loro?

L’Afssa [16] ha raccomandato, nel 2005, di aggiungere le parole “non raccomandato ai bambini di età inferiore a 3 anni” sull’etichettatura degli alimenti a base di soia. Anche diversi studi [17] o associazioni per la difesa dei consumatori [18] richiedono cautela.

Oli essenziali

Con la mania degli ultimi anni per gli oli essenziali, il loro utilizzo si è diffuso, spesso senza considerare i rischi.

→ In quali prodotti si trovano gli oli essenziali?

Gli oli essenziali si trovano nei cosmetici, nei prodotti per la pulizia, negli alimenti e sono molto spesso utilizzati nei prodotti fatti in casa.

→ Quali sono i loro effetti sulla salute e sull’ambiente?

Si sospetta che alcuni composti negli oli essenziali li rendano “simili agli ormoni”, il che significa che possono stimolare o imitare i nostri ormoni. Esistono diversi tipi:

  • simile al cortisone: pino silvestre, abete rosso, ribes nero
  • simili agli estrogeni: salvia sclarea, anice, finocchio, luppolo, cumino
  • simile al progesterone: maggiorana, timo, melissa, rosmarino
  • simile alla tiroxina: cumino, verbena odorosa

Secondo le fonti, altri oli sono talvolta incriminati: niaouli, palmarosa, dragoncello, lavanda, tea tree … [19]

→ Cosa dice la legge su di loro?

C’è anche un dibattito sulla natura dirompente delle molecole in base alla loro origine naturale o sintetica. In tutti i casi, evitiamo di fare il piccolo chimico e di consumare troppo questi prodotti naturali ma potenti. Chiediamo a un professionista in caso di dubbio.
 

Composti perfluorurati

I composti perfluorurati, o PFC, vengono utilizzati perché hanno la proprietà di respingere l’acqua, il grasso e la polvere.

→ In quali prodotti si trovano i composti perfluorurati?

Si trovano in oggetti da cucina (ad esempio teflon nei fornelli), indumenti (soprattutto per uso esterno come quelli per lo sci), tappezzerie, rivestimenti di prodotti di carta a contatto con gli alimenti per renderli impermeabili al grasso …

→ Quali sono i loro effetti sulla salute e sull’ambiente?

Il problema è che i PFC si diffondono facilmente nell’ambiente dove persistono per diverse centinaia di anni. Si trova quindi ovunque, dal sangue umano ai laghi remoti. [20] Tutti sono esposti ad esso tramite cibo, acqua potabile, prodotti di consumo, polvere, aria… A tal punto che troviamo PFOA e PFO – i PFC più utilizzati – nel siero di tutti gli adulti e bambini. [21]

Dal punto di vista della salute, i PFC si accumulano nel grasso. Sono accusati di un’azione sulla ghiandola tiroidea, sui livelli di colesterolo o addirittura di infertilità maschile. [22]

→ Cosa dice la legge su di loro?

Alcuni PFC sono regolati da varie normative. Ad esempio, PFO e PFOA sono nell’elenco delle sostanze coperte dalla Convenzione di Stoccolma, che mira a limitarne la produzione e l’uso. Fanno anche parte dell’elenco SVHC (Substance of Very High Concern). Sono stati limitati in alcuni settori dal 2008 [23] per i PFO ed entro luglio 2020 per i PFOA [24] … Anche i PFOA sono stati registrati come POP dal giugno 2020. [+ link interno all’ultimo paragrafo] Anche associazioni come Greenpeace hanno esercitato pressioni sui marchi affinché eliminassero i PFC dai loro vestiti.

Ma deve andare oltre. Perché non esistono livelli massimi in Europa per le sostanze perfluoroalchiliche negli alimenti. [25] E se la produzione europea è in calo da diversi anni per alcuni PFC, alcuni paesi come la Cina li includono ancora in molti prodotti.
 

Diossine e PCB

→ In quali prodotti si trovano diossine o PCB?

Le diossine [26] sono sottoprodotti indesiderabili e spesso inevitabili dei processi industriali (incenerimento dei rifiuti, metallurgia, chimica organoclorurata, traffico stradale, ecc.). Si trovano anche nel loro stato naturale durante gli incendi o le eruzioni vulcaniche.

I PCB (policlorodifenili) sono stati ampiamente utilizzati in passato e ora sono vietati nell’Unione europea. Ma si trova ancora in vecchi impianti elettrici. Alcuni PCB, noti come “PCB diossina-simili”, hanno proprietà tossiche simili alle diossine e sono quindi spesso considerati insieme.

→ Quali sono i loro effetti sulla salute e sull’ambiente?

Diossine e PCB hanno lo svantaggio di essere trasportati attraverso l’atmosfera. Contaminano così l’ambiente in cui sono onnipresenti e persistenti. [27] Questi composti si accumulano poi nei grassi e poi nelle catene alimentari per l’uomo. In Europa, siamo principalmente esposti alle diossine alimentari attraverso il pesce grasso, il formaggio e la carne dei bovini. [28] E sebbene la loro presenza nel cibo sia diminuita negli ultimi anni [29] , questi composti rimangono un problema.

In quanto interferenti endocrini, vengono accusati, in caso di esposizione cronica: un calo della qualità dello sperma, infertilità maschile, pubertà ritardata, sovrapproduzione di ormoni tiroidei, rischi di endometriosi, difetti nello sviluppo dello smalto dentale, effetti nocivi sul sistema nervoso e sistemi immunitari… I feti sono particolarmente sensibili ad esso. [30]

→ Cosa dice la legge su di loro?

Nel 2018 l’EFSA ha valutato i rischi associati alle diossine e ai PCB diossina-simili negli alimenti. Verdetto: ha ridotto di 7 la dose settimanale tollerabile [31] , il che implica che la popolazione europea ingerisca in media 5 volte troppe diossine, e qui siamo di fronte a un rischio per la salute. Bambini e neonati sono anche due volte più esposti agli adulti.
 

Ormoni

Alcuni composti sono semplicemente creati per sostituire o influenzare i nostri ormoni. Questi sono composti naturali o sintetici il cui scopo è sostituire il cortisolo, il testosterone, gli estrogeni, il progesterone …

→ In quali prodotti si trovano gli ormoni?

Nella pillola contraccettiva o negli ormoni che influenzano il bodybuilding.

→ Quali sono i loro effetti sulla salute e sull’ambiente?

La pillola contraccettiva è stata una risorsa importante per l’emancipazione delle donne. Ma negli ultimi anni è stato sospettato di avere un impatto negativo sulla loro salute. [32]

Per quanto riguarda l’ambiente, non possiamo negare il loro impatto. Gli ormoni in pillole, come l’etinilestradiolo o il desogestrel, aumentano la quantità di ormoni [33] scaricati nei corsi d’acqua. Quindi agiscono come interferenti endocrini sugli organismi acquatici che li ingeriscono. E se le reazioni sono diverse a seconda della specie, osserviamo ad esempio nei pesci una femminilizzazione delle popolazioni, disturbi nello sviluppo sessuale o nella produzione di alcune sostanze come la vitellogenina, un composto che fornisce le proteine ​​di riserva delle uova nei pesci … La frase “Il principio attivo mostra un rischio ambientale per i pesci. È anche spesso indicato nelle istruzioni per l’uso dei contraccettivi.

→ Cosa dice la legge su di loro?

Se è difficile immaginare di eliminare la pillola contraccettiva (esistono ovviamente altri mezzi contraccettivi, che riguardano anche gli uomini ;-)), i laboratori stanno attualmente cercando formule meno dannose per l’ambiente. Una soluzione alternativa sarebbe anche quella di impostare sistemi di filtrazione per questi ormoni prima del loro rilascio nell’ambiente naturale.
 

Idrocarburi policiclici aromatici

Gli idrocarburi policiclici aromatici, o IPA, hanno usi diversi e ce ne sono molti tipi diversi.

→ In quali prodotti si trovano gli IPA?

I produttori li utilizzano come intermedi nella produzione di materie plastiche, pigmenti e coloranti… Si formano anche durante fenomeni di combustione incompleta. Ad esempio, gli IPA possono essere depositati sul cibo durante un barbecue.

Siamo i più esposti agli IPA attraverso il cibo: prodotti a base di cereali, frutti di mare, oli e grassi vegetali, caffè … Poi arriva il fatto di respirare l’aria ambiente. Ad eccezione dei fumatori che sono maggiormente soggetti a IPA attraverso il fumo di tabacco. [34]

→ Quali sono i loro effetti sulla salute e sull’ambiente?

Molti di loro potrebbero danneggiare il DNA. Alcuni sono noti o probabili cancerogeni [35], ma 16 di loro sono individuati per il loro effetto perturbatore sul sistema ormonale.

Le acque superficiali in Vallonia e Bruxelles contengono tutte IPA.

→ Cosa dice la legge su di loro?

La legislazione limita la quantità di quattro IPA in determinati alimenti come carne e pesce affumicati, alcune carni alla griglia o alla brace, oli e grassi, fave di cacao, alimenti per neonati e bambini piccoli, ecc.
 

Parabeni

I parabeni rappresentano una vasta famiglia di composti usati come conservanti o agenti strutturanti.

→ In quali prodotti si trovano i parabeni?

Si trovano in cosmetici, alimenti, bevande, farmaci … Ad esempio, il metilparabene è usato come additivo E218 negli alimenti.

La loro fama è esplosa nello scandalo del 2004, quando si sospettava il loro legame con il cancro al seno. I produttori hanno quindi abbandonato questi ingredienti che hanno respinto il grande pubblico, a favore di altri ingredienti che a volte pongono altri problemi.

→ Quali sono i loro effetti sulla salute e sull’ambiente?

Gli studi dimostrano che i parabeni interrompono l’equilibrio ormonale legandosi ai recettori degli estrogeni. Sono anche in grado di attaccarsi al grasso. Ma l’azione sul corpo varia a seconda dei parabeni. Alcuni sono considerati innocui per la salute se viene rispettata la loro concentrazione massima.

→ Cosa dice la legge su di loro?

Mentre alcuni parabeni sembrano piuttosto sicuri, come l’etilparabene e il metilparabene nei cosmetici [36] , altri sono stati vietati. Per esempio :

  • Benzil-, pentil-, fenil-, isobutile e isopropilparaben non sono stati autorizzati nei cosmetici dal 2014. [37]
  • Il butile e il propilparabene sono stati vietati dal 2015 nei cosmetici senza risciacquo destinati all’applicazione sui glutei dei bambini di età inferiore ai tre anni. [38] La frase “Non utilizzare sulla seduta” si trova sulla confezione. L’argomento per questa decisione è che questi parabeni rappresentano un rischio di interferenti endocrini a causa del metabolismo ancora immaturo dei bambini e delle lesioni che possono avere sulla culatta. Questi due parabeni fanno parte dell’elenco II degli interferenti endocrini che comprende le sostanze in esame. Da giugno 2020, il butilparaben è stato identificato come SVHC, ovvero sostanze estremamente preoccupanti per la salute e l’ambiente.
     

Pesticidi

Che sia per l’uso in giardino, in casa o in agricoltura, molti pesticidi sono tra gli interferenti endocrini sospetti o provati. Piretrina, permetrina, lindano, fipronil… Sono interessate più di 100 sostanze.

→ In quali prodotti si trovano i pesticidi?

I pesticidi si trovano ovviamente nei prodotti destinati ad eliminare insetti e piante “indesiderati”. I prodotti in questione sono antiformiche, mosche, alce, zanzare, limacce, “erbacce” … Alcuni sono piuttosto nascosti, come gli acari della polvere sui materassi o gli antimuffa sui mobili, disinfettanti per i wc. ..

→ Quali sono i loro effetti sulla salute e sull’ambiente?

Si sospetta che più di due terzi dei pesticidi quantificati nell’aria in Francia siano interferenti endocrini. [39] Nel 2018, generazioni future [40] hanno indicato che sei residui di pesticidi su dieci misurati negli alimenti in Europa erano sospettati di interferenti endocrini. Se usati su frutta e verdura, i pesticidi possono accumularsi negli alimenti. Un buon lavaggio a volte è sufficiente per rimuoverle dalle bucce ma alcune si integrano in profondità. [41]

Il problema è tanto più preoccupante poiché non è solo il principio attivo del pesticida che può disturbare il nostro sistema ormonale. A volte altri interferenti entrano nella composizione dei pesticidi. Alcuni fungicidi possono quindi contenere bisfenolo A mentre gli erbicidi possono contenere diossine.

L’impatto dei pesticidi sul sistema endocrino è probabilmente il più facile da capire. Poiché alcuni pesticidi sono destinati ad essere tossici per il sistema riproduttivo e nervoso degli insetti e dei roditori che prendono di mira, alcuni scienziati lo vedono solo come un passaggio in modo che questi effetti agiscano anche negli esseri umani, sensibili agli ormoni e con processi fisiologici simili.

E infatti, è stato dimostrato che alcuni pesticidi influenzano l’azione della tiroide, hanno effetti neurotossici (perdita di QI, malattie del neurosviluppo) … Altri hanno un impatto sugli ambienti acquatici, sui pesci e sui mammiferi marini, sulle api …

Alcuni pesticidi persistono per tutto il tempo nell’ambiente, nei tessuti adiposi … Vengono ancora rilevati diversi anni dopo il loro divieto, a volte a causa di un uso fraudolento. [42]

→ Cosa dice la legge su di loro?

È nel campo dei pesticidi che la legislazione sugli interferenti endocrini è tra le più avanzate. Nel 2018 sono entrati in vigore nell’Unione europea i criteri per l’identificazione degli interferenti endocrini per i prodotti fitosanitari e i biocidi. [43] Anche se il livello di evidenza per condannare un pesticida come un interferente endocrino è spesso ritenuto troppo alto.

Ma anche con una definizione chiara, la ricerca richiede tempo. Alla fine del 2019, Phytoweb [44] ha indicato che “le proprietà di interferenza endocrina non sono state ancora completamente esaminate per la maggior parte dei pesticidi”. E mentre alcuni pesticidi non mostrano alcuna proprietà dirompente, “per molti pesticidi valutati da allora, è stato riscontrato che sono necessarie ulteriori informazioni per valutarli adeguatamente rispetto a questi criteri”. [45]

La legislazione non è più veloce da pronunciare. Per quanto riguarda il pesticida clorpirifos, tra gli insetticidi più utilizzati al mondo contro gli insetti domestici, in agricoltura… [46] E uno dei principi attivi più presenti sulla frutta nel 2016. [47] I suoi effetti sullo sviluppo Malattie neurologiche infantili e sulla riproduzione sono stati riconosciuti e denunciati per anni, ma sono stati vietati solo da gennaio 2020. [48]
 

Ftalati

Gli ftalati si trovano in molti oggetti di uso quotidiano perché rendono gli oggetti più flessibili, flessibili e resistenti agli urti.

→ In quali prodotti si trovano gli ftalati?

Sono incorporati in oggetti in PVC, PVDC, APV [49] , poliuretano, gomma [50] … Gli ftalati possono quindi essere trovati in pellicole alimentari, giocattoli, carte da parati, gomme da masticare, cosmetici, utensili, materiali da costruzione, attrezzature ospedaliere .. .

Possiamo quindi essere esposti agli ftalati quando ingeriamo cibo o polvere, quando respiriamo in spazi ristretti, attraverso la pelle o la bocca quando tocchiamo oggetti [51]

→ Quali sono i loro effetti sulla salute e sull’ambiente?

I loro molteplici usi consentono la contaminazione incrociata, che aumenta la nostra esposizione a questi composti. Gli ftalati si trovano quindi nelle urine, in particolare alcuni ftalati tossici per la riproduzione nelle urine dei bambini che vivono a contatto con pavimenti in vinile o carta da parati.

Dal punto di vista della salute, gli ftalati imitano gli estrogeni e si accumulano nel grasso. Nei ratti e nei pesci, influenzano la fertilità, colpiscono i testicoli e causano malformazioni fetali. Nell’ambiente, sono criticati per l’integrazione nei sedimenti degli ambienti acquatici.

→ Cosa dice la legge su di loro?

Alcuni ftalati sono riconosciuti dall’UE come interferenti endocrini e sono regolamentati:

  • Alcuni ftalati sono consentiti ma limitati nelle materie plastiche alimentari. Ad esempio, il DBP non è consentito negli imballaggi di alimenti grassi. [52] Tuttavia, il BBP, sebbene tossico per la riproduzione, è autorizzato come plastificante in materiali e oggetti riutilizzabili se rispetta una migrazione massima di 30 mg / kg di cibo tra il contenitore e l’alimento.
  • DEHP, DBP, BBP e DIBP, riconosciuti tossici per la riproduzione, sono limitati allo 0,1% in altre materie plastiche [53] , in particolare in giocattoli e articoli di puericultura, ad eccezione degli articoli da esterno a contatto prolungato [54] con membrane mucose o pelle, parti di automobili e aeroplani, articoli immessi sul mercato prima del 7 luglio 2020 … [55]
  • DINP, DIDP, DNOP, con impatto incerto, sono limitati allo 0,1% nei giocattoli e negli articoli per l’infanzia messi in bocca dai bambini. [56]
     

Ritardanti di fiamma bromurati

I ritardanti di fiamma bromurati (RFB) sono sostanze in grado di bloccare o rallentare l’infiammazione di un prodotto. Si dividono in cinque categorie (PBDE, HBCDD, TBBPA, PBB e altri).

→ In quali prodotti si trovano i ritardanti di fiamma bromurati?

Le RFB si trovano in molti prodotti: in dispositivi elettrici ed elettronici, plastica, peluche, tessuti, materiali per tappezzeria (automobili, mobili), materiali da costruzione, ecc. Da cui le RFB migrano ed evaporano. Si trova anche in prodotti alimentari come pesce, carne, latte e prodotti derivati.

→ Quali sono i loro effetti sulla salute e sull’ambiente?

Mentre molti BFR persistono nell’ambiente, si accumulano negli organismi viventi e sono tossici, i loro effetti di interferenza endocrina trarrebbero beneficio dall’essere studiati. Ad esempio, il PBDE è sospettato di causare danni riproduttivi e interferire con la ghiandola tiroidea.

→ Cosa dice la legge su di loro?

In considerazione del pericolo, l’uso di alcuni RFB è regolamentato nell’Unione Europea:

  • alcune miscele a base di PBDE sono limitate a concentrazioni dello 0,1% o vietate [57]  ;
  • I PBB e i PBDE sono vietati nelle nuove apparecchiature elettriche ed elettroniche. [58]

Nonostante questi divieti, l’EFSA indica “che, a causa della loro persistenza nell’ambiente, sussistono ancora preoccupazioni circa i rischi che queste sostanze chimiche rappresentano per la salute pubblica”. [59] Perché le RFB sono sempre presenti in grandi quantità nei beni attualmente in uso o alla fine della loro vita. Quindi continuano a contaminare l’ambiente e la catena alimentare. [60]
 

Triclosan

Questa sostanza è usata come antibatterico.

→ In quali prodotti si trova il triclosan?

Il triclosan viene utilizzato in vari prodotti come i tessuti (per combattere gli odori di sudore), utensili da cucina, giocattoli, prodotti per l’igiene (dentifrici, deodoranti) …

Si trova ampiamente negli esami delle urine. [61]

→ Quali sono i suoi effetti sulla salute e sull’ambiente?

Considerato un interferente endocrino, il triclosan è accusato di:

  • attraversare facilmente la pelle e le mucose (come… la mucosa orale, il collegamento con il dentifricio è quindi facile da realizzare);
  • essere ampiamente rilevato (si trova sia nel sangue del cordone ombelicale che nell’ambiente in cui arriva attraverso l’urina);
  • si accumulano nei tessuti adiposi e nei terreni;
  • hanno effetti sulla riproduzione e sullo sviluppo animale, compreso il meccanismo degli estrogeni e lo sviluppo del sistema riproduttivo maschile nei ratti;
  • prevenire il corretto trasporto degli ormoni tiroidei.

Si sospetta anche che induca resistenza batterica e sviluppi allergie.

→ Cosa dice la legislazione al riguardo?

Mentre gli Stati Uniti hanno parzialmente vietato il triclosan dal 2016 [62] , l’Unione europea lo autorizza in particolare nei cosmetici, anche se i produttori lo abbandonano sempre più. Dopo la rivalutazione, le nuove disposizioni indicano come “sicuro” il suo utilizzo allo 0,3% in dentifrici, deodoranti, saponi mani e corpo, gel doccia, ciprie, fondotinta e prodotti per unghie e allo 0,2% nei collutori. Ma specificando che “l’uso continuato del triclosan come conservante alla concentrazione massima attualmente fissata allo 0,3% per tutti i prodotti cosmetici non è stato privo di rischi per i consumatori, data l’importanza dell’esposizione cumulativa”. [63]

Inoltre è stato bandito dal 2016 come sostanza attiva nei disinfettanti per la pelle o il cuoio capelluto. [64]

Nel 2017, il “Florence Appeal” ha riunito 200 scienziati e professionisti della salute che hanno chiesto l’abbandono di questa sostanza chimica.
 

Inquinanti organici persistenti

Tra gli interferenti endocrini, alcuni sono classificati come inquinanti organici persistenti o POP. Questo è il caso di PCB, diossine, alcuni pesticidi, ecc. 

→ Quali sono i loro effetti sulla salute e sull’ambiente?

Queste sostanze hanno la proprietà di persistere a lungo nell’ambiente, come suggerisce il nome. Sono quindi tossici e si accumulano negli organismi viventi. Il che rende questi composti chimici ancora più un problema.

→ Cosa dice la legge su di loro?

In linea di principio, la legge vieta la produzione, l’immissione sul mercato o l’uso di sostanze riconosciute come POP. Ma esistono molte eccezioni.

È evidente che altre sostanze possono disturbare il sistema endocrino: OGM, alcuni metalli come l’antimonio, alcuni filtri solari, campi elettromagnetici …
 

Per l’elenco completo dei riferimenti utilizzati per scrivere questo focus, inviare un’e-mail a amelchior@ecoconso.be.

 


[1] 800 secondo l’OMS (rapporto 2012), più di 1000 se includiamo i composti potenzialmente interferenti endocrini identificati nell’elenco TEDX.

[2] Vedi la campagna DETOX.

[3] Regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio e regolamento (UE) 2016/26 della Commissione.

[4] Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, dipendente dall’OMS.

[5] ANSES identifica circa 60 settori che potrebbero utilizzare il bisfenolo A.

[6] Uno studio spagnolo del 2019 ha rilevato che il BPA è presente nel 90,6% delle calze per bambini (da 1 a 48 mesi). Freire et al., 2019.

[7] Agenzia europea per la sicurezza alimentare nella sua relazione 2015.

[8] Agenzia europea per le sostanze chimiche

[9] Bhandari et al., 2015.

[10] Gisreaux, 2018. Rapporto finale del programma di ricerca “BIODIEN”, ricerca di interferenti endocrini e altre sostanze di recente interesse nell’acqua al fine di proteggere la salute pubblica e l’ambiente.

[11] Direttiva della Commissione 2011/8 / UE che modifica la direttiva 2002/72 / CE

[12] Regolamento (UE) 2018/213 della Commissione

[13] In giocattoli destinati all’uso da parte di bambini di età inferiore a 36 mesi o in altri giocattoli destinati a essere messi in bocca ai sensi della direttiva (UE) 2017/898 della Commissione.

[14] Allo 0,02% in peso dal 2 gennaio 2020 secondo il regolamento (UE) 2016/2235 della Commissione

[15] Legge del 4 settembre 2012

[16] AFSSA (Agenzia francese per la sicurezza alimentare) nella sua relazione “Sicurezza e benefici dei fitoestrogeni forniti dal cibo” (2005).

[17] Dadon e Reifen, la soia come perturbatore endocrino: motivo di cautela? (2010) e Patisaul, Endocrine disruption by dietary phyto-estrogens: impact on dimorfici sessuali e comportamenti (2017).

[18] UFC-Que Choisir, maggio 2019 – Interferenti endocrini nei prodotti a base di soia

[19] Alcune fonti della menzione Slow Cosmétique, del suo fondatore o di studi che incriminano in particolare gli oli essenziali di lavanda e tea tree nella crescita anormale del seno nei ragazzi giovani o lavanda nello sviluppo prematuro o anormale del seno

[20] Lasciando tracce – Le sostanze chimiche pericolose nascoste nell’attrezzatura per attività all’aperto, Greenpeace, 2016.

[21] Sulla base di studi in Francia, Spagna, Germania, Repubblica Ceca, Canada, Cina, Nuova Zelanda …

[22] Di Nisio et al. Interruzione endocrina dell’attività androgenica da parte di sostanze perfluoroalchiliche: prove cliniche e sperimentali (2019).

[23] Direttiva 2006/122 / CE

[24] Regolamento (UE) 2017/1000 della Commissione

[25] Comitato scientifico dell’AFSCA, 2017, Limiti d’azione per contaminanti chimici negli alimenti: ritardanti di fiamma, composti perfluoroalchilici, diossine e PCB diossina-simili e benzene.

[26] Il termine diossina rappresenta una famiglia di 210 molecole, 17 delle quali sono considerate tossiche e limitate dalla legislazione.

[27] Le notizie spesso si riferiscono ad esso. All’inizio del 2020, sono stati misurati livelli preoccupanti di PCB vicino a frantoi per automobili o metalli, costringendo in alcuni casi gli agricoltori a distruggere i loro raccolti.

[28] EFSA, 2018, diossine e PCB correlati: aggiornamento del livello tollerabile

[29] In particolare mediante l’adozione di misure regolamentari. Come la strategia europea.

[30] WHO

[31] Portando così la dose a 2 pg / kg (picogramma per kg di peso corporeo a settimana). Nel 2008, la popolazione media belga ne è stata esposta tramite il cibo a un livello di 0,61 pg / kg / giorno, o 4,27 pg / kg / settimana.

[32] In particolare attraverso il rischio di trombosi indotto da alcune generazioni della pillola. O recentemente riduzione ipotalamica delle dimensioni: RSNA, 2019. L’uso di contraccettivi orali è associato a volumi ipotalamici più piccoli nelle donne sane.

[33] Dì xenoestrogeni poiché gli organismi acquatici non li producono naturalmente.

[34] Dr Charles Dzviga, 2019, CHU St-Etienne, Inquinamento indoor.

[35] Secondo la classificazione IARC e la classificazione CMR dell’Unione europea

[36] Sebbene Test-Achats “sconsigli l’uso di prodotti contenenti metilparabeni ed etilparabeni nei bambini se non devono essere risciacquati immediatamente. In effetti, mancano i risultati dello studio per questa specifica fascia di età. Tuttavia, questi prodotti sono completamente sicuri per i bambini più grandi e gli adulti. “

[37] Regolamento (UE) n. 358/2014 della Commissione

[38] Regolamento (UE) n. 1004/2014 della Commissione

[39] Studio delle generazioni future basato sui dati di ATMO France, 2017. Secondo il database TEDX.

[40] Indagine EXPPERT 10: pesticidi che interferiscono con il sistema endocrino nella dieta degli europei, 2018.

[41] IEW, 2016, Verso un ambiente sano – inquinamento atmosferico e PE

[42] La notizia è segnata da scandali di pesticidi fraudolenti, utilizzati quando sono vietati. Ad esempio, si dice che il 20% dei pesticidi utilizzati in agricoltura in Costa d’Avorio sia scaduto o vietato. Vedi anche l’articolo su Le Monde.

[43] Secondo i regolamenti 2017/2100 e 2018/605 

[44] Phytoweb è il sito web ufficiale dell’FPS Salute pubblica, sicurezza della catena alimentare e ambiente relativo ai prodotti fitosanitari e ai fertilizzanti.

[45] Reazione di Phytoweb allo studio Test-Achats sui pesticidi trovati nelle urine dei bambini

[46] Endocrine Society, 2014. Introduzione ai disturbi chimici nel sistema endocrino.

[47] HEAL e PAN Europe, 2019. Residui di clorpirifos nei frutti. Le ragioni per un divieto a livello europeo per proteggere i consumatori.

[48] ​​Regolamento di esecuzione 2020/17 della Commissione

[49] Rispettivamente cloruro di polivinile, cloruro di polivinilidene e acetato di polivinile

[50] Eccetto gomma siliconica e lattice naturale.

[51] Regolamento (UE) 2018/2005 della Commissione

[52] Regolamento (UE) n. 10/2011 della Commissione

[53] Cloruro di polivinile (PVC), cloruro di polivinilidene (PVDC), acetato di polivinile (APV), poliuretani, altri polimeri come schiume polimeriche e materiali in gomma (eccetto gomma siliconica e rivestimenti in lattice naturali), rivestimenti superficiali, rivestimenti antiscivolo, prodotti di finitura, decalcomanie, stampe, adesivi, sigillanti, vernici e inchiostri;

[54] La Commissione stima che un contatto prolungato rappresenti 10 minuti continui o 30 minuti a intermittenza al giorno.

[55] Regolamento (UE) 2018/2005 della Commissione

[56] Regolamento (CE) 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio

[57] Compresa la direttiva 2003/11 / CE

[58] Direttiva 2002/95 / CE

[59] EFSA, ritardanti di fiamma bromurati

[60] Commissione, 2014. Raccomandazioni sul monitoraggio di tracce di ritardanti di fiamma bromurati negli alimenti

[61] L’84% dei 315 uomini testati in Polonia aveva triclosan nelle urine. Jurewicz et al., 2018. Livelli ambientali di triclosan e fertilità maschile.

[62] Tramite la FDA (Food and Drug Administration degli Stati Uniti) ad eccezione dei disinfettanti e di alcuni prodotti antibatterici.

[63] Regolamento (UE) n. 358/2014 della Commissione

[64] Si tratta ufficialmente di biocidi di tipo 1, destinati all’igiene umana, secondo la decisione di esecuzione (UE) 2016/110 della Commissione

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

12 consigli per evitare sprechi alimentari

Energia grigia