in

Sviluppa un progetto di eco-consumo a scuola

Nell’ambito della promozione del Programma d’Azione dell’Assemblea dei Giovani Valloni per l’Ambiente *, GREEN Belgium ha organizzato una tavola rotonda sull’eco-consumo a scuola. Una ventina di attori del settore erano presenti per rispondere alla domanda “Come portare il consumo responsabile a scuola?”. Ecco il risultato delle discussioni tenutesi in questa occasione.

È un dato di fatto che la scuola genera tutta una serie di abitudini di consumo: bevande, dolci, pasti e materiale scolastico vengono consumati e utilizzati ogni giorno dagli alunni. Questo consumo ha anche un impatto sull’ambiente, sui diritti umani e sulle condizioni di vita dei produttori. Integrare concetti di eco-consumo nella scuola significa agire a favore dell’ambiente ma anche della società nel suo insieme.

Perché realizzare progetti di eco-consumo con i giovani?

Gli scopi sono diversi:

  • Rendere i giovani consapevoli dell’impatto dei consumi e delle azioni quotidiane.
  • Promuovere azioni eco-compatibili per ottenere un cambiamento di comportamento.
  • Consentire agli studenti di diventare attori nella loro vita e nella società , rendere gli studenti aperti alla partecipazione e all’azione civica.
  • Migliora la qualità della vita in senso lato . L’ecoconsumo può contribuire, ad esempio, alla creazione di un ambiente più sano e piacevole o all’instaurazione di una dieta migliore. Può prevenire problemi di salute e migliorare la salute degli studenti.
  • Risparmia sulle bollette (energia, carta, gestione dei rifiuti, ecc.)

Chi sono gli attori dell’eco-consumo a scuola e qual è il loro ruolo?

Gli insegnanti sono spesso i promotori dei progetti. Sono in prima linea per motivare gli studenti e portarli con sé nell’eco-consumo. Fin dall’inizio, devono essere almeno sensibilizzati alle questioni ambientali. La loro motivazione è essenziale per avviare il progetto. Idealmente, per motivare gli studenti, condividono la loro passione e agiscono in conformità con le idee e i valori che sostengono.

I giovani sono spesso chiamati a diventare attori, partecipanti o collaboratori di un progetto o di un’azione. Dai 15 ai 16 anni possono anche diventare iniziatori o piloti. Tuttavia, il supporto di uno o più insegnanti è sempre utile e necessario per incoraggiarli e, se necessario, riformulare le loro azioni.

Le associazioni forniscono supervisione e supporto al progetto. Forniscono una base teorica, competenze e assistenza concreta per la realizzazione dei progetti.

Le personalità possono migliorare un progetto e contribuire a renderlo sostenibile. Ad esempio, in occasione di un’inaugurazione, consentono di evidenziare un’iniziativa.

I genitori possono essere partner nell’ambito dell’associazione dei genitori. Inoltre, sono oggetto di una sensibilizzazione indiretta attraverso l’intermediazione dei loro figli.

Quali sono gli ambiti di eco-consumo che possono essere affrontati a scuola?

Cibo e bevande sono una porta perché sono onnipresenti nella vita di tutti i giorni. Iniziare domande come “Cosa stiamo mangiando?” “Oppure” Quali sono gli impatti del nostro cibo sull’ambiente e sulla società? »Portare a temi più complessi; come l’inquinamento, lo sfruttamento delle risorse, il cambiamento climatico, i diritti sociali dei lavoratori, le relazioni nord-sud, il ciclo delle stagioni, ecc. Le vie di risposte da fornire sono, tra le altre cose, l’agricoltura biologica, il commercio equo e solidale, la produzione locale, la frutta e la verdura di stagione e l’acqua del rubinetto come bevanda.

Si può anche prendere in considerazione l’attrezzatura utilizzata a scuola : materiale scolastico, carta, prodotti per la pulizia, ecc.

Tutto ciò che ha a che fare con la conservazione delle risorse naturali, infatti, rientra nell’eco-consumo: uso razionale di carta, acqua, energia ma anche prevenzione dei rifiuti. L’impronta ecologica è un tema trasversale molto ricco di apprendimento e concetti, ci permette anche di prendere coscienza dell’impatto dei nostri stili di vita.

Come integrare l’eco-consumo a scuola?

Una strada essenziale è migliorare l’offerta all’interno della scuola. Ad esempio, aprire un negozio che vende prodotti “ecologici” (forniture alternative e snack), offrire pasti responsabili, un buffet sostenibile in mensa o costituire un gruppo che offre snack più equi. Ogni scuola può sviluppare il progetto che meglio soddisfa le proprie esigenze e mezzi. Vari esempi sono presentati nella seconda sezione di questa scheda.

Quali scelte fare a seconda dell’argomento trattato?

Per il cibo , è meglio scegliere cibi biologici e locali. Per cioccolato, tè, caffè, banane e altri prodotti del sud, la scelta del commercio equo garantisce un reddito dignitoso ai produttori. Inoltre, la riduzione del consumo di carne e salumi può essere presa in considerazione anche nelle mense per contribuire a un futuro più sostenibile.

Per le bevande l’ acqua del rubinetto è considerata la migliore alternativa (zero rifiuti, zero trasporti). Da quel momento in poi, la scuola può rendere l’acqua del rubinetto più accessibile e attraente: installare fontanelle o fontanelle, offrire agli alunni bicchieri e brocche, ecc.

Per il materiale scolastico possiamo privilegiare carta e cartone riciclati, oggetti in legno non trattato da etichette di gestione sostenibile, ma anche materiale riutilizzabile e solido.

La prevenzione dei rifiuti può prendere vita promuovendo il cestino del pranzo o la zucca, creando compost a scuola, ecc.

Quindi, a livello di gestione della scuola stessa , il personale di manutenzione può utilizzare prodotti per la pulizia più delicati sull’ambiente e gli insegnanti possono gestire in modo più razionale carta e fotocopie (carta riciclata, inchiostro economico, stampa fronte-retro, ecc. ).

Qual è il ruolo dei giovani nei progetti di eco-consumo?

In tutti i progetti è auspicabile che i giovani svolgano un ruolo attivo.

Due scenari

  • Gli studenti partecipano alla creazione o alla gestione del progetto. Ad esempio, pensano alle azioni da attuare per avere un minore impatto sull’ambiente e scelgono un progetto e i mezzi per realizzarlo: negozio, uso razionale della carta, sensibilizzazione tra gli altri, ecc.
  • I giovani sono i buoni fruitori delle azioni messe in atto dalla scuola.

In tutti i casi, è necessario e prima dell’azione sensibilizzare i giovani affinché comprendano l’utilità delle scelte di eco-consumo e dei cambiamenti comportamentali.

Quali sono le condizioni per l’emergere di un progetto di eco-consumo?

Attualmente l’importanza data all’ambiente e alla salute nei media crea un clima favorevole allo sviluppo di progetti “ambientali”.
Ecco i fattori individuati come favorevoli alla realizzazione di progetti a scuola:

  1. La motivazione di un insegnante o idealmente di un gruppo di insegnanti.
  2. Conoscenza delle possibilità di aiuto e supporto interno (colleghi) ed esterno (associazioni, risorse umane, infrastrutture, ecc.)
  3. L’arrivo di una proposta esterna. Questo può motivare insegnanti e studenti su un tema particolare e creare dinamiche di gruppo. Ad esempio, bandi per progetti o concorsi dalla Regione Vallonia, dalla Comunità francese o anche da associazioni. Questi progetti sono stimolanti e danno credibilità agli insegnanti e alle loro idee. Inoltre, offrono spesso sostegno finanziario e follow-up.
  4. Aiuto esterno o una rete di partner. Consentono di guidare e supportare gli iniziatori (adulti o meno).
  5. Il supporto della direzione e del team educativo stimola la motivazione.
  6. Il coinvolgimento del consiglio di partecipazione o del consiglio studentesco. Questi luoghi di espressione consentono l’emergere e la sostenibilità dei progetti. È importante mantenere questi spazi di parola in modo che i giovani possano dire la loro.

Quali sono le condizioni per la sostenibilità?

  1. Il tempo deve essere messo a disposizione degli insegnanti o dei coordinatori. Le risorse umane e finanziarie devono evolversi parallelamente al progetto. Il volontariato non è sufficiente a lungo termine.
  2. La valutazione, l’adattamento e il riorientamento dei progetti sono necessari per svilupparli nel tempo.
  3. Avere una rete di partner (interni ed esterni: scuole, associazioni e / o amministrativi). Tuttavia, il supporto dall’esterno non dovrebbe diventare un vincolo eccessivo.
  4. Abbinare l’offerta della scuola alla domanda dei giovani nel rispetto dei criteri di eco-consumo.
  5. I giovani trovano il loro posto e il loro ruolo. Sono apprezzati e coinvolti nello sviluppo del progetto e lo fanno proprio. Idealmente, diventano portatori di messaggi di eco-consumo.

Quali caratteristiche dovrebbe avere un progetto per motivare i giovani?

Il progetto proposto deve essere molto concreto: gestire un negozio, preparare un pasto, una mostra, fare un’indagine, ecc. Insomma, un’azione chiara e definita nel tempo.

  • Il progetto deve essere flessibile! I giovani possono scegliere diversi parametri: i temi del lavoro, il modo di affrontarli, il tipo di azioni da svolgere, l’organizzazione o il loro coinvolgimento.
  • La scuola, gli educatori e le associazioni forniscono una struttura in cui i giovani possono integrarsi. Ad esempio attività o corsi tematici, schede pratiche per l’allestimento di un progetto, schede didattiche, materiale per l’allestimento di una mostra, ecc.
  • Nel caso di prodotti o azioni sostenibili, i giovani devono essere lasciati alla scelta, non forzare le mani. I comportamenti positivi devono essere valorizzati, supportati ed enfatizzati, ma la libertà di scelta deve essere mantenuta.

Quali sono gli ostacoli alla realizzazione di tali progetti?

  • I programmi e gli orari dei corsi sono piuttosto rigidi. Le attività, al di fuori del rigoroso lavoro di classe, possono richiedere molto tempo ed energie per studenti e insegnanti. Alcune persone a volte si scoraggiano. L’organizzazione e la gestione del tempo sono quindi essenziali.
  • I progetti di consumo alternativo possono creare una forma di competizione all’interno della scuola che può generare riluttanza da parte di dirigenti o insegnanti. I progetti di eco-consumo devono quindi essere sostenuti dalla scuola per integrarsi al meglio nelle attività preesistenti.
  • Mancanza di risorse umane e materiali.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Il WC intelligente sta arrivando per aiutarti meglio … a consumare

Quale rivestimento per pavimenti scegliere?