in

Un progetto di eco-consumo a scuola (indirizzi ed esempi)

Nell’ambito della promozione del Programma d’Azione dell’Assemblea dei Giovani Valloni per l’Ambiente *, GREEN Belgium ha organizzato una tavola rotonda sull’eco-consumo a scuola. Una ventina di attori del settore erano presenti per rispondere alla domanda “Come portare il consumo responsabile a scuola?”. Ecco il risultato delle discussioni tenutesi in questa occasione.

Chi contattare per forniture sostenibili?

  • Nella consulenza sanitaria, la Comunità francese finanzia il progetto sanitario “Manger-Bouger” che offre attività sul gusto, sul cibo, ecc. Contatto: Bettina Cerisier dell’organizzazione no profit “Question-Santé”, 02 / 512.41.74, bettina@questionsante.org, www.mangerbouger.be
  • Negli alimenti biologici , Nature & Progrès pubblica ogni anno il Biottin, elenco dei punti vendita biologici (negozi, fattorie, ecc.), È disponibile contro l’invio di 4 francobolli da 0,50 € a “Nature & Progrès Belgium” (520, rue de Dave, 5100 JAMBES), www.natpro.be
  • Per il commercio equo e solidale , il centro acquisti Oxfam può fornire tutti i prodotti del marchio alle scuole. Contatto: Hugo Roegiers, 010/43 79 63, jm@mdmoxfam.be, www.omdm.be e www.oxfam.be
  • Per acquisti sostenibili , il sito www.achatsverts.be fornisce indirizzi di fornitori di materiali ecologici.
  • Per le forniture ecologiche , gli opuscoli “Green Schoolbag”, pubblicati dalla Regione Vallonia, forniscono informazioni sul materiale scolastico ecologico. Contatto con il DGRNE, tel: 081 / 33.51.80 o numero di telefono gratuito 0800 / 11.901, www.reseau -idee.be / cartable-vert /

    – Scuole che hanno implementato progetti di eco-consumo spiegati di seguito.

A chi rivolgersi per informazioni?

Per agricoltura biologica (biologica) e locale

  • Nature et Progrès, promozione dell’agricoltura biologica e della filiera corta, www.natpro.be
  • Ecocert e Blik, enti di certificazione AB, www.ecocert.be e www.integra-bvba.be
  • UNAB, Unione Nazionale Agricoltori Biologici
  • Le fattorie ei loro contadini, i giocatori in campo
  • Probila-Unitrab, l’associazione professionale di trasformatori e distributori di prodotti dell’agricoltura biologica. www.probila-unitrab.be
  • Gruppi di acquisto comuni (GAC), scopri di più su Internet, nella tua città o quartiere, potrebbe essercene uno vicino a te!

Per il commercio equo

  • Oxfam, marchio del commercio equo e solidale, www.omdm.be
  • Fair Trade Belgium, etichetta del commercio equo e solidale

Sull’eco-consumo in generale

  • L’IDée, rete di informazione e diffusione nell’educazione ambientale, www.reseau-idee.be
  • I Centri regionali di iniziazione ambientale (CRIE) possono fornire attività su consumo, impronta ecologica, acqua, gestione e prevenzione dei rifiuti, ecc. www.crie.be
  • La scheda didattica, ideata dal CRIE de Mariemont, “Eco-consumo, una sfida di oggi per domani”, offre schede e attività per gli insegnanti
  • La malle des Consomm’acteurs, creata dal CRIE d’Anlier, offre laboratori per educare 10-14 persone all’eco-consumo e al commercio equo e solidale. In prestito da tutti i CRIE e da varie associazioni, vedere il sito web di Idée Network
  • Rencontre des Continents, associazione per l’educazione allo sviluppo, che fornisce attività e un kit educativo sugli “impatti ecosistemici del nostro modello alimentare”. Contatto: Malorie Cauchy, 02/734 23 24 – http://rencontredescontinents.be/

 

Per passare dalla teoria alla pratica:

Tre progetti di eco-consumo a scuola

1. “Porta le borse della scuola ai tavoli”

Il progetto scolastico Sacré-Cœur de Charleroi offre agli studenti uno spuntino sano e / o sostenibile ogni giorno.

In origine, ciò che motivava gli insegnanti era un invito a presentare progetti lanciato dalla Comunità francese: “A table les satchels”. Questo mirava a promuovere un’alimentazione sana a scuola.

Il progetto ha proposto di aderire a una carta del cibo sano e quindi di creare e attuare un piano d’azione per migliorare il cibo nella scuola.

Da quel momento in poi, il Sacro Cuore ha iniziato a funzionare. Il progetto ha portato a varie azioni: l’installazione di fontane, uno spuntino salutare, l’organizzazione di attività in tutte le classi, ecc.

D’ora in poi, ogni giorno viene offerto agli studenti uno spuntino a buffet, che propone cibo seguendo la piramide alimentare ma anche gli assi dello sviluppo sostenibile (vengono evidenziati i prodotti locali, biologici o del commercio equo e solidale). Frutta, verdura, cereali e latticini si alternano nei piatti dei bambini. La merenda viene consumata a tavola per creare un’atmosfera amichevole favorevole alla scoperta. Inoltre, questa organizzazione consente di utilizzare posate e piatti riutilizzabili e quindi evitare sprechi inutili!

In precedenza, ogni classe ha ricevuto varie attività per sensibilizzare gli studenti su cibo, gusto, salute, raccolta differenziata, sviluppo sostenibile e igiene.

Alla fine, questo progetto consente ai bambini di avere una dieta sana ed equilibrata a un prezzo democratico (0,75 € al giorno). Inoltre, incoraggia la scoperta dei sapori, della piramide alimentare, dell’implicazione delle scelte alimentari sulla salute e sulla società (dal punto di vista ambientale, economico e sociale).

Persona di contatto:
Delphine Brousse (insegnante al Sacré-Coeur)
071 / 31.04.63 – d.brousse@swing.be

2. “Eco-Shop” a scuola

Vari progetti ambientali al Sainte-Véronique College hanno portato gli studenti a creare un “Eco Shop” a scuola.

Il progetto ambientale del Sainte-Véronique College è iniziato con la creazione di uno stagno. Questa prima azione è riuscita a mobilitare studenti e insegnanti. Successivamente è stata avviata un’attività complementare denominata “ecologia”. Qualche anno dopo, nell’ambito di un concorso indetto da Fost Plus, i giovani hanno proposto un progetto di eco-shop.

Questo progetto ha consentito ai giovani di assumere la responsabilità di un’azione ambientale. Loro stessi hanno rinnovato, rinfrescato e decorato una stanza per allestire il negozio ecologico. Hanno imparato a scegliere mobili che rispettino l’ambiente, garantendo al contempo un prezzo democratico. Ogni anno apprendono le qualità dei diversi tipi di materiali per selezionare le migliori forniture. Al momento, i giovani gestiscono il negozio durante la ricreazione e consigliano gli altri alunni. Ogni anno i giovani rivalutano la loro offerta di materiale scolastico e cercano di adattarli il più possibile alle esigenze degli alunni.

Cosa offre l’eco-negozio?

  • Materiale scolastico rispettoso dell’ambiente: cartelle, blocchi di carta, penne in carta riciclata, divisori in cartone riciclato, matite e misure in legno, penne ricaricabili, ecc.
  • Spuntini del commercio equo e solidale
  • Uno spazio eco-cittadino: una sala espositiva per i progetti artistici degli studenti, computer accessibili a tutti per fare ricerche sull’ambiente, documentazione sull’ambiente (depliant, ecc.).

All’inizio dell’anno, gli studenti possono ordinare online tutto il materiale scolastico di cui hanno bisogno. Per loro verrà realizzato un pacchetto personalizzato. Per mantenere la coerenza ambientale, è chiaramente specificato sul modulo che si deve prima tentare di conservare e recuperare il materiale dell’anno precedente. Il progetto è visto come un servizio offerto agli studenti, senza scopo di lucro.

Chi gestisce l’eco-shop?

  • Un gruppo per la merenda del commercio equo e solidale composto da una quindicina di studenti
  • Un gruppo per il materiale scolastico composto da 22 studenti
  • Tre professori gestiscono gli aspetti contabili e finanziari.

Contemporaneamente a questo progetto, la scuola ha intrapreso la certificazione ISO 14.001. Questa gestione ambientale mira a migliorare le prestazioni ambientali della scuola e la mantiene in una dinamica attiva a questo livello (l’ambiente è favorevole allo sviluppo di progetti).

Persona di contatto:
Joëlle Leyen (assistente alla regia al Collège Sainte-Véronique)
04 / 252.40.72 – jo.leyen@sainte-veronique.be

3. I giovani negozi del mondo di Oxfam, noti come J’Ms

Gruppi di commercio equo e solidale a scuola.

Oxfam offre ai giovani dai 14 ai 18 anni di riunirsi per formare un gruppo J’M a scuola. Almeno 8 studenti e 2 insegnanti devono essere coinvolti nel progetto e organizzarsi democraticamente. L’obiettivo è allestire un piccolo punto vendita che offra prodotti del commercio equo e solidale. Oxfam fornisce gli snack e le bevande di cui gli alunni hanno bisogno (sempre a marchio Oxfam). I giovani scelgono i prodotti che vendono, gestiscono le scorte e la contabilità. Ogni anno Oxfam organizza due corsi di formazione. I giovani possono incontrarsi lì, discutere la loro esperienza e informarsi su altri progetti.

Attualmente sono attivi 99 gruppi in Vallonia. Ogni gruppo lavora in modo diverso. Il ruolo degli insegnanti e degli studenti varia a seconda del contesto scolastico, dell’età dei partecipanti e delle loro motivazioni. In alcune scuole è “di moda” partecipare al J’M in altre no …

L’obiettivo di Oxfam attraverso i J’M è quello di avviare una riflessione sui consumi. Al di là della vendita vera e propria, è la consapevolezza ad essere mirata. I prodotti del commercio equo e solidale sono solo una parte del consumo sostenibile. I giovani sono quindi incoraggiati anche da Oxfam a scoprire prodotti biologici, locali e artigianali.

Attraverso questo progetto, i giovani possono sviluppare il loro pensiero critico in relazione al consumo, trovare alternative ma anche imparare a organizzarsi in gruppi, a gestire i conflitti, … Inoltre si confrontano con consapevolezza e persuasione.

Persona di contatto:
Stéphanie Dupont (coordinatore J’M presso Oxfam)
010/43 79 63 – jm@mdmoxfam.be

 

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Cibo: perché e come evitare i contenitori di plastica?

Fai da te: come fare lo scrub per il corpo e il viso fatto in casa?